SURYA YOGA

Galleria

This gallery contains 4 photos.

SURYA YOGA IL SOLE CENTRO DELL’UNIVERSO. Tutto ciò che esiste sulla terra è contenuto allo stato eterico nel sole. Cari fratelli e sorelle avrete certamente notato che, quando il sole appare, cala il silenzio; tutta la natura rimane attenta e si raccoglie, come se volesse porsi nelle migliori condizioni per ricevere doni dal sole. La terra, gli animali, gli insetti, … Continue reading

LA MUSICA

Galleria

This gallery contains 3 photos.

LA MUSICA Pensieri di Omraam Mikhaël Aïvanhov “La musica non è soltanto un susseguirsi di sonorità gradevoli; la musica è un condensato di forze, di vibrazioni. In qualche modo, con la musica si penetra in un mondo di magia: si può utilizzare la potenza delle vibrazioni sonore non soltanto per proiettarsi nello spazio, ma anche per creare. La musica facilita … Continue reading

Il Sentiero dell’Evoluzione

Galleria

This gallery contains 2 photos.

Il Sentiero dell’Evoluzione Pensieri di Omraam Mikhaël Aïvanhov “Anche nell’essere umano apparentemente più insignificante, si trovano qualità e virtù che attendono il momento di manifestarsi. Perciò, anziché occuparsi dei difetti dei suoi discepoli, un Maestro cerca di far apparire tutte le loro potenzialità divine. È in questo modo che io lavoro su di voi, ed è in questo modo che … Continue reading

RISPETTARE LA MORTE

Galleria

This gallery contains 2 photos.

RISPETTARE LA MORTE Non sono sempre le medesime anime che vengono a incarnarsi sulla terra. Spesso può succedere che ritornino dopo millenni, ma non è obbligatorio. Questo perché la terra non è l’unico luogo dove le creature possono fare degli stages ed evolvere. Dovunque nell’universo ci sono «terre» dove le creature si istruiscono. Quindi, nella stessa maniera come degli esseri … Continue reading

Ostacoli, Ci Obbligano A Salire Fino Alla Vetta

Immagine

Ostacoli, Ci Obbligano A Salire Fino Alla Vetta

Ostacoli, Ci Obbligano A Salire Fino Alla Vetta 003Per il corretto sviluppo degli esseri umani, i successi non sempre sono auspicabili. Ovviamente, se qualcuno è debole, gracile, è meglio che non incontri ostacoli troppo grandi sul suo cammino, poiché in caso di fallimento, non si riprenderà più. Se invece è forte, i fallimenti lo rafforzeranno ancora di più; le avversità e i nemici gli daranno delle energie che saranno per lui come un nutrimento, e un giorno egli diverrà invincibile. Purtroppo, non sono tante le persone che proseguono coraggiosamente sulla loro strada, nonostante gli ostacoli e le avversità: ben presto, la maggior parte delle persone si lascia scoraggiare, abbattere. Per poter attingere delle forze nelle avversità, occorre possedere già una grande ricchezza interiore. A volte, è proprio il Cielo che invia delle prove ad alcuni, poiché conosce la loro natura: sa infatti che, per raggiungere la vetta, occorre che essi si trovino a dover superare le più grandi difficoltà. Gli altri, invece, vengono risparmiati, perché altrimenti ben presto per loro sarebbe la fine. Il Cielo agisce quindi in modo diverso secondo gli esseri. Ecco perché è difficile pronunciarsi sul destino degli esseri umani: ai loro occhi, le prove appaiono spesso come ostacoli imposti dal Cielo, mentre invece sono delle buone condizioni che il Cielo offre loro affinché essi riescano ad elevarsi fino alla vetta.

Pensiero Di Omraam Mikhaël Aïvanhov

Fonte: Omraam Mikhaël Aïvanhov- edizioni Prosveta

I MAESTRI

Immagine

I MAESTRI

Di Omraam Mikhaël Aïvanhov

I MAESTRI 001“Vi chiedete secondo quali criteri si possa riconoscere un vero Maestro spirituale. È molto semplice: un Maestro spirituale deve soddisfare almeno tre condizioni. Prima di tutto, egli deve possedere la conoscenza dell’essenziale, quindi non ciò che gli esseri umani hanno scritto, creato o raccontato, ma “l’essenziale” secondo l’Intelligenza cosmica. In secondo luogo, un Maestro deve poter dominare, padroneggiare e controllare ogni cosa, dentro di sé. Chi è incapace di calmare e armonizzare i moti del proprio essere interiore, può sempre farsi chiamare “Maestro”, ma non lo è; e questo titolo, che egli non merita, servirà solo a renderlo ridicolo. La Natura non riconosce i diplomi umani: essa rilascia dei diplomi soltanto a coloro che possiedono la scienza dell’essenziale e che hanno imparato a dominarsi. “E il terzo criterio?”, chiederete… Si tratta di una qualità ancora più difficile da acquisire: mettere quella scienza e quella padronanza di sé al servizio dell’amore, per il bene del mondo intero.”

Pensiero Quotidiano del 26 Luglio 2006

Gli uomini non possono essere veramente trasformati dai libri; per trasformarsi hanno bisogno di ‘libri vivi’ che li stimolino, li trascinino e li scuotano“.

Il Maestro Omraam Mikhaël Aïvanhov è uno di questi libri meravigliosi, degni di essere letti ogni giorno, testimone di una perfetta coerenza tra pensiero, parole e azioni: la sua stessa vita è un esempio del percorso iniziatico.

I MAESTRI minifotoOmraam Mikhaël Aïvanhov (1900-1986) Maestro spirituale di origine macedone, visse dapprima in Bulgaria e nel 1937 si stabilì in Francia dove diede l’essenziale del suo insegnamento. Attraverso più di 5000 conferenze, esplora la natura umana nel suo ambiente, a scala individuale, familiare, sociale, planetaria. Colui che noi chiamiamo Maestro, nell’accezione orientale del termine, che si riferisce alla padronanza di sé e al talento pedagogico, ci dice: “Quel che io desidero con questo insegnamento, è darvi delle nozioni sulla vita, su voi stessi, su come siete costruiti, sulle relazioni che avete con l’universo intero e sugli scambi che dovete poi fare tra voi e l’universo che è la Vita.”

Fonte: Omraam Mikhaël Aïvanhov – Edizioni Prosveta

Nessuna prigione può trattenere lo Spirito

Galleria

This gallery contains 4 photos.

Nessuna prigione può trattenere lo Spirito Omraam Mikhael Aivanhov Omraam Mikhael Aivanhov è stato un grande Maestro, uno di quei rari iniziati che ha accettato su di sé sacrifici insopportabili per l’uomo comune, dalla povertà, alla solitudine, fino alla prigionia. “Per due anni sono rimasto immerso nel buio. Ne ho accumulato con grande gioia. Si trattava del buio più nero, … Continue reading

Fratellanza Bianca Universale

Galleria

This gallery contains 6 photos.

La Fratellanza Bianca Universale Solo se sei capace di superare le umane costruzioni ideologiche, mutevoli nel tempo, perciò periture, giungerai a quella conoscenza del divino che costituisce la trama della autentica tradizione. Non di quella letteraria o storica, ma di quella sacra di ogni popolo superiore; di quella mistica degli asceti o sapiente dei sacerdoti che, con la forza disciplinare … Continue reading

RIFLESSIONI SULLA MAESTRIA

Galleria

This gallery contains 2 photos.

RIFLESSIONI SULLA MAESTRIA Di Omraam Mikhaël Aïvanhov “Anche vivendo accanto a un grande Maestro, è difficile comprenderlo, o anche solo sentire la natura della sua presenza e la vita che gli è propria, perché le vibrazioni della vita spirituale sfuggono alle percezioni abituali degli esseri umani: tutto ciò li supera, perché essi non hanno sviluppato i centri che permetterebbero loro … Continue reading

Salute e Malattia

Galleria

This gallery contains 3 photos.

Salute e Malattia dall’insegnamento spirituale di Peter Deunov Peter Deunov, maestro di pensiero spirituale cristiano, è morto nel 1944 in Bulgaria. Nel seguito un estratto dal Libro Salute e Malattia, che lascia spunti “fuori dal coro” anche per il presente…. Uno dei problemi più importanti dell’essere umano è la sua salute. Ognuno dovrebbe essere sano. Ma la salute dipende da … Continue reading

MAGHI BIANCHI E MAGHI NERI

Immagine

MAGHI BIANCHI E MAGHI NERI

di O.M.Aivanhov

MAGHI BIANCHI E MAGHI NERI 004La coscienza di un Maestro è molto più vasta di quella della maggior parte degli uomini: Egli ha un ideale, dei punti di vista superiori e soprattutto è arrivato a una perfetta padronanza di se stesso. Naturalmente per far ciò è necessario molto tempo e un lavoro gigantesco. Per questo che nessuno può diventare Maestro in una sola incarnazione.

Se incontrate un Maestro, sappiate che tutte le qualità e virtù che manifesta non le ha acquisite in questa sola vita. Egli ha dovuto lavorare per secoli e millenni e poiché le qualità conquistate col proprio lavoro non svaniscono al momento in cui si lascia la Terra, quando si ritornerà si porteranno nuovamente con sé tali acquisizioni. Così da un’incarnazione all’altra si aggiungono nuovi elementi spirituali, fino al giorno in cui si diventerà un conduttore di Luce e virtù divine.

Purtroppo esistono alcuni esseri che si sono preparati per secoli a diventare conduttori del male, e questi sono i maestri di magia nera.

Si sono verificati casi in cui alcuni maghi bianchi sono diventati maghi neri. E’ sufficiente dar sfogo alla vostra natura inferiore. Se trasgredite senza sosta le leggi della bontà, della giustizia e dell’Amore cercando di riuscire a spese degli altri di derubarli e distruggerli, non potete far altro che diventare un mago nero. Molti si immaginano che per diventare un mago nero sia necessario avere un maestro diabolico che insegni l’arte del sortilegio e delle congiure malefiche. Può succedere, ma per mettersi al servizio del male non c’è assolutamente bisogno di un maestro; senza istruttore, senza maestro, senza nulla, si può diventare un mago nero se ci si lascia guidare troppo dalla propria natura inferiore. E’ la stessa cosa anche per un uomo che pensa solo ad aiutare e a illuminare gli altri: anche se non ha un Maestro che lo istruisce, è sulla strada giusta per diventare un mago bianco.

In realtà ogni essere umano ha un maestro, e se non è un maestro visibile, è un maestro invisibile. I criminali hanno un maestro, nel mondo invisibile, che non smette mai di consigliare loro di nuocere agli altri. Anche se dicono: “noi un maestro? Mai e poi mai!” Ebbene bisogna che questi ciechi sappiano che hanno un maestro di cui seguono i pericolosi consigli di giorno e di notte.

Naturalmente quando vi parlo di Maestri, sottintendo sempre i veri Maestri Spirituali, i maghi bianchi.

Un Maestro, nel senso Spirituale del termine,, è un essere che, innanzitutto conosce le verità essenziali secondo l’Intelligenza Cosmica, e non ciò che gli uomini hanno scritto, creato o raccontato. Successivamente deve aver avuto la volontà di dominare, domare e controllare tutto dentro di sé, ed esservi riuscito. Infine la scienza e il dominio acquisiti devono servire solo a manifestare le qualità e le virtù dell’Amore disinteressato.

Ciascun Maestro viene sulla Terra per manifestarvi una particolare qualità. Ci sono Maestri di saggezza, Maestri d’Amore, di forza o purezza. Tutti i veri grandi Maestri hanno obbligatoriamente una qualità in comune: il disinteresse.

MAGHI BIANCHI E MAGHI NERI 003Esistono così tanti impostori e ciarlatani pronti ad approfittare dell’ingenuità degli uomini!

Promettono loro di iniziarli in tre giorni – ovviamente pagando qualche migliaia di dollari. Il mondo è pieno di gente simile che getta fumo negli occhi, di imbroglioni che approfittano della credulità e della stupidità degli altri.

Non nego che abbiano qualche potere – chiunque esercitandosi li può ottenere – la questione tuttavia, è di sapere come vengono impiegati e per quale scopo. Il Cielo non si preoccupa dei mezzi che possedete, ma dell’uso che ne fate. Ciò che conta per Lui non è la vostra scienza, la vostra chiaroveggenza e i poteri, ma il vostro disinteresse. Potete avere la scienza, la chiaroveggenza e i poteri, ma finchè non agirete in modo disinteressato, anche se gli esseri umani vi riconoscono come maestro, il cielo non vi riconoscerà mai come tale.

Un vero Maestro non vi dirà mai di esserlo; vi lascerà tempo di sentirlo e comprenderlo, egli non ha fretta di essere riconosciuto. Al contrario un falso maestro, dal momento che ha dichiarato di essere tale non ha che un’idea: imporsi agli altri; si credono capaci di guidare gli altri prima di aver acquisito le virtù necessarie: la saggezza, l’Amore, la purezza, la forza, il disinteresse

Estratti da: Che cos’è un Maestro Spirituale? di O.M. Aivanhov

Fonte: O.M Aivanhov su PREPARIAMOCI

Il Nostro Sé Superiore Dimora Nel Sole

Galleria

This gallery contains 5 photos.

Il Nostro Sé Superiore Dimora Nel Sole Pubblicato da beatrice Dovete sapere che siamo venuti sulla terra per evolvere e che, per migliorarci, nulla è più importante del lavoro su noi stessi. Esso è la base del nostro successo, del nostro avvenire e della nostra felicità; al di fuori di questo non ci si deve attendere nulla… Poiché ci stiamo … Continue reading

AIUTARE GLI ALTRI

Immagine

AIUTARE GLI ALTRI

AIUTARE GLI ALTRI 003“Desiderate sinceramente aiutare gli altri a migliorare? Evitate di criticarli e non fate loro la morale, ma iniziate col migliorare voi stessi: solo il vostro esempio mostrerà loro che si sbagliano, che si comportano male.

Sì, il vostro esempio,perché lavorando su se stessi, si lavora sugli altri. Gli altri si accorgono che possedete delle qualità che essi non possiedono, ed è questo che li migliora, perché comprendono i vantaggi che trarrebbero nell’imitarvi. Coloro che si occupano delle debolezze e dei vizi degli altri, diventano spenti, antipatici, come se i difetti di cui parlano finissero per fissarsi in loro stessi; ciò è deplorevole, ed essi sono da compiangere.

Iniziate quindi col migliorarvi, e lasciate gli altri tranquilli. Accettateli, siate pazienti, e lavorate giorno e notte instancabilmente per mostrare loro tutto ciò che sforzi sinceri permettono di acquisire. Dato che essi ancora non lo sanno, non è con le parole che glielo insegnerete, bensì col vostro esempio.”

Omraam Mikhaël Aïvanhov

Tratto da: http://www.prosveta.it/

Pericoli Insiti Nello Spiritualismo E Nell’occultismo

Galleria

This gallery contains 2 photos.

Pericoli Insiti Nello Spiritualismo E Nell’occultismo Omraam Mikhael Aivanhov, maestro di Saggezza. Pericoli di spiritualismo e occultismo. «Durante i secoli la chiesa ha ripetuto ai cristiani che l’essenziale era avere la fede. Quando ponevano delle domande, rispondeva loro che erano dei misteri che non dovevano cercare di comprendere ed osteggiava tutti quelli che non si accontentavano delle sue risposte. Le … Continue reading

DROGHE E DIPENDENZE UNA MALATTIA DELL’ANIMA

Immagine

DROGHE E DIPENDENZE UNA MALATTIA DELL’ANIMA

DROGHE E DIPENDENZE UNA MALATTIA DELL’ANIMA fraseNel convincere gli esseri umani che non c’è Dio, non c’è la Provvidenza, non la speranza di una vita dopo la morte, i pensatori materialistici li hanno derubati di quella realtà che da senso alla vita umana: la realtà dell’anima e dello spirito.

Proclamano che la religione sia “l’oppio dei popoli” e che l’essere umano può essere perfettamente felice fintanto che ha sufficiente cibo, un tetto sopra la testa e la possibilità di studiare e crescere una famiglia.

Ma è questo quel che vediamo nella realtà? No. Anche quando il corpo fisico dell’essere umano, il suo cuore e il suo intelletto hanno tutto ciò che può chiedere, egli non è necessariamente felice o soddisfatto; vediamo prova di questo ogni giorno. E perché non è soddisfatto? Perché ha mancato di nutrire la sua anima e il suo spirito e loro sono ancor affamati e assetati.

Ecco perché l’aumento vertiginoso delle droghe, specialmente nei giovani, è un segnale di allarme. E’ un segno che l’anima sta cercando di far comprendere i suoi bisogni: le anime umane sono soffocate e l’uso delle droghe è un tentativo di trovare uno “sfiato”.

Ci hanno detto che l’umanità doveva respingere l’oppio della religione, ma stiamo molto meglio con la marijuana, l’eroina e la cocaina?

DROGHE E DIPENDENZE UNA MALATTIA DELL’ANIMA portraitL’anima ha bisogno dello spazio infinito. Quando si sente con le spalle al muro soffoca ed è pronta ad afferrare ogni mezzo per potersi liberare e l’alcol e le droghe sono tra questi mezzi perché hanno la proprietà di distaccare l’anima dal suo corpo fisico e dargli, anche se per brevi minuti , l’illusione della libertà e dello spazio.

I giovani prendono le droghe perché non sanno come soddisfare in altro modo il bisogno di libertà della loro anima. Ma questa non è una soluzione perché la droga è semplicemente una sostanza chimica somministrata al corpo e non è il corpo che sta reclamando libertà, ma l’anima.

Quindi l’uso delle droghe è una indicazione che questa non è la soluzione. Non solo le droghe non sono in grado di soddisfare i bisogni dell’anima, ma inoltre distruggono il corpo. Ecco perché dico che nessuno dovrebbe mai usarle, mai. Non ci sono pretesti. La gioia, la libertà, la realizzazione e la espansione dell’anima devono essere cercate con mezzi spirituali.

Un vero adepto della Scienza Iniziatica non si affida mai ai mezzi esterni. Sa che Dio gli ha dato tutti i poteri, i dono e le sostanze chimiche di cui ha bisogno. Sono tutte in lui ed è solo in lui che le deve trovare. Ovviamente questo non è una cosa che si può fare in un giorno, ci vogliono tempo e sforzi, ma ne vale la pena.

Quando trovate il vostro nutrimento nelle regioni sublimi dell’anima e dello spirito, al vostra fame è soddisfatta per giorni e giorni, poiché gli elementi del mondo divino sono cosi ricchi che una assaggio è abbastanza per dare un senso di abbondanza e di pienezza che starà con voi sempre. Niente potrà portarvi via questa sensazione di eternità e immensità. DROGHE E DIPENDENZE UNA MALATTIA DELL’ANIMA 001

Tratto da “What’s the answer”, OM Aivanhov**, 1990 editions Prosveta Frejus Cedex

Traduzione Cristina Bassi, http://www.thelivingspirits.net/

**OM Aivanhov è stato seguace e allievo di Peter Deunov

Fonte: Salute Olistica: Benessere Globale: Dipendenze: Una Malattia Dell’anima

L’Acquario e l’arrivo dell’Età d’Oro

Immagine

L’Acquario e l’arrivo dell’Età d’Oro

di Omraam Mikhael Aıvanhov

L’Acquario e l’arrivo dell’Età d’Oro 1L’Era dell’Acquario porterà grandi sconvolgimenti, ma la nuova vita che ne nascerà in seguito, sarà inimmaginabile in quanto a bellezza, splendore e armonia.

l’Intelligenza Cosmica ha costruito l’essere umano in modo tale che egli possa raggiungere il suo pieno sviluppo, solo mantenendo il legame con un mondo superiore, da cui riceve la luce e la forza. Pertanto, finché gli esseri umani si fideranno unicamente del proprio intelletto limitato, mancherà loro la vera comprensione, e ne deriveranno errori catastrofici in tutti i campi. I loro intrighi, ispirati soltanto dal desiderio di possesso e di dominio, senza tener conto dei disegni dell’Intelligenza Cosmica, smuovono gli strati dell’atmosfera fisica e psichica, provocando delle forze spaventose che si scatenano contro di loro”.

Ben presto, l’Era dell’Acquario porterà grandi sconvolgimenti che faranno comprendere agli esseri umani la realtà del mondo spirituale e delle leggi che lo reggono. Ma la nuova vita che nascerà da tali sconvolgimenti, supererà qualunque immaginazione in quanto a bellezza, splendore e armonia. Tutte le creature sparse nel mondo, che lavorano in segreto alla realizzazione del Regno di Dio, si ritroveranno per agire, e le fortezze dell’ignoranza, del materialismo e del dispotismo crolleranno. Vi dico questo, e sarà così: niente potrà impedire l’arrivo della nuova epoca: l’Età d’Oro”.

(Omraam Mikhael Aıvanhov)

L’era dell’Acquario

L’Acquario, che è un segno d’aria, rappresenta l’uomo, dunque il pensiero, il sapere. L’epoca dell’Acquario sarà dunque quella del sapere, ma non del sapere intellettuale che rende aridi. Gli esseri umani infatti apprendono, sono istruiti, eruditi, ma non sono vivi. Il simbolo dell’Acquario è un vegliardo che versa acqua da un’urna: quel Vecchio rappresenta la saggezza che versa l’Acqua della Vita. Il sapere dell’Acquario è un sapere che porta la vita, produce la vita, risveglia la vita. Gli esseri umani conoscono tutto sui microbi o sulle stelle, ma quando li si guarda agire nella vita quotidiana ci si spaventa! Mancano dell’essenziale: non sanno vivere, dunque non sono sotto l’influenza dell’Acquario.

L’Acquario e l’arrivo dell’Età d’Oro 2L’acqua che fuoriesce dall’urna del Vecchio insegna agli esseri umani che essi devono alimentare, irrorare e far fruttificare tutto dentro di sé e attorno a sé. Ciò di cui hanno anzitutto bisogno, è l’acqua vivente, l’acqua viva. Ecco perché anche se l’Acquario è un simbolo del sapere, non è legato al cervello ma al plesso solare, ovvero l’unico che possa far scorrere l’acqua viva nelle viscere. Nei Vangeli è detto: “Dal suo seno sgorgheranno sorgenti d’acqua viva”. Si tratta dell’Acquario, che era già profetizzato, ma in una forma che a quell’epoca nessuno poteva comprendere.

Finché l’acqua viva manca, si potrà raccontare ciò che si vuole, ma sarà solo teoria e morte. Ecco cosa avviene nella cultura attuale: gli esseri umani si istruiscono, ma il loro sapere resta alla superficie, non è vivo. Io, invece, preferisco non avere alcuna di quelle conoscenze che si trovano nei libri, ma avere la “scienza della vita”, perché quando saprò vivere, ossia vibrare all’unisono, in armonia con tutte le leggi cosmiche, in un solo giorno l’Universo intero si rivelerà dinnanzi a me.

Quello che interessa a me è vivere in armonia con le leggi cosmiche. Vi ho detto spesso che esistono due tipi di sapere. Il sapere delle università che vi offre un posto nella società, denaro e prestigio, ma che non vi trasforma; voi rimanete sempre gli stessi: se siete sensuali, rimanete sensuali, se siete avari continuate ad essere avari, ecc… L’altro sapere, invece, quello degli Iniziati, non vi dà né prestigio né ricchezza, ma non lascia che rimaniate gli stessi. Ebbene, questo sapere che trasforma e vivi fica è appunto quello dell’Acquario.

Già da alcuni anni, molti astrologi ed esoteristi parlano dell’arrivo dell’Era dell’Acquario. In realtà, bisognerà attendere ancora duecento anni, prima che il punto vernale entri veramente nella costellazione dell’Acquario, ma la sua influenza si sta già facendo sentire, ed è normale. Nel mese di marzo, ad esempio, è ancora inverno, e tuttavia in certi giorni, per effetto del sole, degli uccelli e dei fiori, si sente la primavera. Ancor prima che essa giunga, la primavera è già lì con i suoi effluvi, la sua aura e le sue emanazioni, è già presente.

Benché non siamo ancora entrati completamente nell’Acquario, quanti sconvolgimenti! L’aspetto un po’ inquietante di questo segno è proprio l’influenza di Saturno e di Urano, dei quali l’Acquario è il domicilio: Saturno che fa soffrire, blocca, distrugge, e Urano che provoca incidenti, esplosioni. L’Acquario, abbiamo detto, è dunque rappresentato come un Vecchio che versa acqua da un’urna. Quell’acqua è l’acqua viva del nuovo Insegnamento. Tutti coloro che hanno parecchi pianeti nel segno dell’Acquario, sono particolarmente predisposti a captare le nuove onde che giungono da questa costellazione. Essi sono degli innovatori, degli inventori.

La causa di tutte le scoperte in campo psichico ed esoterico è l’Acquario, soprattutto per quanto riguarda l’idea di collettività, di fratellanza. Ecco perché adesso il mondo intero sarà obbligato ad occuparsi dell’idea di fratellanza e di universalità e a lavorare per questo. “Universalità” significa non attaccarsi soltanto a poche persone, ad una donna, a dei bambini, no… significa voler essere tutti uniti, legati reciprocamente, immersi insieme nell’oceano della vita, dell’amore, della bellezza e della gioia.

L’Acquario e l’arrivo dell’Età d’Oro 3L’era dei Pesci è stata quella del cristianesimo, i cui tratti caratteristici corrispondono esattamente al segno dei Pesci, il segno dell’abnegazione e del sacrificio. Prima di quella dei Pesci, l’era dell’Ariete era stata caratterizzata dalla religione di Mosè, e prima ancora di quest’ultima, l’era del Toro fu caratterizzata dalle religioni egizia e babilonese… Con l’era dell’Acquario sarà il tempo della vita nuova. Essa si annuncerà dapprima con giganteschi sconvolgimenti, ma in seguito sarà l’Età d’Oro. L’Età d’Oro verrà con l’Acquario. (Vidélinata – Svizzera, 10 Dicembre 1966)

Tratto da: “L’Acquario e l’Arrivo dell’Età dell’oro” di Omraam Mikhael Aıvanhov, edizioni Prosveta.

Rivisto da: Fisica Quantistica e Conoscenze al confine

Non Si Può Cambiare La Natura Della Personalita’

Galleria

This gallery contains 2 photos.

Omraam Mikhael Aivanhov: Non Si Può Cambiare La Natura Della Personalita’ Oggi demolirò la vostra fiducia e tutte le speranze che avete posto nella vostra personalità, perché qualunque cosa facciate, essa non migliorerà mai, perché è fatta di materia peritura. È detto nelle scritture: «Ciò che è corruttibile, resta corruttibile, e ciò che è incorruttibile genera l’incorruttibile». Direte: «Si, ma … Continue reading

Il mantra Aum

Immagine

Il mantra Aum

Il mantra Aum Omraam Mikhaël AïvanhovIl video che potete trovare a questo link: Aïvanhov canta “AUM” (Musica di Deunov) 15 Minuti – YouTube è un raro documento d’epoca in cui si vede il Maestro Aïvanhov della Fratellanza bianca Universale cantare il mantra Aum.

Questo Mantra riempie il cuore di gioia al solo ascolto, segno del grande potere del mantra Aum e della infinita grazia del Maestro Aïvanhov .

Il mantra AumVi segnalo anche questo video: Karunesh – Heart Chakra Meditation (Beautiful Meditation music) [Full album + tracklist] – YouTube è “Heart chakra meditation” di Karunesh, una melodia potente che ho ascoltato per la prima volta durante degli incontri di meditazione dove accompagnava la Danza delle quattro direzioni e mi è rimasta impressa nell’animo.

Buon ascolto.

L’UOMO E GLI ANIMALI

Immagine

L’UOMO E GLI ANIMALI di Peter Deunov

L'UOMO E GLI ANIMALILe relazioni cattive delle persone verso gli animali sono causa di molte malattie, perciò siate gentili con loro.

Uccidere un bue è lo stesso che uccidere un uomo.

Un cavallo ha tanto diritto alla vita quanto un uomo. Non ha diritti sulla Terra, ma nell’altro mondo ne ha.

Se mangiate carne non vi libererete mai dal male. Il male va in parallelo con la carne.

Quale giustizia sociale esiste quando ogni giorno vengono sgozzati milioni di animali?

Non potete pensare e fare ciò che volete. A volte pensate di qualcuno: “Lo uccido!”. Questo pensiero ha già prodotto in voi un cambiamento, forse non ve ne siete accorti, ma il cambiamento si è verificato. Costringete una persona a sgozzare tutti i giorni galline ed altri animali e vedrete che cosa gli succederà dopo un certo tempo.

L’uomo pensa che mangiando carne sarà più sano. Non è così. Gli animali carnivori sono più energetici, ma i più forti sono quelli erbivori.

Il compito degli animali è di raccogliere il magnetismo. Finché gli animali sono sani, anche le persone saranno sane. Se gli animali cominciano ad ammalarsi, anche le persone si ammaleranno. Ecco perché dobbiamo essere predisposti bene nei confronti degli animali, per poterci servire delle forze magnetiche che accumulano dentro di sé.

L’eccessiva distruzione dei mammiferi crea un’anomalia nella natura. La maggior parte delle malattie sono dovute a questa distruzione con la quale si ferma la loro evoluzione e tutte le forze che devono formare il loro benessere rimangono inutilizzate e con questo si crea uno stato caotico che è la causa di varie malattie. Sapete che cosa succede dopo lo scorrere in modo disordinato del sangue animale? Dalla sua evaporazione si formano certi sieri e culture per i bacilli nocivi da cui derivano tutte le cattiverie nel mondo organico.

Un giorno anche gli animali si trasformeranno e si eleveranno, Ci sono delle persone che non stanno al di sopra degli animali. Ci sono degli animali che per coscienza sono come le persone umane.

VELENO CONTENUTO NELLA CARNE

Galleria

This gallery contains 2 photos.

IL VEGETARIANESIMO E IL VELENO CONTENUTO NELLA CARNE PRODOTTO DALLA PAURA di Omraam Mikhaël Aïvanhov Il vegetarianesimo è una regola di vita che non deve essere imposta, altrimenti provoca squilibri sia fisici che psichici. Questa disciplina necessita una matura riflessione che deve portare, a poco a poco, verso una decisione presa liberamente. Poiché non basta semplicemente sopprimere la carne dai … Continue reading

PROTEGGERSI DURANTE IL SONNO

Immagine

 PROTEGGERSI DURANTE IL SONNO
PROTEGGERSI DURANTE IL SONNOLa Terra, ruotando intorno al sole, impiega ventiquattro ore per compiere
un giro completo su se stessa. In questo modo si spiega il passaggio
progressivo di ogni zona del globo dalla notte al giorno e dal giorno alla
notte. Mentre in certi luoghi la gente va a dormire o sta già dormendo, in
altri sta svegliandosi o è già al lavoro. Ora, il fatto che in una parte
della terra gli uni sono immersi nel sonno, mentre gli altri stanno badando
alle loro occupazioni, da luogo nel mondo sottile a fenomeni molto
interessanti.

Nel momento in cui l’uomo si addormenta, la sua anima abbandona il corpo
fisico (pur restandovi collegata grazie a quel legame sottile chiamato
cordone d’argento) e, vedendo tutt’intorno solo gente immersa nel sonno e
non trovando la cosa interessante, si reca dall’altro lato del pianeta,
dove le persone sono sveglie e dove, a loro insaputa, si inserisce nella
loro vita.

E’ per questa ragione che, durante il giorno, quando siete svegli, ricevete
la visita di molti uomini e donne addormentati che abitano dall’altra parte
della Terra. Le loro anime vengono a farvi visita e vi sussurrano nelle
orecchie la loro storia, le loro preoccupazioni e le loro sofferenze.
Talvolta, i disagi e le malinconie che provate vi sono stati trasmessi da
loro.

Da parte vostra siete convinti che si tratta delle vostre inquietudini,
mentre in realtà sono quelle delle anime che, lasciato il loro corpo
fisico, provengono dall’altra faccia della Terra.Se quelle anime vengono da
voi, lo fanno perché i vostri pensieri e le vostre preoccupazioni
quotidiane, creano delle vibrazioni che le attraggono.

Se leggete dei racconti che riguardano certi paesi, preparerete in voi
quegli elementi fluidi che Vi uniranno agli abitanti di quelle zone e,
almeno interiormente, parteciperete al loro destino. A seconda delle vostre
affinità e simpatie, determinate i vostri incontri e il vostro ambiente
psichico e, se anche doveste cambiare residenza e andare a vivere in un
altro paese, continuereste ad attrarre le stesse anime e a essere
circondati dalla stessa atmosfera.

Se riuscite a lavorare in modo da fare di voi una calamita capace di
attrarre entità luminose, se anche doveste scendere all’Inferno,
attirereste sempre degli angeli, grazie ai quali sarete in grado di
cacciare i demoni timorosi che gli angeli distruggano il loro regno.
Analogamente, perfino se certe persone venissero portate in Paradiso,
troverebbero anche lì il modo di essere perseguitate dai diavoli!

Attenzione, quindi, e siate vigili: sia durante la veglia che durante il
sonno, fate in modo da attirare intorno a voi solo presenze benefiche.

Certo, si tratta di un lavoro più facile da realizzare mentre si e svegli.
Durante il sonno, quando la coscienza e indebolita, si e più esposti e
vulnerabili. Ecco perché è una buona cosa stare molto attenti a non
abbandonarsi al sonno in qualsiasi condizione di spirito, ma preparati nel
dovuto modo.
Alcune persone rimangono sconvolte per aver commesso in sogno delle azioni
reprensibili che mai oserebbero fare allo stato di veglia… Ciò succede
proprio perché non si sono preparate al sonno nel dovuto modo.

È detto nella Cabala che quando l’uomo si addormenta, uno spirito impuro si
aggrappa al suo corpo fisico per suggerirgli certe idee e certi desideri.
Quello spirito impuro vuole impossessarsi del corpo, poiché il corpo
possiede una grande riserva di energie. Infatti, per svolgere i loro
lavori, gli spiriti del male hanno bisogno di materiali e di energie,
materiali ed energie che trovano solo negli uomini, soprattutto durante il
sonno.

Perché? E molto semplice. Durante il giorno gli uomini, oberati dalle loro
occupazioni, correndo a destra e a manca, utilizzano le loro energie per
svolgere le loro attività; durante la notte invece, quando dormono, la loro
riserva di energia e disponibile.

Direte: “Ma come? Mentre dormiamo ci sono spiriti che vengono a sfruttarci
a nostra insaputa? Non ne hanno il diritto!”. In effetti non hanno il
diritto. Ma che cosa credete ? Il diritto se lo prendono. Guardate che cosa
fanno gli uomini con gli animali da milioni di anni! Li sfruttano e li
massacrano senza pietà col pretesto di averne bisogno per scopi di ogni
genere: per coltivare la terra, come mezzi da traino, per viaggiare,
nutrirsi, vestirsi, distrarsi, ecc.

Si sono per caso sentiti colpevoli ? Mai, anzi, che male c’e nello
sfruttare gli animali? Non esistono per questo?… Ebbene, sappiate che nel
mondo invisibile esistono entità che fanno esattamente lo stesso
ragionamento nei confronti dell’uomo. Non si fanno alcuno scrupolo nello
sfruttarlo e, soprattutto durante il sonno, quando e abbandonato e senza
difese. Ecco perché, prima di addormentarvi, e consigliabile chiedere la
protezione degli spiriti luminosi.

So benissimo che molti di voi non accetteranno mai l’idea dell’esistenza di
spiriti inferiori che, durante il sonno, possono venire a impossessarsi di
loro. Pazienza! Se non l’accettano, è affar loro. Tutti coloro che vogliono
progredire sul sentiero dell’evoluzione devono ammettere l’esistenza di
quegli spiriti e la necessità di proteggersi dalle loro azioni.

Per difendersi, devono pregare il Cielo affinché invii un angelo che li
protegga e li conduca alla Scuola del Signore per imparare l’amore e la
saggezza. In questo modo, durante la notte, avranno sempre un guardiano che
aleggerà attorno al loro corpo, per impedire che lo spirito del male ne
prenda possesso.

Varie volte vi ho suggerito l’immagine di un treno che viaggia di notte a
tutta velocità attraverso la campagna. I viaggiatori dormono, e fanno bene;
loro possono dormire e ne hanno il diritto. Uno solo non deve dormire: il
guidatore; egli non ha il diritto di dormire, perché responsabile della
vita di tutti i viaggiatori che deve condurre a destinazione sani e salvi.

Ebbene, noi siamo esattamente come quel treno, il cui macchinista non deve
dormire. Il nostro corpo, le nostre cellule possono dormire, ma non la
nostra coscienza; quella deve rimanere sveglia e vigile per poter
continuare a proteggerci dalle insidie della notte.

Non basta essere svegli durante il giorno; anche durante la notte si deve
tener desta una parte di sé. Ecco perché la sera, prima di addormentarvi,
fate in modo che qualcuno, un’entità o una luce, vegli dentro di voi mentre
siete immersi nel sonno.

Gesù diceva: “Vegliate e pregate”. Vegliare non significa non dormire, ma
essere vigili. Fisicamente, si deve dormire, si deve riposare; è una
necessità questa indispensabile per il buon equilibrio fisico e anche
psichico. Durante il sonno invece, e nel piano spirituale vegliare.

Molti anni fa, il Maestro Peter aveva indicato una preghiera recitare
momento di coricarsi. La si deve dire appoggiando il palmo della mano
destra sul plesso solare e il dorso della mano sinistra sulla schiena pure
all’altezza del plesso solare. La formula, in lingua bulgara, è la
seguente: “Gospod veuv mene e svetlina Anguelite seu toplina, Tchelovetsite
seu dobrina. Gospod veuv mene e svetlina, Douheut mi e toplina Az seum
dobrina.”
Ecco la formula, tradotta in italiano:

Dio è in me luce,
Gli angeli sono il calore,
Gli uomini sono la bontà

Dio è in me luce,
Il mio spirito è il calore,
Io sono la bontà.

Dopo averla ripetuta tre volte meditate per alcuni minuti e poi tracciate
con la mano destra un pentagramma (stella a cinque punte con una punta in
alto, N.d.R.). Perché un pentagramma? Tradizionalmente, il pentagramma è un
simbolo che i saggi mettono all’entrata della loro
abitazione per respingere gli spiriti del male.

Certo, non basta tracciare un pentagramma per essere protetti. Se vi
sforzate di condurre ogni giorno una vita ragionevole e pura, e per di più
tracciate il pentagramma, questo darà maggior forza al vostro lavoro, e
sarete veramente protetti.

Alcuni si chiederanno perché vi parlo degli spiriti del male… e della
necessità di proteggersi prima di addormentarsi. .. Ognuno ha il diritto di
vivere come preferisce. Lo so molto bene che non ho alcun diritto di
interferire nella vostra vita; siete liberi di continuare a vivere tra le
vostre difficoltà, non ho nulla in contrario. Io spiego solamente, e coloro
che lo desiderano si mettano all’opera.

ESERCIZIO PER FAVORIRE L’OSSERVAZIONE ASTRALE

Fate questo esercizio quando siete in un posto pubblico con altre persone:
una riunione, al cinema, facendo delle compere, in ufficio o anche in casa
vostra. Consideratelo come un gioco da fare a cuor leggero e con voi
stesso… e godetevelo!

FASE 1

Prendete alcuni momenti per osservare voi stessi, in particolare le vostre
emozioni astrali. Siete consapevoli di star sperimentando delle emozioni?

Le potete sentir muovere intorno e dentro di voi? Potete identificare
l’emozione che percepite e l’esperienza che state facendo? Potete darle un
nome?

Non esprimete giudizi sulla correttezza delle vostre percezioni.
Semplicemente osservate e identificate.

FASE 2

Quando siete coscienti delle emozioni che scorrono attraverso di voi fate
un passo ulteriore: diventate sensibili alle emozioni che vi appartengono,
cercate di distinguere le vostre emozioni da quelle che, invece,
appartengono all’ambiente circostante (principalmente da altre persone e
possibilmente da animali o da creature del regno vegetale). Potete far
questo restando fermi nel vostro ruolo di osservatori, identificando questi
sentimenti, ma senza nessun attaccamento nei loro confronti.

Quando siete capaci di differenziare le vostre emozioni da quelle altrui
riuscite anche a notare come quest’ultime siano diverse nell’influenza che
hanno su di voi? Vi riesce facile distinguere le une dalla altre? Qual’è lo
strumento con cui potete distinguere questi due differenti tipi di
sensazioni? Quali sono gli indicatori con cui riuscite a determinare se
l’emozione è nata dentro di voi o appartiene al mondo circostante? Come vi
sentite nello scoprire che non tutte le emozioni che percepite appartengono
al vostro mondo interiore?

Ancora una volta non esprimete giudizi sulle vostre percezioni. Sforzatevi
invece di restare centrati su voi stessi nell’attitudine dell’osservatore
silenzioso. Cercate di riconoscere i sentimenti ma non abbiate nessuna
reazione nei loro confronti.


Questo esercizio è più efficace se fatto regolarmente per brevi periodi.

Riferimenti bibliografici

1) “La terapia mentale mediante i colori”, 1993.
The Maitreya School of Healing, 2 Jeymer Avenue,
Willesden Green – London NW2 48L – England

2) Omraam Mikhael Aivanhov, “Le porte dell’invisibile” ,
Edizioni Prosveta, Casella Postale 13046, 20130, Milano.

lINK: antigravity new energy e frequency of new world

Il sonno immagine della morte

Immagine

Il sonno immagine della morte di Omraam Mikhael Aivanhow

Il sonno immagine della mortePremessa

Durante il processo di risveglio della coscienza sperimenterete le esperienze di strani sogni che sembrano reali in cui voi siete il protagonista o lo spettatore, sono i “sogni lucidi” o esperienze di “viaggio astrale”.

Possono essere molto traumatici ( per me lo sono stati) e se non se ne conoscono le cause non è possibile controllarne gli effetti, nei post che seguiranno cercherò di darvi una serie di informazioni che vi saranno utili per gestire questi fenomeni.

Ecco come li descrive Omraam Mikhael Aivanhow :

“Il passaggio dalla veglia al sonno è un momento importante della giornata. Ogni sera, prima di coricarvi, raccoglietevi un momento, lasciando da parte tutto ciò che vi ha preoccupato o turbato nel corso della giornata che avete appena vissuto. Pensate poi agli errori che avete potuto commettere e chiedete agli spiriti luminosi di ispirarvi, durante il sonno, il modo migliore per porvi riparo. Infine, al momento di addormentarvi, mettetevi sotto la protezione dell’Angelo della morte. “Angelo della morte” è il nome che la Kabbalah dà all’Angelo del sonno, poiché ogni sera noi moriamo e ogni mattina resuscitiamo. Addormentarsi, lasciare il corpo fisico, equivale a un viaggio al quale dobbiamo prepararci coscientemente ogni sera, così da essere pronti nel momento in cui dovremo veramente partire per l’altro mondo. Chi non sa come addormentarsi, non saprà neppure come morire. Non esiste alcuna differenza fra il sonno e la morte, salvo il fatto che quando si muore, si lascia definitivamente la casa in cui si abitava: il corpo fisico. Anche durante il sonno lo si abbandona ma rimane un legame· il cordone d’argento che mantiene saldo quel legame.

Ecco perché occorre comprendere la necessità di prepararsi ogni sera al sonno come per un viaggio sacro, in modo da essere pronti un giorno per l’altro viaggio, tanto più decisivo: la Morte.

Quante persone infatti non riescono a distaccarsi dal loro corpo fisico!, i legami che le trattengono sono potenti. Da vive non avevano mai coltivato nel loro cuore, cioè nella loro anima, né il desiderio di scoprire altri spazi né quello di scoprire Dio; anno pensato solo ai loro problemi materiali: al danaro, ai piaceri, come se la vita si riducesse a tanto, come se non esistesse altro. Quindi, come potranno accettare di abbandonare tutto? Si aggireranno a lungo intorno al loro corpo, intorno ai luoghi in cui sono vissuti e agli altri esseri che hanno conosciuto e soffriranno terribilmente anche se certi esseri luminosi, servitori di Dio,Verranno ad aiutarli a liberarsi.

Altri invece abbandoneranno immediatamente il loro corpo fisico come si scarta un vecchio abito logoro per indossarne uno di luce.

Attribuendo molta importanza al fatto di riconciliare un morente al Cielo mediante il sacramento dell’estrema unzione, la chiesa cristiana si rifà all’antica tradizione secondo la quale coloro che lasciano il corpo fisico senza la convinzione dell’esistenza di Dio o dell’altro mondo dovranno vagare nei mondi oscuri dell’aldilà in preda a grandi sofferenze.

Ecco perchè coloro che rimangono sulla terra, i congiunti egli amici che con i loro pianti di dolore trattengono, il trapassato negli stadi inferiori del piano astrale ,devono pregare per facilitargli il distacco.

Come il momento in cui vi addormentate è determinante l’indomani, cosi’ il momento della morte è decisivo per la successiva incarnazione. Infatti l’atteggiamento del morente porta le sue conseguenze nell’altro mondo fino alla successiva incarnazione, in quanto nulla, nessun fenomeno, nessun pensiero, nessun sentimento, nessuna azione possono esistere isolatamente.

Ogni cosa va fatta risalire ad una causa, la quale, entro un determinato limite di tempo provoca degli effetti.

Lo potrete osservare in ogni giorno della vostra esistenza. Supponiamo che dopo aver trascorso una bella giornata, proprio al momento di coricarvi, accada un fatto che vi infonde tristezza e scoraggiamento.

L’indomani, al vostro risveglio, potrete constatare che tutto ciò che avevate vissuto di piacevole il giorno prima sarà scomparso, sostituito da una sensazione di fondo sgradevole. L’ultimo momento è stato quindi il più importante e il più significativo.

Supponiamo ora che abbiate vissuto male tutta la giornata ma che prima di addormentarvi, grazie alle preghiere e a uno sforzo mentale, siate riusciti a prendere sonno tranquillamente quegli ultimi minuti cancelleranno tutto e vi purificheranno talmente che al vostro risveglio, vi sentirete nella miglior forma.

L’uomo è abitato da operai che utilizzano tutto ciò che trovano in lui in fatto di energie costruttive o distruttive al limite fra la veglia e il sonno. Siate quindi guardinghi e non coricatevi mai carichi di preoccupazioni negative che distruggerebbero tutto ciò che avevate acquisito di buono durante la giornata.

Prima di addormentarvi, instillate nel vostro cuore e nella vostra mente almeno un pensiero luminoso , un’immagine sublime, un’ispirazione elevata: il mattino dopo vi sveglierete purificati e rigenerati.

Naturalmente non dico questo perchè pensiate che si possa trascorrere la giornata in un modo qualunque a condizione che si pronunci una preghiera prima di dormire, o che al momento della morte vi siano cancellate tutte le azioni negative della vostra vita.

Pensando cosi’ avreste le forze negative sempre intorno a voi, come nel caso del monaco di questa storia: in un monastero, c’era una volta un monaco molto bravo che però amava bere….

Grazie a lui il livello nelle botti del vino scendeva velocemente, un po’ mortificato, pronunciava ogni sera le sue preghiere domandando perdono al signore, dopo di che, calmatosi, si addormentava tranquillamente…. ma il giorno successivo riprendeva a bere. Questo andazzo continuò per anni…. se non che una sera il monaco si dimenticò di pregare. Durante la notte, qualcuno venne a scuoterlo dicendogli:”Amico, ieri sera non hai chiesto perdono al Signore, alzati sbrigati devi dire le tue preghiere!”. Il monaco svegliandosi apre gli occhi e…. chi vede, Il diavolo! Si era proprio il diavolo che l’aveva svegliato; infatti, era lui che lo spingeva a pregare tutte le sere per evitare che si ravvedesse.

Grazie alle preghiere, il monaco tranquillizzava la propria coscienza per ricominciare il giorno dopo con lo stesso comportamento, per la grande gioia del diavolo. La storia dice anche che quando il monaco comprese come stavano le cose, si spaventò a tal punto che smise di bere per sempre.

Quanto a voi, indipendentemente dal modo in cui si è svolta la giornata, è importante che, prima di addormentarvi,riusciate a infondere in voi molta calma e che vi uniate al cielo.

Prestate molta attenzione a questa raccomandazione; è nella notte, durante il sonno che le forze psichiche lavorano in profondità nel subcosciente.

La veglia e il sonno, la vita e la morte, il visibile e l’invisibile, il giorno e la notte:ecco i punti sui quali non dovete mai smettere di riflettere.

Provate a studiare il significato profondo della notte e del giorno.

La notte è la sede del del non-manifesto, dell’invisibile, mentre il giorno quella del manifesto, del visibile; la manifestazione dipende dal non-manifesto, come il giorno dipende dalla notte: Prima di nascere l’uomo si trova nella notte e tutto in lui si prepara in quella notte.

Il suo corpo si costruisce nell’oscurità del seno materno:i suoi polmoni, il suo cuore, il suo cervello… Se la costruzione avviene male, tutta la vita futura sarà compromessa,in quanto il giorno, cioè la vita terrena dipende da quella notte,la gestazione.

É nella notte che si preparano gli eventi del giorno successivo;infatti, ogni fenomeno materiale non è altro che la concretizzazione di fenomeni non materiali.

Questo spiega perchè un chiaroveggente è in grado di prevedere il futuro: perchè vede tutto già realizzato nel mondo invisibile. Ci vuole tempo prima che gli avvenimenti raggiungano il piano fisico, ma lo raggiungono immancabilmente, poichè in alto esistono di già. Guardate un serpente : la sua coda passa sempre dove è passata la testa. La testa rappresenta l’idea, il progetto, mentre la coda la sua realizzazione, la concretizzazione degli eventi che hanno avuto luogo nel mondo sottile.

Forse avete fatto anche voi un’esperienza analoga: nel corso della giornata parlando con qualche persona, oppure compiendo determinate azioni, improvvisamente vi siete ricordati che la notte la notte precedente avevate fatto in sogno le stesse azioni e tenuto la stesse conversazioni.

Ciò che facciamo durante il giorno può essere la ripetizione di quanto abbiamo fatto durante la notte nel piano astrale.

Ogni manifestazione può essere paragonata allo svolgersi di un gomitolo di filo formato da capi di diversi colori. La manifestazione rappresenta lo svolgersi dei fili, ma i fili potranno essere soltanto quelli che erano avvolti sul gomitolo.

Cosi’, se non avete preparato nulla nel vostro intelletto con l’aiuto della saggezza, non crediate di ricavare saggezza dal vostro cervello.

Tutto ciò che si vuole manifestare deve essere preparato a lungo in anticipo.

Non c’è da sbagliarsi: senza aver prima lavorato a lungo nella notte, cioè nel mondo invisibile, non potrete realizzare nulla di veramente completo nel mondo visibile.

Quanto vi dico riveste un’importanza inestimabile per la vostra evoluzione.

Alcuni,forse, non se ne renderanno conto subito, ma solo con il passare del tempo, comunque è meglio che non aspettino a capire soltanto nel momento in cui lasceranno la Terra, perchè allora sarà troppo tardi, non è quello il momento in cui imparare le grandi verità.

Omraam Mikhael Aivanhow

Le porte dell’invisibile

Ed. Prosveta