Aspetti che contraddistinguono gli Adulti Indaco

Galleria

This gallery contains 2 photos.

Aspetti che contraddistinguono gli Adulti Indaco Pubblicato da Beatrice Da 10/15 Anni A Questa Parte, Il Termine “bambini Indaco” Sta Ad Indicare Quei Bambini Che Rappresentano Uno Stadio Superiore Dell’evoluzione Umana. I Sostenitori Di Tale Ipotesi, Sostengono Che Questa Parte Dell’evoluzione Sia La Protagonista Di Un Progresso Spirituale, Etico E Mentale, In Atto. Una Sorta Di Nuova “razza”, La Cui … Continue reading

LUOGHI DI ENERGIA

Galleria

This gallery contains 92 photos.

LUOGHI DI ENERGIA di Sergio Costanzo L’incontro con l’amico Vittorio, lo scambio delle nostre idee, la fusione delle nostre passioni, portò nel 2004, alla pubblicazione del sito www.luoghidenergia.it Le riflessioni di allora, sono ora confluite in questo nuovo sito. Ho sempre considerato Vittorio un maestro ed un esempio. A lui, che ci guarda da un’altro luogo, dedico queste pagine. LUOGHI … Continue reading

Numeri Sacri

Galleria

This gallery contains 3 photos.

Numeri Sacri “Tutto è Numero” Pitagora “Tutte le cose, in verità, appaiono sotto forma di numeri” Boezio “Il Numero esiste perché l’anima possa ascendere dal transitorio al perenne e partecipare all’eterno” Platone La Scienza Iniziatica Tradizionale sa – da sempre – che i numeri regolano l’Universo e che il loro linguaggio (che si può tradurre in Musica e in Geometria) … Continue reading

Meccanismo di Antikythera

Galleria

This gallery contains 7 photos.

Meccanismo di Antikythera Il meccanismo di Antikythera è un antico strumento “informatico” progettato per calcolare le posizioni astronomiche e l’andamento dei cicli solari. Fu recuperato tra il 1900 e il 1901 all’interno del relitto di Antikhytera, al largo dell’isola greca dal nome omonimo, ma il suo complesso significato non fu capito almeno fino al secolo successivo. Il meccanismo fu costruito … Continue reading

7 Specchi Esseni

Galleria

This gallery contains 4 photos.

7 Specchi Esseni Dei manoscritti esseni, uno che non può mancare nello studio che ci proponiamo, è quello in merito ai sette specchi, riproposto da Gregg Braden. Il mistero dei sette specchi esseni ci offre una visione spirituale del nostro essere, collegata al nostro vivere sulla Terra e al relazionarci agli altri. Gli Essenì,, antichissimo popolo stanziato presso il sito … Continue reading

Vittoria per l’ Amazzonia

Immagine

Vittoria Per L’ Amazzonia

Vittoria per l'AmazzoniaDelle buone notizie arrivano dall’ Amazzonia il progetto di una inutile mega-diga della Siemens in una zona siccitosa è saltato, il governo brasiliano alle prese con enormi problemi politici e sociali ha deciso una marcia indietro. È una piccola vittoria perchè il Brasile è uno degli stati al mondo tra i più attivi nella distruzione dell’ambiente naturale, ogni anno centinaia di migliaia di ettari di foresta pluviale spariscono per far posto a coltivazioni di soya e canna da zucchero utilizzate per produrre biomasse e alcool di canna e quindi non per sfamare le popolazioni ma per incrementare il vizio dell’alcolismo e lo spreco dei biocarburanti, bio per modo di dire.

Negli ultimi anni ci sono state molte piccole e grandi vittorie, tra cui cito l’eliminazione dell’olio di palma da gran parte dei prodotti alimentari in Italia, il blocco del nucleare, la riduzione del 25% nelle vendite del diserbante Roundup, l’enorme aumento del numero dei vegani e vegetariani, e tutto questo è un bene.

Bisogna continuare così, grazie alla controinformazione le notizie arrivano da internet e dal passaparola alla massa della popolazione. Ognuno può dare il suo contributo anche solo firmando una petizione su Change.org · La piattaforma di petizioni , su ForceChange – Petition to Change Your World o inviando una mail di protesta, quando queste sono centinaia di migliaia i governi e le multinazionali devono prenderle in considerazione. Quindi non abbiate paura, cercate di manifestare la vostra opinione anche solo con questi piccoli gesti, Tutto è utile.

Vi ringrazio, ecco il testo inviatomi da Greenpeace:

Ciao max,abbiamo una bellissima notizia da darti: il mega progetto della diga idroelettrica sul fiume Tapajós, in Amazzonia, è stato cancellato! FACCIAMOLO SAPERE A TUTTI su FACEBOOK e TWITTER!

Abbiamo raggiunto questo risultato grazie ad un milione di persone che, come te, hanno fatto sentire la loro voce al Governo Brasiliano e alle multinazionali interessate al progetto.

Pochi giorni fa, l’Istituto Brasiliano delle Risorse Naturali Rinnovabili e Ambientali (IBAMA) ha annunciato l’annullamento della licenza di costruzione del mega-progetto di São Luiz do Tapajós, e ora questo tratto di foresta, abitato dagli indigeni Munduruku e da tantissime specie rare E’ SALVO!

E’ stato un mese intenso e straordinario: oltre 1 milione di persone in tutto il mondo si sono unite alle lotta dei Munduruku, i nostri attivisti hanno organizzato azioni dimostrative in 20 Paesi e sono stati 70.000 i messaggi recapitati attraverso i Social Media, al CEO di Siemens. Una mobilitazione incredibile che ha spinto il Governo Brasiliano a fermare il progetto.

NON POSSIAMO FERMARCI ORA! Il Governo Brasiliano non ha ancora proceduto alla demarcazione ufficiale del territorio dei Munduruku e purtroppo ci sono ancora numerosi progetti che mettono a rischio l’Amazzonia: 42 solo sul fiume Tapajós! Noi continueremo a far sentire la nostra voce e avremo bisogno di tutto il tuo supporto.

Grazie per il tuo impegno Greenpeace Italia

P.S. Sapevi che l’80% della superfice forestale del Pianeta è stata già distrutta? Non resteremo a guardare mentre l’Amazzonia e gli altri polmoni verdi del mondo scompaiono! DONA ORA E AIUTACI AD ENTRARE IN AZIONE ANCHE DOMANI!

LA REALTÀ POLIGONALE

Galleria

This gallery contains 43 photos.

LA REALTÀ POLIGONALE Chi mi segue da tempo o comunque ha letto gli articoli della categoria “Geometria Sacra” si è reso sicuramente conto di quanto mi sia spinto in là in questa materia, non facile da comprendere e volutamente occultata ai Più da parte delle note “Cabale”. Quello che vi descriverò in questo articolo va molto oltre l’ortodossia scientifica imperante, … Continue reading

Acqua del Rubinetto

Immagine

Acqua del Rubinetto

Acqua del Rubinetto 05Da poco tempo ho abbandonato la pessima abitudine di acquistare acqua in bottiglia, come tutti ero convinto che l’acqua del rubinetto fosse pesantemente inquinata e servisse solo per lavare i piatti ed il corpo. Informandomi e dopo aver visto questo video: Come ti creo il bisogno La storia Acqua in bottiglia ho compreso che anche in questo caso, il “bisogno dell’acqua in bottiglia” è stato fabbricato ad arte dalle multinazionali delle bevande gassate e tramite massicce, martellanti campagne pubblicitarie trasmesso alle “masse”. Si è riusciti a vendere a caro prezzo un prodotto abbondante, economico e disponibile a tutti come l’acqua. Ricordo le parole di Ighina che andato in Africa a proporre il suo dispositivo per far piovere si è visto messo alla porta dai governanti dei paesi più poveri e siccitosi esistenti con queste parole: “Si prenda la sua roba e se ne vada, noi qui ci guadagniamo sulla mancanza d’Acqua

Comprare acqua minerale, infatti, è un’abitudine che costa caro, sia al portafoglio (L’acqua del rubinetto costa pochissimo da 0,40 a 0,60 euro al metro cubo (1000 litri!) L’acqua in bottiglia costa circa 500/1000 volte di più ) che all’ambiente, con oltre 200.000 tonnellate di plastica prodotta per imbottigliare circa 11 miliardi di litri d’acqua.

Acqua del Rubinetto 02Tra l’altro, a ben guardare, i soldi spesi per la minerale servono non tanto a pagare la materia prima, ma tutte le altre voci che gravitano attorno al business dell’acqua: pubblicità, trasporto, imballaggio e smaltimento.

L’acqua in bottiglia è la responsabile di uno dei più grandi disastri ecologici del pianeta come avevo già riportano in questo post: San Francisco vieta le bottiglie di plastica, gli americani usano infatti 50 milioni di bottiglie di plastica all’anno, delle quali viene riciclato solo il 23 per cento, secondo quanto riportato dalla campagna Ban the bottle. La produzione di queste bottiglie richiede 17 milioni di barili di petrolio e una quantità d’acqua maggiore di quella contenuta in una bottiglia.

Acqua del Rubinetto 04Una quantità di rifiuti di plastica pari a un camion viene gettata in mare ogni minuto: 8 milioni di tonnellate di plastica ogni anno. Si stima infatti che nel 2050 negli oceani di tutto il mondo ci sarà più plastica che pesce. Il Pacific trash vortex è un’isola di plastica che galleggia a nord dell’oceano pacifico, in continua espansione. Ci sono altri accumuli simili, fatti di piccoli pezzi di materiali petrolchimici, confusi spesso per cibo dagli uccelli marini. Un vero dramma poiché fa entrare la plastica nella catena alimentare. In Italia uno dei paesi europei dove maggiore è il consumo di acque minerali si accumulano 150.000 tonnellate di bottiglie all’anno in rifiuti!

È inoltre falso, tranne che in rari casi, che l’acqua in bottiglia si più controllata di quella del rubinetto, questa subisce controlli molto più frequenti e più dettagliati rispetto all’acqua in bottiglia in quanto le analisi chimico-batteriologiche possono essere eseguite – per legge – anche una sola volta ogni cinque anni.

Viene inoltre affermato da “fonti interessate” che l’acqua del rubinetto è contaminata dal cloro o che il suo consumo provoca i calcoli ai reni, altre falsità. Essendo il cloro volatile, è sufficiente lasciare l’acqua attinta dal rubinetto in una brocca per circa 10 minuti affinché il cloro evapori. Come non c’è nessuna evidenza che correli la formazione dei calcoli con il calcare contenuto nell’acqua.

Acqua del Rubinetto 03Per concludere vi invito a vedere questo video che contiene Le Scioccanti dichiarazioni della Nestlè sul diritto allacqua , qui il Ceo di Nestlè espone le aberranti teorie che guidano l’azione delle multinazionali, in cui l’unica cosa che importa è l’aumento costante dei profitti per i propri azionisti. Chiaramente questo signore ed il suo pensiero sono il risultato di anni condizionamento psicologico dettato dalla politica aziendale ma è interessate l’ultima parte del suo discorso, in cui inconsciamente analizza il fallimento morale della politica consumistica. Ammettendo che non ostante tutti i beni materiali che le persone accumulano, l’infelicità e la depressione imperano in questa società. Vi esorto ancora a bere acqua del rubinetto e prima di farlo beneditela con una piccola preghiera di ringraziamento.

432 Hz L’Accordatura Che Risuona Con La Vita

Galleria

This gallery contains 3 photos.

432 Hz L’Accordatura Che Risuona Con La Vita L’Universo è un insieme di frequenze che in armonia compongono il concerto della vita. Noi, come esseri biologici e spirituali facenti parte di questo mondo, facciamo parte allo stesso modo dell’insieme delle note di questa meravigliosa sinfonia. I nostri corpi, come i nostri pensieri, vibrano, emettono frequenze, note. Spetta a noi comprendere … Continue reading

Simbolo Reiki analisi radioestesica

Galleria

This gallery contains 5 photos.

Simbolo Reiki analisi radioestesica Il Reiki è una disciplina spirituale praticata da milioni di persone al mondo e grazie a questo ha generato una potente forma di pensiero. Come qualsiasi altra forma di pensiero può essere rappresentata da un simbolo che esprime le sue caratteristiche, questo simbolo è il Kanji Reiki. In questo post voglio analizzare il simbolo del Kanji … Continue reading

Salviamo Moby Dick dal rischio airgun

Immagine

Salviamo Moby Dick dal rischio airgun

Salviamo Moby Dick dal rischio airgun 1Legambiente Onlus Rome, Italia 12 Agosto 2015

Qualche giorno fa nei pressi di Caprera, nel Parco dell’Arcipelago di La Maddalena in Sardegna, è stato avvistato un rarissimo capodoglio bianco, subito ribattezzato Moby Dick.

Il luogo dello straordinario avvistamento del capodoglio albino, mai registrato prima del 2006 nel Mediterraneo, si trova nel perimetro del Santuario dei Mammiferi Marini Pelagos, l’area protetta a livello internazionale per l’alta concentrazione di biodiversità e di cetacei: si stima la presenza di più di 8500 specie di animali che rappresentano tra il 4% e il 18% delle specie marine a livello mondiale.

Legambiente invita ancora una volta a condividere e far girare la petizione “Fermiamo l’airgun, salviamo i cetacei #StopOilAirgun”

a ritwittate l’appello: http://bit.ly/1IGN2x2 ed condividete il messaggio su Facebook:http://on.fb.me/1J48LAu

Nei mari italiani sono ben 122mila i chilometri quadrati che potrebbero essere sottoposti ad attività di prospezione e ricerca di petrolio: una superficie che corrisponde all’estensione di tutta Inghilterra!

Come già ribadito molte volte, l’airgun è dannoso perché il rumore che produce provoca il mascheramento dei segnali acustici con i quali gli animali comunicano, navigano, si orientano e individuano le prede. La presenza dell’airgun a breve distanza da un mammifero marino può causare danni gravi e perfino letali. I capodigli, in particolare, tendono a cessare i loro sistemi di segnali sonori per l’eco-localizzazione, la socializzazione, interrompendo anche l’attività di alimentazione, in risposta agli impulsi sonori emessi a più di 300 km di distanza!

Salviamo Moby Dick dal rischio airgun 320x234Nonostante il premier Renzi neghi l’evidenza del rischio trivellazioni petrolifere nei nostri mari, Goletta Verde e Legambiente non stanno affatto sereni e neanche i cetacei lo sono!

Le dichiarazioni fatte da Renzi durante l’ultima direzione del PD fanno intendere che il governo ha intenzione di andare avanti sulla petrolizzazione del nostro mare e di non voler aprire un confronto con cittadini, associazioni, imprenditori e amministrazioni locali e regionali che anche in queste ultime settimane hanno fatto sentire la loro voce.

Ancora una volta, quindi, Legambiente fa appello alle Regioni per mantenere gli impegni presi – durante il coordinamento delle Regioni il 24 luglio, a Termoli, e il 29 luglio al ministero dello Sviluppo economico – perché continuino a farsi portatrici delle istanze di chi si batte per fermare la dannosa e inutile deriva petrolifera nel mare italiano e nel Mediterraneo.

Oggi i governatori regionali possono mettere in campo, come hanno dichiarato più volte, tutti gli strumenti che hanno a disposizione per fermare la strada scelta e intrapresa con forza dall’attuale governo.

Continuate a condividere, fermiamo insieme l’airgun!

Salviamo Moby Dick dal rischio airgun 450Fonte: Aggiornamento · Salviamo Moby Dick · Change.org

Seguite da qui il viaggio di Goletta Verde: http://golettaverdediariodibordo.blogautore.repubblica.it/

Aggiornamento sulla petizione
#stopOilAirgun, il nostro mare è ancora in pericolo! Condividete! @glgalletti @matteorenzito sulla petizione

Legambiente Onlus Rome, Italia 1 ago 2016 — A un anno di distanza la Goletta Verde di Legambiente torna alla spiaggia di Punta Penna a Vasto, per dire #stopOilAirgun, ovvero l’utilizzo della tecnica per le prospezioni petrolifere in mare che ha un impatto devastante sull’ecosistema marino, in particolare sui cetacei, e sulla pesca. Il pericolo dell’airgun è infatti ancora attuale dopo che il TAR del Lazio ha bocciato il ricorso presentato dai comuni abruzzesi e marchigiani. In questo modo si da sostanzialmente il via libera allarichiesta della Spectrum Geolimited, di condurre indagini con l’Airgun in circa 30.000 km quadrati di mare Adriatico, da Rimini a Otranto.
In quasi 50.000 hanno sottoscritto il nostro appello, dalla parte del mare e delle comunità locali, contro l’Airgun e gli interessi delle grandi compagnie petrolifere.
Domani dalla spiaggia di Punta Penna a Vasto, dove nel settembre del 2014 si sono spiaggiati 7 capodogli, torniamo a chiedere con forza al Governo e a tutti gli schieramenti politici di vietare da subito l’utilizzo dell’airgun per la ricerca di petrolio e gas sotto i mari italiani. Un impegno già più volte annunciato dalla maggior parte dei gruppi parlamentari ma rimasto ad oggi ancora disatteso.
Continuiamo a farci sentire: condividete la nostra petizione:
Fermiamo l’airgun, salviamo i cetacei #StopOilAirgun da Legambiente Onlus · 46.805 sostenitori

Fate firmare tutti i vostri contatti. Facciamoci sentire dal ministro Galletti e dal Premier Renzi! www.legambiente.it

LA MORTE NON ESISTE

Galleria

This gallery contains 5 photos.

LA MORTE NON ESISTE Attraverso l’appassionato lavoro pionieristico della dottoressa “Elisabeth Kubler-Ross”, siamo giunti ad una nuova, più ampia e profonda comprensione della morte, il grande appuntamento che ci attende tutti e del quale la nostra società moderna, razionalista e materialista, ha fatto, nella sua incapacità di spiegarla, un tabù insuperabile. “Elisabeth Kubler-Ross”, grazie al suo lavoro instancabile e paziente … Continue reading