MENHIR ARTIFICIALE

Galleria

This gallery contains 17 photos.

MENHIR ARTIFICIALE Nel week-end del primo di luglio mi sono recato in provincia di Piacenza, a Carpaneto Piacentino per la precisione, per incontrare l’ingegner Paolo Biasini un ricercatore appassionato, di cui ho scoperto sulla rete una particolare realizzazione, la costruzione di una serie di menhir artificiali utilizzati per incrementare la produzione agricola delle campagne della bassa piacentina. Prima di cominciare … Continue reading

SAS DI SAN BELIN INTEGRAZIONE

Galleria

This gallery contains 12 photos.

SAS DI SAN BELIN INTEGRAZIONE A distanza di mesi dalla mia ultima rilevazione radioestesica del “Sas Di San Belin” (fine di Maggio), riprendo la mia analisi grazie anche alle foto aeree scattate da un operatore triestino che mi sono state fornite dall’amico “Cianela”, Luciano Visentin. Grazie a queste foto ho potuto mappare tramite la teleradiestesia le posizioni dei nodi di … Continue reading

LUOGHI DI ENERGIA

Galleria

This gallery contains 92 photos.

LUOGHI DI ENERGIA di Sergio Costanzo L’incontro con l’amico Vittorio, lo scambio delle nostre idee, la fusione delle nostre passioni, portò nel 2004, alla pubblicazione del sito www.luoghidenergia.it Le riflessioni di allora, sono ora confluite in questo nuovo sito. Ho sempre considerato Vittorio un maestro ed un esempio. A lui, che ci guarda da un’altro luogo, dedico queste pagine. LUOGHI … Continue reading

IMPIANTO ELETTRICO DI UNA CASA SANA

Galleria

This gallery contains 6 photos.

IMPIANTO ELETTRICO DI UNA CASA SANA Impianto Elettrico Di Una Casa Sana (semplici consigli per realizzare o modificare un impianto elettrico, in modo economico, al fine di evitarne un inquinamento elettromagnetico dannoso alla nostra salute) È ormai stato ampiamente dimostrato che campi elettromagnetici derivanti dall’impianto elettrico della nostra casa o degli edifici in cui lavoriamo, possono nuocere alla nostra salute; … Continue reading

Luoghi ad Alta Energia

Galleria

This gallery contains 18 photos.

La Meravigliosa Realtà dei Luoghi ad Alta Energia Sebirblu, 16 aprile 2015 Gentili Amici, l’articolo che oggi vi invito a leggere riguarda un aspetto quasi del tutto sconosciuto ai più, ma che è indispensabile conoscere per capire meglio l’ambiente nel quale viviamo e poter scegliere con maggiore consapevolezza come muoverci e perché. Lo scrittore biologo di questo lavoro, Sergio Costanzo, … Continue reading

Sas De San Belin analisi geobiologica

Galleria

This gallery contains 20 photos.

Sas De San Belin analisi geobiologica Vi presento i risultati dell’analisi geobiologica del megalite denominato il “ Sas De San Belin ” posto nel comune di Fogliano di Redipuglia in località Polazzo, rilevati durante la visita del Tre Aprile 2016 in compagnia degli amici radiestesisti Michele Bruno, Chiara e Giampiero, che ringrazio per avermi fatto conoscere la struttura in questione. … Continue reading

Il Codice Evolutivo racchiuso nei luoghi sacri della Terra

Galleria

This gallery contains 15 photos.

Il Codice Evolutivo Racchiuso Nei Luoghi Sacri Della Terra Di Michela Marini Secondo Wikipedia le “linee temporanee o linee di prateria” , note anche con il termine inglese Ley line, sono dei presunti “allineamenti” tra punti geografici di interesse, come monumenti e megaliti, ai quali vengono attribuiti da alcuni movimenti pseudoscientifici e New Age ipotetici poteri magici o spirituali. La … Continue reading

Menhir di Piazza Matteotti

Galleria

This gallery contains 12 photos.

Menhir di Piazza Matteotti Menhir di Piazza Matteotti Un insolito monumento dedicato a Giacomo Matteotti sito nella omonima piazza del comune di Latisana aveva attirato la mia attenzione per la sua forma particolare (quella di un Menhir) e per gli strani bassorilievi scolpiti sulla sua superficie (una spirale che partendo dall’alto si sviluppa verso il basso e sul retro la … Continue reading

Analisi Geobiologica

Galleria

This gallery contains 23 photos.

Analisi Geobiologica La Chiesa Di Sant’Antonio Di Latisana Vi presento i risultati di un’ analisi geobiologica effettuata nel mese di Luglio nella chiesa di Sant’Antonio di Latisana, per una serie di problemi personali ho potuto completare tale analisi solo ora, integrandola con due nuove visite al sito che mi hanno fatto comprendere alcuni errori di valutazione commessi e mi hanno … Continue reading

Luoghi Alti le sorgenti del Gorgazzo e la Santissima

Galleria

This gallery contains 38 photos.

Luoghi Alti – le sorgenti del Gorgazzo e la Santissima Martedì 20 Ottobre 2015 In compagnia dell’amico radiestesita Michele mi sono recato nei dintorni del comune di Polcenigo alla ricerca di luoghi alti nella regione Friuli Venezia Giulia. Avevo individuato in internet una mappa con una serie di luoghi alti fra cui la zona di Polcenigo in provincia di Pordenone( … Continue reading

Massimo Guzzinati

Immagine

Massimo Guzzinati

Massimo GuzzinatiNel mese di Aprile ho presenziato alla libreria Perlanima di Udine ( Libreria Perlanima ) alla presentazione del libro ”Geobiologia del Megalitismo” scritto da Massimo Guzzinati, un evento che ha ampliato la mia comprensione dell’argomento superando la ristretta concezione della geobiologia intesa come ricerca e prevenzione di effetti geopatogeni.

Esiste infatti una tradizione costruttiva-architettonica che iniziando dall’Età della pietra (10000 a.c.) arriva fino all’inizio del secondo dopoguerra, passando dai Sacerdoti-sciamani dei popoli primitivi ai primi cristiani, continua poi con i Costruttori di Cattedrali ed i Templari e si arresta con gli Architetti massoni dei tempi moderni.

I complessi Megalitici cosi come le grandi cattedrali medioevali alla base della loro costruzione hanno lo scopo di creare dei potenti circuiti energetici capaci di modificare l’assetto energetico dei luoghi dove vengono edificati e delle persone che li frequentano, questo mediante una complessa e al tempo stesso semplice ingegnerizzazione dell’energia cosmico-tellurica realizzata mediante la creazione di zone di polarizzazione YIN-YANG e di dispositivi geometrici formati da nodi Hartmann e Curry.

Massimo Guzzinati 5geobiologia Massimo Guzzinati

Massimo Guzzinati esplora questi misteri in questo libro e nel seguente “Geobiologia delle cattedrali della Vergine” (che acquisterò a breve) e lo fa mediante una ricerca diretta effettuata in siti sparsi in tutto il mondo dal Sudamerica al Giappone, da lui visitati munito di pendolo e di fialette di risonanza omeopatiche.

Da questa ricerca ricava una imponente raccolta di mappe geobiologiche che supportate da un notevole bagaglio di conoscenze teoriche portano ad una accurata analisi geobiologica, archeologica ed esoterica dei siti analizzati arrivando a produrre teorie audaci come quella della “Tomba del Giardino” di Gerusalemme, il reale sepolcro di Gesù Cristo.

Ho personalmente approfondito il mio rapporto di conoscenza con Massimo Guzzinati e da lui ho ricevuto preziosi insegnamenti sulla Geobiologia in generale e sull’utilizzo delle fialette omeopatiche in particolare, di questo lo ringrazio e invito tutti i radiestesisti a leggere i due libri sopracitati che fanno parte di un’ampia produzione letteraria reperibile sul sito dell’autore a questo indirizzo: Ultima Frontiera Della Conoscenza.

Qui potete trovare due file audio sull’argomento (episodi 70-76):UFOLOGANDO – Radio Ufocast

Le Piramidi Russe

Galleria

This gallery contains 5 photos.

Le Piramidi Russe Avete mai sentito parlare delle Piramidi Russe? Ho saputo di loro leggendo alcuni articoli sulle ricerche del gruppo di Gariaev (genetica ondulatoria). E siccome questa era anche per me una novità, ho fatto un po’ di ricerche nel web russo. Ecco cosa posso raccontarvi dopo aver esaminato decine di siti web che contengono testimonianze degli sperimentatori e … Continue reading

La linea di San Michele

Galleria

This gallery contains 17 photos.

La linea di San Michele Il culto dell’Arcangelo Michele in luoghi sacri posizionati su un’unica linea retta. Skellig Michael (Repubblica Irlandese), St Michael’s Mount (Cornovaglia – Inghilterra sud-occidentale), Mont Saint Michel (Normandia – Francia), la Sacra di San-Michele (Val di Susa – Piemonte), San-Michele (Monte Sant’Angelo – Puglia), Monastero di San-Michele (Isola di Simi – Grecia, Dodecaneso meridionale). A vederli … Continue reading

Geobiologia e Bioarchitettura

Galleria

This gallery contains 5 photos.

Geobiologià-e-Bioarchitettura La Geobiologia – dal greco Ghèa (terra) e Bìos Logos (scienza della vita) – è la scienza che studia gli effetti dei fenomeni della Terra sulla vita degli esseri viventi. Si tratta di una scienza recente. Tuttavia, già nell’antichità, i cinesi già seguivano una dottrina chiamata Feng-Shui, letteralmente Vento e Acqua, i cui maestri sono chiamati geomanti. Essa designa … Continue reading

Le Reti di Hartmann e Curry

Immagine

La Rete di Hartmann

Le Reti di Hartmann e Curry princLa Rete di Hartmann è un reticolo di natura prevalentemente magnetica, di origine tellurica, costituita da fasce o “muri invisibili” larghi circa 21 cm disposti lungo le direzioni geomagnetiche della terra da Nord a Sud e da Est ad Ovest.

Questi “muri invisibili” in generale si individuano ogni 2 metri circa in direzione nord-sud e ogni 2,5 metri circa in direzione est-ovest. I punti di incrocio sono detti “nodi di hartmann” o “nodi H”: in questi punti (dei riquadri di circa 21 cm di lato) il campo magnetico è molto elevato, sebbene non sia stabile ma vari a seconda delle ore del giorno, della presenza di corsi d’acqua, faglie, masse magnetiche e strutture metalliche specie se collegate alla rete elettrica e aumenti prima di forti depressioni atmosferiche.

Le Reti di ii CurryLa griglia descritta da Hartmann si restringe verso i poli e si allarga in corrispondenza dell’equatore, non è rigida ma è come una maglia che tende ad allargarsi o restringersi in presenza di altri campi magnetici. In habitat naturali le maglie tendono ad essere regolari e anche la nocività è minore.

I punti considerati dannosi per la salute sono i sopracitati “nodi H” dove il campo elettromagnetico tende ad essere più forte e quindi causa delle cosidette patologie geopatogene: disporre un letto o il computer dove si lavora sopra uno di questi nodi può portare alla formazione di vari squilibri che col tempo possono diventare malattie anche gravi: debolezza e stanchezza continue ed immotivate, diturbi del sonno, nervosismo fino a patologie come il cancro.

RETE DI CURRY

La Rete di Curry ha natura elettrica e pare sia di origine cosmica, è disposta in modo diagonale rispetto a quella di Hartmann: le sue “fasce” si propagano da nord/nord-ovest a sud/sud-est e da sud/sud-ovest a nord/nord-est, formando un angolo di circa 45° rispetto all’asse magnetico terrestre.

Le Reti di Hartmann e Curry 1I lati sono di circa 3 – 3.5 metri ma possono essere estremamente variabili; ciò rende molto difficile la loro corretta individuazione.

I punti di incontro sono anche qui detti nodi e data la loro maggiore carica elettromagnetica (maggiore anche dei nodi H), sono considerati perturbanti causando le geopatie già descritte per i nodi H. I nodi C. possono assumere anche dimensioni che dai 50 cm. giungono fino al metro.

La rete Curry è mobile, estremamente variabile e perturbabile da altri fattori di origine naturale o artificiale.

Non va infine dimenticato che tutti i reticoli elettromagnetici di natura cosmo-tellurica aumentano la propria intensità dalle ore 23.00 alle ore 04.00 circa.

Le Reti di Hartmann e Curry sono misurabili con il galvanomerto (misura le correnti elettriche anche deboli) e il geomagnetometro (registra il magnetismo di origine terrestre), oltre che con la radiestesia e il comportamento animale.

La sovrapposizione di un nodo della rete di Hartmann con la rete di Curry, detto nodo a stella crea una condizione particolarmente nociva.

Esempio di mappe Geobiologiciche:

Link: Ernst-Hartman – Wikipedia

Link: LA RETE DI CURRY

Link: PROGETTO SCUDO – RILEVAMENTI GEOBIOLOGICI

Link: Ernst-Hartman e le radiazioni pericolose | www.cambioilmondo.it

 

LE TOMBE DEI GIGANTI IN SARDEGNA

Immagine

LE TOMBE DEI GIGANTI IN SARDEGNA

LE TOMBE DEI GIGANTI IN SARDEGNAIn direzione di S. Teresa di Gallura (SS), si svolta per una strada a sinistra percorrendola per circa 1 km. fino a un bivio dove si gira ancora a sinistra; si prosegue per altri 4 km. fino ad uno spiazzo da dove una strada a destra segnalata porta alla tomba, situata nei pressi del Monte Canu.

La tomba dei giganti Sajacciu è una delle più grandi della Sardegna, ma si trova purtroppo in stato di conservazione assai precario, aumentato dal fatto che buona parte dei resti sono invasi dalla fitta vegetazione. Sono ancora visibili i resti dell’esedra monumentale e davanti ad essi, riverso sul terreno, un grosso blocco in pietra di forma trapezoidale sormontato dal fregio a dentelli, particolare architettonico che permette di datare questa tomba al Bronzo Recente-Finale (XII-X secolo a.C.). Della camera funeraria non resta quasi nulla perchè già in età bizantina fu distrutta per costruire un edificio a pianta rettangolare, forse una piccola chiesa, di cui sono visibili scarsi resti.tomba dei giganti palau 65La tomba dei giganti Li Mizzani è una tomba di piccole dimensioni, costruita secondo la tecnica a filari per quanto riguarda la camera funeraria e la parte inferiore dell’esedra, mentre la parte superiore è costituita da lastre ortostatiche, delle quali se conservano solo sette, che si impostano sulla muratura a filari in modo che quest’ultima sporga nella parte anteriore e formi uno zoccolo utilizzabile come panca. Al centro dell’esedra si trova la stele monolitica centinata, alta 2,80 m e larga 1,55 m, quindi di modeste dimensioni rispetto ad altre tombe galluresi; una particolarità di questa stele è che il bordo del portello è smussato verso l’interno e non verso l’esterno come accade in tutte le altre tombe di questo tipo, fatto che fa ipotizzare che la stele sia stata innalzata al rovescio. La camera funeraria, le cui pareti sono conservate per pochi filari è lunga 7,25tomba dei giganti palau 50La cronologia della tomba è fissabile al Bronzo Medio (1500-1200 a.C.), mentre ulteriori precisazioni non sono possibili a causa della scarsità del materiale rinvenuto dopo le profanazioni e distruzioni di cui la tomba è stata oggetto nei primi decenni del 900′ quando era ancora praticamente intatta e fu irrimediabilmente rovinata dai cercatori di tesori.
A circa trecento metri dalla tomba, alla sinistra di uno stazzo, si trova il perimetro murario inferiore e il portale d’ingresso del nuraghe Luchia; nei pressi i resti di un villaggio nuragico.

Ma ciò che merita davvero la nostra attenzione è il fatto di essere stata costruita sopra un intenso flusso energetico, motivo per cui qui si svolgeva la cosiddetta “incubazione”.Questa sorta di “rituale” altro non era che una sosta all’interno della tomba per ben 5 giorni con l’obiettivo di guarire da malattie fisiche e psichiche.

Esistono antichi documenti di Aristotele, Tertulliano e Solino che ne descrivono l’utilizzo,come fosse un’autentica “macchina” per la guarigione, una preistorica camera iperbarica.Ciò perché questa tomba attirerebbe le energie della terra facendole confluire fino alla stele centrale che fungerebbe da antenna canalizzatrice concentrandole proprio in prossimità della piccola porta.

tomba dei giganti palau 19Insomma chiunque si sieda sul “sedile” in prossimità del monolite principale e al centro dell’esedra semicircolare, riceverà benessere psico-fisico assicurato per mente e corpo, la vibrazione qui misurata è 404000 bovis.

L’energia non viene “rubata”, tutto è costruito in armonia e in equilibrio con la natura. Essa viene catturata e potenziata. Un esempio di queste batterie di energia terrestre sono le piramidi di Giza.

Non sono teorie o ipotesi, esiste un vero e proprio studio di questo fenomeno che ha il nome di GEOBIOLOGIA, laddove la pietra viene intesa come “essere vivente”. Non per caso una “tomba” la casa di ciò che è “morto” sfrutta questo concetto di “vita”. Ecco che un uomo non più vivo all’interno di questa tomba grazie all’energia in essa canalizzata sarebbe certamente risorto in uno zampillo di luce cosmica.

Con un flusso così potente nell’uomo morto l’anima avrebbe lasciato il corpo impuro, in decomposizione, mentre l’uomo vivo avrebbe ripulito facilmente l’animo da tutte le impurità di malattie psichiche e fisiche. Se si era preda di mali del fisico o anche della mente, ci si recava nella tomba e vi si rimaneva sdraiati per ben cinque giorni e cinque notti in una sorta di letargo guaritore, cosicché ci si svegliasse risorti a nuova vita.

tomba dei giganti palau 5Questa tomba, come altre in Gallura, è spesso meta di persone che, affette da patologie, cercano beneficio dai campi magnetici sprigionati da questi siti.
Quando si arriva, spesso è volentieri si nota sempre un gruppo di persone seduto sulla tomba con la schiena appoggiata alla stele e i piedi nudi sul terreno.
Seduti in quella posizione, si accumula energia vitale sfruttando il campo magnetico naturale di questo posto e ci si sente meglio. Girovagando qua e là nei dintorni, fra lo scenario tipico della Sardegna nonostante il luogo aspro ed appartato, ci si sta comunque bene.
Sedersi per circa mezz’ora su questa tomba con la schiena appoggiata alla stele e i piedi nudi sul terreno, si prova da quasi subito una sensazione di benessere generale che dura parecchio. Il momento migliore per ricevere energia è il tramonto.

Tomba 275Studio e considerazioni sulla Tomba dei Giganti: Tomba dei Giganti » Fortunadrago.it | Fortunadrago.it

Piramidi di Rualis

Galleria

This gallery contains 28 photos.

Piramidi di Rualis Domenica 07/09 ho avuto il piacere di partecipare alla visita ai luoghi di alta energia situati nei dintorni della città di Cividale organizzata dall’associazione Waira-aiar di Udine. Alle 9 ci siamo ritrovati in 13 (più 2 bambini ed un cane) alle porte di Cividale e siamo partiti, guidati da Valter Maestra, alla scoperta di tre luoghi meravigliosi: … Continue reading