GEOMETRIA TETRAEDRICA DELL’ACQUA

Galleria

This gallery contains 2 photos.

GEOMETRIA TETRAEDRICA DELL’ACQUA La Geometria Tetraedrica rivela le Straordinarie Proprietà dell’Acqua L’acqua è il materiale più comune e ancora meno compreso sulla Terra. Nonostante la sua semplicità, l’acqua tende a formare un ordine tetraedrico localmente mediante legami direzionali delle molecole di idrogeno. Questa struttura è nota per essere responsabile di una vasta gamma di proprietà insolite, ad esempio la sua … Continue reading

ALFABETI ARCHETIPI E FORMAZIONE DEL PENSIERO

Galleria

This gallery contains 35 photos.

ALFABETI ARCHETIPI E FORMAZIONE DEL PENSIERO INTRODUZIONE In questo testo desidero condividere le conoscenze che ho appreso riguardo al processo di formazione del pensiero e dei modi in cui l’esperienza acquisita possa essere trasmessa. Nonostante abbia già esposto il mio pensiero riguardo all’impossibilità della condivisione dell’esperienza nella terza dimensione, dimensione questa destinata alla sperimentazione materiale e non alla condivisione intellettuale … Continue reading

Benedire il Cibo prima di consumarlo

Galleria

This gallery contains 3 photos.

Benedire il Cibo prima di consumarlo Il Cibo che tutti noi consumiamo ogni giorno risulta inquinato da un’infinità di fattori organici e non soltanto, se pensiamo agli OGM, ai pesticidi, all’acqua inquinata con cui è stato irrigato o dissetato, alle confezioni in cui è contenuto come le Plastiche PET, l’alluminio o lo stagno dei barattoli ed infine i metalli pesanti … Continue reading

IL SALE NATURALE NELLA FILOSOFIA E NELLA METAFISICA

Galleria

This gallery contains 5 photos.

IL SALE NATURALE NELLA FILOSOFIA E NELLA METAFISICA Articolo e traduzione dei riferimenti: Luciano Gianazza. IL SIGNIFICATO DELLA PAROLA SALE La parola sale deriva dal termine latino sal, che proviene dalla parola sol, sole. La soluzione di acqua e sale è la materializzazione liquida dell’energia del sole, l’energia della luce legata in una struttura geometrica in grado di creare e … Continue reading

LA NONNA OTTANTENNE CHE HA FATTO METTERE AL BANDO LE BOTTIGLIETTE DI PLASTICA NELLA SUA CITTA’

Galleria

This gallery contains 2 photos.

LA NONNA OTTANTENNE CHE HA FATTO METTERE AL BANDO LE BOTTIGLIETTE DI PLASTICA NELLA SUA CITTÀ’ “I really feel at the age of 86 that I’ve really accomplished something.“ Jean Hill. Grazie a lei a Concord, Massachusetts non si vendono più’ bottigliette di plastica E’ un vero peccato che abbia scoperto questa signora, Ms. Jean Hill, solo adesso. Io sono … Continue reading

IL POTERE DELLE PAROLE

Galleria

This gallery contains 5 photos.

IL POTERE DELLE PAROLE L’ULTIMA INTERVISTA Masaru Emoto: il potere delle parole Una delle ultime interviste rilasciate in Italia da Masaru Emoto, il grande ricercatore giapponese, scomparso nel 2014 fa e noto in tutto il mondo per i suoi studi sulla memoria e la coscienza dell’acqua. Ecco il suo pensiero sulla creazione, sull’amore, sulla gratitudine, sulla comunicazione con Dio e … Continue reading

Acqua del Rubinetto

Immagine

Acqua del Rubinetto

Acqua del Rubinetto 05Da poco tempo ho abbandonato la pessima abitudine di acquistare acqua in bottiglia, come tutti ero convinto che l’acqua del rubinetto fosse pesantemente inquinata e servisse solo per lavare i piatti ed il corpo. Informandomi e dopo aver visto questo video: “Come ti creo il bisogno (LINK)  La storia dell’acqua in bottiglia”; ho compreso che anche in questo caso, il “bisogno dell’acqua in bottiglia” è stato fabbricato ad arte dalle multinazionali delle bevande gassate e tramite massicce, martellanti campagne pubblicitarie trasmesso alle “masse”. Si è riusciti a vendere a caro prezzo un prodotto abbondante, economico e disponibile a tutti come l’acqua. Ricordo le parole di Ighina che andato in Africa a proporre il suo dispositivo per far piovere si è visto messo alla porta dai governanti dei paesi più poveri e siccitosi esistenti con queste parole: “Si prenda la sua roba e se ne vada, noi qui ci guadagniamo sulla mancanza d’Acqua

Comprare acqua minerale, infatti, è un’abitudine che costa caro, sia al portafoglio (L’acqua del rubinetto costa pochissimo da 0,40 a 0,60 euro al metro cubo (1000 litri!) L’acqua in bottiglia costa circa 500/1000 volte di più ) che all’ambiente, con oltre 200.000 tonnellate di plastica prodotta per imbottigliare circa 11 miliardi di litri d’acqua.

Acqua del Rubinetto 02Tra l’altro, a ben guardare, i soldi spesi per la minerale servono non tanto a pagare la materia prima, ma tutte le altre voci che gravitano attorno al business dell’acqua: pubblicità, trasporto, imballaggio e smaltimento.

L’acqua in bottiglia è la responsabile di uno dei più grandi disastri ecologici del pianeta come avevo già riportano in questo post: San Francisco vieta le bottiglie di plastica, gli americani usano infatti 50 milioni di bottiglie di plastica all’anno, delle quali viene riciclato solo il 23 per cento, secondo quanto riportato dalla campagna Ban the bottle. La produzione di queste bottiglie richiede 17 milioni di barili di petrolio e una quantità d’acqua maggiore di quella contenuta in una bottiglia.

Acqua del Rubinetto 04Una quantità di rifiuti di plastica pari a un camion viene gettata in mare ogni minuto: 8 milioni di tonnellate di plastica ogni anno. Si stima infatti che nel 2050 negli oceani di tutto il mondo ci sarà più plastica che pesce. Il Pacific trash vortex è un’isola di plastica che galleggia a nord dell’oceano pacifico, in continua espansione. Ci sono altri accumuli simili, fatti di piccoli pezzi di materiali petrolchimici, confusi spesso per cibo dagli uccelli marini. Un vero dramma poiché fa entrare la plastica nella catena alimentare. In Italia uno dei paesi europei dove maggiore è il consumo di acque minerali si accumulano 150.000 tonnellate di bottiglie all’anno in rifiuti!

È inoltre falso, tranne che in rari casi, che l’acqua in bottiglia si più controllata di quella del rubinetto, questa subisce controlli molto più frequenti e più dettagliati rispetto all’acqua in bottiglia in quanto le analisi chimico-batteriologiche possono essere eseguite – per legge – anche una sola volta ogni cinque anni.

Viene inoltre affermato da “fonti interessate” che l’acqua del rubinetto è contaminata dal cloro o che il suo consumo provoca i calcoli ai reni, altre falsità. Essendo il cloro volatile, è sufficiente lasciare l’acqua attinta dal rubinetto in una brocca per circa 10 minuti affinché il cloro evapori. Come non c’è nessuna evidenza che correli la formazione dei calcoli con il calcare contenuto nell’acqua.

Acqua del Rubinetto 03Per concludere vi invito a vedere questo video che contiene Le Scioccanti dichiarazioni della Nestlè sul diritto all’Acqua, qui il Ceo di Nestlè espone le aberranti teorie che guidano l’azione delle multinazionali, in cui l’unica cosa che importa è l’aumento costante dei profitti per i propri azionisti. Chiaramente questo signore ed il suo pensiero sono il risultato di anni condizionamento psicologico dettato dalla politica aziendale ma è interessate l’ultima parte del suo discorso, in cui inconsciamente analizza il fallimento morale della politica consumistica. Ammettendo che non ostante tutti i beni materiali che le persone accumulano, l’infelicità e la depressione imperano in questa società. Vi esorto ancora a bere acqua del rubinetto e prima di farlo beneditela con una piccola preghiera di ringraziamento.

LA CANZONE DELL’ACQUA

Galleria

This gallery contains 4 photos.

LA CANZONE DELL’ACQUA LA PROSPETTIVA DI UNO SCIAMANO COSMICO Scritto da Celia Fenn L’acqua è una sostanza elementare multi-dimensionale che è Luce Liquida nelle Dimensioni Superiori. Quando entriamo nella Nuova Coscienza della Terra, dobbiamo conoscere l’Acqua come Luce Liquida e comprendere e rispettare il suo scopo nelle nostre vite sul Pianeta Terra. L’acqua è un essere puro e bello e … Continue reading

RISPARMIARE ACQUA IN CASA E IN GIARDINO

Galleria

This gallery contains 3 photos.

RISPARMIARE ACQUA IN CASA E IN GIARDINO 25 MODI PER RISPARMIARE ACQUA IN CASA E IN GIARDINO Nonostante nel nostro paese l’acqua non sembra mancare, questo non vuol dire sprecarla. Il referendum di giugno ha portato prepotentemente l’attenzione di tutti su questo bene prezioso, riuscendo a mobilitare milioni di persone che hanno ribadito la loro volontà di tenerla pubblica. Ora … Continue reading

FISICA DELL’UNITÀ

Immagine

FISICA DELL’UNITÀ

FISICA DELL'UNITÀ 3in questo Post raccolgo tutti gli articoli riguardanti la mia ricerca sulla Fisica Moderna e la sua relazione con gli insegnamenti tramandati dalle antiche tradizioni con il nome di “Geometria Sacra”. Non è sicuramente facile conciliare le due cose ma se si guarda con attenzione si scopre che quanto scritto nei “Veda” o nei “Commentari alle stanze di Dyzan” o nella” Bibbia degli Esseni” è essenzialmente quanto ipotizzato dagli scienziati moderni più all’avanguardia come Nassim haramein, David Bohm, Kozyrev, Steven Backster, Masaru Emoto, Victor Schauberger, Ighina, Wilhelm Reich, Wildcock, Nikola Tesla, Todeschini, Andrija Puharich e altri.

In molte parti di questa ricerca sono presenti, quale origine di fenomeni fisici, concetti filosofici e religiosi e ciò può essere difficilmente accettato dalle menti educate al rigido razionalismo scientifico che separa, nettamente, la Scienza dalla Religione e dalla Filosofia. Questa visione razionalistica della Scienza è parziale e conduce spesso a conclusioni monche e minate da evidenti paradossi a cui si cerca di rimediare con teoremi inconcludenti, forieri di nuovi paradossi. La Scienza e la Coscienza non possono essere separate, come non è possibile separare la Fisica dalla Metafisica, l’una è parte dell’altra. Se riuscite a comprendere questo, i seguenti articoli possono aiutarvi a capire la dinamica alla base della creazione della Realtà per come la percepiamo.

In questa ricerca ho cercato di essere il più chiaro e semplice possibile nell’esposizione ma questi sono concetti che non possono essere espressi con “parole povere” e necessitano di uno sforzo di comprensione considerevole da parte di chi legge. Link agli articoli:

Il Campo Energetico Quantico: CAMPO ENERGETICO QUANTICO

La Realtà Poligonale: LA REALTÀ POLIGONALE

La Creazione secondo Ra: LA CREAZIONE SECONDO RA

La DINAMICA DELLA VIBRAZIONE E LA MECCANICA DELLA STRUTTURA INTERNA DEI POLIGONI

Le Dimensioni: LE DIMENSIONI

I Frattali: UNIVERSO OLOFRATTALE

Forme Pensiero  e Solidi: Forme Pensiero Etere e Solidi Geometrici

La Polarità e il Magnetismo: POLARITÀ E MAGNETISMO

Cosmologia Fisica e Metafisica: COSMOLOGIA METAFISICA

In un Video: Inner Worlds, Outer Worlds e in una straordinaria testimonianza: ESPERIENZA DI PRE MORTE DI MELLEN-THOMAS BENEDICT; la sintesi di tutto quanto raccolto in questa sezione.

APPENDICE: La Piramide (PRIMA) (SECONDA) (TERZA) Parte

APPENDICE : SIMBOLI VESCICA PISCIS E LE SUE CELATE PROPRIETÀ

APPENDICE : SIMBOLI SATOR PROIETTORE DI FORME

Integrazione: Forme Pensiero Etere E Solidi Geometrici (questo testo approfondisce quanto esposto nella Realtà Poligonale)

Approfondimento: “Tempo E Pensiero”: TEMPO E PENSIERO

Approfondimento: Alfabeti Archetipi E Formazione Del Pensiero

APPENDICE : SIMBOLI ABRACADABRA SIGNIFICATO E PROPRIETÀ NUMERICHE

Acqua e Orgonite

Galleria

This gallery contains 33 photos.

Acqua e Orgonite «Quando voi guardate l’acqua, l’acqua guarda voi. E non solo questo; l’acqua percepisce quello che pensate, il panorama del vostro cuore, la vostra radiazione». Masaru Emoto Gli interessanti studi di Masaru Emoto condotti sui cristalli d’acqua hanno fondamentalmente cambiato il modo di vedere e percepire la realtà che ci circonda. Sin dalle scuole elementari ci è stato … Continue reading

IL MIRACOLO DELL’ACQUA

Galleria

This gallery contains 2 photos.

IL MIRACOLO DELL’ACQUA Estratti Tratti Dal Libro “IL Miracolo Dell’acqua” Di Masaru Emoto “Diversi campioni d’acqua possono sembrare identici, ma se un campione viene esposto a parole positive come “Grazie”, mentre un altro a parole negative come “stupido” finiranno per formare tipi di cristalli ben distinti. Quelli risultanti da “Grazie” sono equilibrati e ben formati, mentre quelli che nascono dalla … Continue reading

Il distillatore solare che rende l’acqua di mare potabile

Galleria

This gallery contains 4 photos.

Il Distillatore Solare Che Rende L’acqua Di Mare Potabile Trasformare l’acqua salata o salmastra in acqua potabile grazie all’energia solare per aiutare le popolazioni dei Paesi in via di sviluppo. Ecco l’idea alla base di Eliodomestico, il distillatore solare ideato dal designer italiano Gabriele Diamanti. Funziona senza filtri e senza elettricità, non richiede molta manutenzione e può produrre 5 litri … Continue reading

100 litri d’acqua al giorno

Immagine

100 litri d’acqua al giorno (nel deserto) imitando gli scarafaggi: così un architetto italiano sfida la crisi idrica

Può un’idea, un progetto, modificare abitudini e risolvere una crisi mondiale come quella dell’acqua potabile?

100 litri d’acqua al giorno 1La domanda se l’è posta un italiano. L’architetto Arturo Vittori , fondatore dello studio Architecture and Vision, nel suo primo viaggio in Etiopia. Sulle spalle un bagaglio di conoscenze “spaziali”, maturato da progetti in collaborazione con enti governativi come l’ESA, la NASA… confrontandosi con paesaggi ostili e progettando con quello che il territorio riesce ad offrire.

In un momento storico segnato da crisi economiche, ambientali e sociali, ecco che ritorna il self-made, la tradizione del “fatto in casa”, dell’artigianato. Un’alternativa al modello capitalistico che non ha saputo conciliare l’attività umana con la natura, l’attività del singolo con quelle della collettività.

Come dice Vittori: “Quando si progetta una base per la Luna o su Marte il self-made è fondamentale. Per gli insediamenti lunari di prima generazione l’uomo si dovrà confrontare con un ambiente molto ostile, estremo, con poche risorse disponibili ma fondamentali. Quando i primi astronauti, i primi robot, arriveranno, dovranno approcciare il problema con un self-made, dovranno fare tutto da loro. Andare in luoghi come l’Etiopia è un po’ come andare sulla Luna, in un certo senso”.

Il progetto WarkaWater, la torre che cattura acqua potabile dall’aria, nasce appunto come un self-made in questo suo primo viaggio, nel 2012. Recatosi nelle campagne etiopi viene a contatto con la crisi reale della scarsità di acqua potabile. Dal workshop in situ, in collaborazione con l’Università di architettura di Addis Abeba, si iniziano a studiare possibili soluzioni e materiali da utilizzare. Scontrandosi anche con il genius loci, dove le risorse più importanti erano e sono quelle umane… tanta gente capace e vogliosa di fare.

Lo scenario di sperimentazione è quello del nord-est dell’Etiopia. Un paesaggio agricolo di sussistenza, caratterizzato da altopiani che raggiungono i 5.000 m e con villaggi disseminati sul territorio. Qui le condizioni climatiche fanno si che il processo di raccolta dell’acqua per condensazione possa avvenire, combinandosi col fattore crisi, l’esigenza pratica di acqua potabile. Una volta acquisiti quindi la manodopera; il materiale a basso costo (l’Etiopia è il primo produttore in Africa di bamboo) e definito il luogo, Awra Amba, un piccolo villaggio di poche centinaia di abitanti, la cui economia è basata sull’artigianato tessile, il concept del warka inizia a prendere forma in un prototipo scala 1:10.

100 litri d’acqua al giorno 2Ma cos’è il Warka? Cosa fa? E perché WarkaWater?

Tutto inizia da un piccolo insetto, la Stenocara. Lo scarafaggio del deserto della Namibia. Più piccolo di quelli che siamo abituati a vedere, è uno dei pochi esseri che riesce a sopravvivere nei deserti. Di giorno vive sotto la sabbia, “un pò come si dovrebbe fare sulla luna, che si sopravvive a condizioni estreme protetti dalla regolite, la sabbia lunare”, poi di notte quando le temperature scendono esce fuori. Si posiziona a circa 35°, sollevando le zampette posteriori inclinando così il guscio superiore. Quello che fa durante la notte è raccogliere acqua per condensazione sul proprio corpo, che posizionato alla giusta inclinazione, permette all’acqua di scivolare in avanti per essere assimilata. L’acqua accumulata è ricca di iodio e di elementi che gli permettono di sopravvivere anche per sette-otto mesi senza mangiare.

Studiato da ricercatori inglesi, questo insetto, in particolare il suo esoscheletro, è stato oggetto di una ricerca, che ha portato il Ministero della Difesa del Regno Unito a brevettare uno speciale tessuto, lo stesso usato per il Warka. Attualmente è in via di sperimentazione per fornire scorte d’acqua all’esercito di Sua Maestà nel deserto, per mezzo di particolari tute militari. Come la pelle dello scarafaggio, il tessuto è idrorepellente, non assorbe l’acqua, e non la lascia stagnare, anzi, la fa defluire.

L’ispirazione è stata questo insetto… se noi riuscissimo con i nostri edifici, con le nostre case, i nostri grattacieli a fare un decimo di quello che fa questo insetto, il consumo di acqua verrebbe risolto, con un po’ d’ingegno , senza alte tecnologie, scoprendo semplicemente le tradizioni di alcune popolazioni che utilizzano questo approccio in diversi modi”.

100 litri d’acqua al giorno 3Tornati da Addis Abeba avendo ben chiari gli obiettivi del concept, Vittori propone un secondo workshop, questa volta allo IUAV di Venezia, con la volontà di realizzare un modello scala 1:1. Qui con l’ausilio di software attuali, un approccio progettuale del tipo parametrico ed algoritmico, il Warka si evolve. Una torre alta 9 m, costituita da una struttura reticolare a maglia triangolare, realizzata in materiali naturali tipici dell’Etiopia come il bamboo ed il giunco. Con un peso di solo 60 kg, è costituita di 5 moduli che si installano dal basso verso l’alto e possono essere sollevati e assemblati da 4 abitanti di un villaggio senza la necessità di ponteggi. Al suo interno il tessuto speciale in grado di raccogliere l’acqua potabile dall’aria per condensa, e alla base un recipiente.

100 litri d’acqua al giorno 4In condizioni climatiche diciamo etiopi, dove di giorno si hanno temperature miti e di notte l’escursione termica è molte forte, la differenza di temperatura tra tessuto e aria, fa in modo che quest’ultima a contatto con il tessuto condensi rilasciando dunque l’acqua, elemento comunque presente nell’aria in percentuale più o meno alta. Al mattino sarà quindi possibile trovare sotto la struttura fino a 100 litri di acqua potabile. Utili a coprire il fabbisogno di una famiglia.

L’immagine che ci descrive Vittori è quella di villaggi dove donne e bambini partono a piedi nudi al mattino, per andare a cercare l’acqua. Camminando per ore sotto il sole, arrivano in luoghi dalle condizioni estreme, dove l’acqua è tutt’altro che potabile. La scena si ripete per tutto il giorno. Per fare questo i bambini dei villaggi non studiano. Spediti alla ricerca di acqua vengono sottratti all’istruzione fino al calare del sole, momento in cui, nel villaggio, la vita si ferma data la mancanza di elettricità.

L’obiettivo del WarkaEnergy e del WarkaPeople, varianti o meglio ulteriori step del progetto, è quello di divenire in un certo senso il centro del villaggio. Attorno a queste strutture, con l’ausilio di piccole celle fotovoltaiche e canopi, anche alla sera i bambini potranno ritrovarsi, potranno leggere, studiare e giocare…

Il Warka diventa quindi centro di risorse.

Non a caso il nome Warka è preso da un particolare albero di fico tipico dell’Etiopia. Un albero immenso, che crea una zona d’ombra molto importante, sotto la quale le popolazioni si riuniscono per fare le loro assemblee.

Insomma uno spazio urbano. Quello che per noi, nella nostra cultura italiana, equivale alla piazza.

100 litri d’acqua al giorno 5 100 litri d’acqua al giorno 6Insegnare a queste persone un metodo, una risorsa… innescherà una cultura del fare, che di fondo è già in essere, ma che una volta regolata ed accettata dagli abitanti di questi territori, diventerà un sapere da tramandare. Parliamo di una struttura che assolve ad una funzione molto importante e che se integrata allo svolgimento della vita di un villaggio, avrà un forte impatto a livello antropologico… “è impossibile adesso definire quello che succederà, ma di certo sappiamo che una volta che avranno l’acqua, i bambini potranno studiare, le donne non si dovranno più spostare… tutto ciò è uno sconvolgimento che è avvenuto già nella società”… una sorta di civilizzazione.

100 litri d’acqua al giorno 7Da qui la storia vuole che vuole che il Warka venisse replicato nuovamente. Questa volta lo spazio è quello della 13esima Mostra Internazionale di Architettura alla Biennale di Venezia. Uno scenario importante, che offre l’occasione a Vittori di promuovere il progetto oltre i confini nazionali tanto da raggiungere gli spazi espositivi della “Cité des Sciences et de l’industries” nel Parc de la Villette a Parigi. Attualmente lo Studio e le diverse Partnership sono al lavoro per raccogliere i fondi necessari per realizzare altre due strutture, per avviarne la diffusione in Etiopia.

Che siano davvero queste le gocce a far traboccare il vaso?! Beh… me lo auguro!!

Roma, 5 giugno 2014

Dario Pompei | nITroSaggio

Fonte: 100 litri d’acqua al giorno (nel deserto) imitando gli scarafaggi

Frequenze Miracolo

Galleria

This gallery contains 4 photos.

Frequenze Miracolo Si è scoperto che potenti frequenze sonore furono date alla chiesa molti anni fa per uno scopo profondamente spirituale. La gente che andava a messa, che un tempo si faceva solo in latino, cantava in coro usando l’ antico linguaggio, in questo modo si creava una vibrazione molto potente. E’ stato appurato che il latino è un linguaggio … Continue reading

MASARU EMOTO È MORTO

Immagine

MASARU EMOTO È MORTO

emotoMasaru Emoto è morto: le informazioni che questo grande uomo ha portato su questa Terra hanno cambiato per sempre la nostra realtà

Uno degli scienziati più noti al mondo per la teoria della memoria dell’acqua ci ha lasciato alle 12:50 am (Japan Time) di oggi 17 ottobre 2014.

Masaru Emoto (江本勝 Emoto Masaru) nato a Yokohama il 22 luglio 1943, documentava da più di 15 anni attraverso fotografie microscopiche il fatto che i cristalli dell’acqua assumono una forma armoniosa e simmetrica oppure completamente disordinata in base all’informazione che ricevono. Da qui la sua teoria della memoria dell’acqua: l’energia, o meglio la sua vibrazione, che sia sotto forma di suono (musica, voce o preghiere) o sotto forma di parole scritte o pensieri, può informare l’acqua che registra tale vibrazione (definita Hado dalla cultura giapponese) e muta la sua forma.

d emLe fotografie più impressionanti sono quelle che ritraggono le molecole dell’acqua sottoposte a vibrazioni di felicità, gioia, amore e gratitudine, considerate le vibrazioni più alte: la forma dei cristalli assume una forma geometrica perfettamente simmetrica, simile ai fiocchi di neve, come nella foto seguente.
Il lavoro di Masaru Emoto ha dato un contributo molto importante nel cambiamento della coscienza collettiva: grazie alle immagini fornite dalle sue ricerche ognuno ha potuto comprendere in una maniera molto diretta e immediata che i pensieri e le parole hanno una forza tale da modificare la materia.

Sito ufficiale di Masaru Emoto: Sito Ufficiale

masaru emotoDear friends of Masaru,

Early this morning, Masaru has passed away. His wife was with him.

Since he became ill in Shanghai, he has received so much love and gratitude from his dear friends of all over the world. He was very encouraged and happy to receive your kind messages with love.

His last word was “Arigato”. (“Thank you” in Japanese) We believe his last word was to you, everybody. He was so grateful for you and thanked you all so very much.

He used to say, “Life is LOVE which is a gift from God and parents, and DEATH is gratitude for going to a new dimension”. So now he is in another dimension and continues to look over us warmly with love and gratitude.

We are going to carry on his mission of spreading the power of “love and gratitude”.

We thank you very much for offering prayers for Dr. Emoto, and please send your love, light, and gratitude to him once again.

With much love and gratitude,

OME Staff