Le nuove scoperte Russe sul DNA “spazzatura”

Immagine

Le nuove scoperte Russe sul DNA “spazzatura”

di Emiliano Soldani

Le nuove scoperte Russe sul DNA “spazzatura” 001Come manifestare il pieno potenziale del DNA

Scienziati di tutto il mondo stanno conducendo nuove ricerche sul potenziale del DNA, che può essere informato da pensieri ed emozioni. Quello considerato a torto DNA spazzatura è in realtà la sua parte “intronica”, che contiene informazioni relative ai potenziali quantici esprimibili, ovvero alle nostre possibilità di scelta, che determinano gli eventi del quotidiano in base alle memorie karmiche

La nostra biologia cela possibilità sino a pochi anni fa inimmaginabili che, una volta divulgate nella cornice di una scienza di frontiera e condivise fra tutti coloro che sono interessati alla ricerca interiore, permetteranno all’intera umanità di effettuare un salto quantico di specie. Questo sarà possibile grazie al ben noto effetto Maharishi comprovato dall’esperimento della centesima scimmia, attraverso il quale si dimostrava l’influenza di un ristretto numero di individui che acquisivano un’abilità specifica sull’intera popolazione della stessa razza di scimmie, la quale misteriosamente e all’improvviso esprimeva quella stessa abilità anche a distanza di chilometri, senza averla appresa tramite insegnamento o emulazione.

Il DNA infatti ha proprietà che potremmo considerare sovrannaturali, comprovate inequivocabilmente da molti scienziati. Il filamento elicoidale che codifica il nostro patrimonio genetico è oggetto di studio da molti decenni e, dopo la completa mappatura genica della sua parte esonica (quella che codifica le nostre caratteristiche fisiche) nell’ambito del Progetto Genoma, l’attenzione dei ricercatori si è spostata sulla comprensione dell’informazione contenuta nella sua parte intronica, che inizialmente venne etichettata con il nome poco lusinghiero di DNA spazzatura dal momento che non si sapeva a cosa servisse. L’Equipe dell’Accademia delle Scienze Russa, capitanata da Peter Gariaev e Vladimir Poponin, ha invece approfondito lo studio sulla parte dei geni non codificante le caratteristiche biologiche e ha scoperto che gli introni contengono un’informazione relativa ai potenziali quantici esprimibili, ovvero alle nostre possibilità di scelta, che determinano gli eventi del quotidiano in base alle memorie karmiche.

Siamo Tutti Connessi A Un Campo Informazionale

Le neuroscienze hanno sancito che il nostro cervello non è in grado di formulare il pensiero in modo autonomo, ma si comporta piuttosto come una ricetrasmittente connessa a un campo informazionale che Rupert Sheldrake, noto biologo molecolare inglese, ha definito mente estesa.

Le nuove scoperte Russe sul DNA “spazzatura” Shaldrakeil biologo inglese Rupert Sheldrake.

Carl Gustav Jung aveva intuito l’esistenza di questa mente collettiva, analizzandone soprattutto gli aspetti inconsci, ma essa non è solo un ricettacolo di problemi e pensieri di bassa qualità. Questa mente è estesa, come suggerisce l’attributo di Sheldrake, a tutti gli esseri che popolano la terra, e agisce su tutte le possibili frequenze dello spettro di emissione elettromagnetico solare.

Tale mente infatti è un campo informazionale nel quale sono contenuti i potenziali quantici che, una volta osservati dalla nostra parte conscia o inconscia, vengono condensati in eventi di vita reale. L’informazione è cablata in questa mente grazie alla luce, poiché il campo quantico è caratterizzato da funzioni d’onda di diversa frequenza e di natura elettromagnetica.

Il Sole irradia luce a varie frequenze, dai raggi gamma ai raggi x e agli ultravioletti fino alla luce visibile trasmessa dai fotoni, per scendere ancora all’infrarosso e terminare con l’hertziano. Questa luce codifica un’immensa mole di informazioni, alla quale il nostro cervello attinge incessantemente traendo intuizioni e pensieri cui riserva attenzione e che costituiscono il materiale di base per i processi di ragionamento logico che il cervello stesso applica prima di ritrasmettere il pacchetto informazionale modificato al campo di coscienza collettivo.

Quando processiamo un pensiero distruttivo, che suscita un’emozione di paura, il nostro cervello intermedio ordina il rilascio di adrenalina, un neurotrasmettitore che comunica alle nostre cellule la necessità di attivarsi, e interagisce con il DNA, inducendolo ad accartocciarsi su se stesso. Glen Rein, biochimico dell’università di Londra, lo dimostrò effettuando esperimenti di laboratorio su un gruppo scelto di soldati: il loro DNA reagiva infatti negativamente alla visione di filmati che suscitavano emozioni quali rabbia e paura, e al contrario si distendeva allungandosi in modo armonioso in presenza di sentimenti positivi.

I Russi hanno dimostrato che la parte intronica viene plasmata dai nostri pensieri e sentimenti e che l’informazione è codificata con un linguaggio la cui semantica è assimilabile a quella della lingua umana, tanto che per comprenderlo si sono avvalsi del contributo di linguisti. Questo ovviamente avvalora gli insegnamenti spirituali che insistono a lungo sulla necessità di avere maestria dei pensieri e delle parole per poter essere in buona salute e imparare a gestire consapevolmente la propria realtà.

Ma in ultima analisi il pensiero che processiamo proviene dalla luce solare, che diviene suono nell’abbassamento di frequenza dall’infrarosso all’hertziano. Fritz-Albert Poop, noto biofisico tedesco, ha infatti scoperto l’esistenza di una stretta relazione tra fotoni e DNA ed è giunto a parlare di biofotoni affermando che quando sono presenti in abbondanza permettono al DNA una piena integrità informazionale che si riflette in uno stato di buona salute, quando invece il genoma li disperde si manifestano mutazioni genetiche che conducono alla malattia.Riassumendo i concetti fin qui esposti possiamo affermare che il nostro genoma ordina la luce e dalla luce viene influenzato, e che la stessa luce codifica i pensieri contenuti nella mente estesa che il cervello capta e converte in parole, le quali vengono memorizzate nella sua parte intronica costituendo una memoria cellulare karmica.

Vladimir Poponin…e Peter Gariaev.

Ma c’è dell’altro. I Russi hanno scoperto che quando il DNA viene isolato dalla cellula, intorno alla sua struttura si formano dei microtunnel spazio-temporali che hanno chiamato micro-wormhole. In base agli studi di Einstein e Rosen i tunnel spazio-temporali sono il risultato del collasso di una stella in un buco nero. Sono una distorsione dello spazio-tempo, uno squarcio nel tessuto stesso della Matrix operato dai flussi gravitazionali attraverso il quale l’informazione viaggia bypassando le dimensioni del tempo e dello spazio.

I tunnel spazio-temporali consentono all’informazione di viaggiare anche a ritroso nel tempo, permettendo al presente di essere influenzato dal futuro. E incredibilmente il nostro DNA, nel momento in cui non è condizionato dalla nostra mente che a propria volta forma costantemente memorie cellulari, manifesta dei minuscoli varchi nello spazio-tempo che gli permettono di essere influenzato dal futuro.

Questa è la dimostrazione scientifica che ci è possibile trascendere il nostro karma e attingere al reame di intuizioni e conoscenza provenienti dal futuro, relazionandoci con altissime frequenze della mente estesa dove sono contenute le soluzioni a tutti i problemi che affliggono l’umanità, oltre che la concreta possibilità di fare un vero e proprio salto quantico di specie.

Ovviamente sorge spontanea la domanda: come fare per attivare i micro-wormhole, che ci permettono l’ipercomunicazione e l’infusione di tutta questa conoscenza retrocausale ?

Occorre operare un lavoro preventivo di maestria dei pensieri e della parola, vincere lo stress e amare, per stabilire un’adeguata condizione fisiologica di partenza. Questo può essere ottenuto praticando un’osservazione distaccata di sé, senza giudizio rispetto a ciò che viene osservato, come se la nostra vita fosse proiettata sullo schermo di un cinema e noi fossimo il regista della nostra personale pellicola. Questa tecnologia interiore è efficace poiché ponendo una distanza fra noi e il mondo riusciamo a gestire gli eventi dolorosi con grande maestria e riduciamo sensibilmente lo stress psico-fisico.

Bisogna inoltre disidentificarsi rispetto alle nostre memorie cellulari karmiche che sanciscono il nostro carattere e la personalità e riposare nella certezza di essere Luce, operando un’opera di spiritualizzazione della materia che in essa si deve riconoscere, in base agli insegnamenti di alchimia trasformativa.

Possiamo lavorare sul sentire di essere un Sole, che irradia Luce e Amore. Quest’opera distoglierà la nostra attenzione dalla personalità e il DNA non sarà più condizionato da una mente che lo obbliga a essere il frutto del nostro passato. Allora in modo naturale attiverà i micro-wormole, ripristinerà l’ipercomunicazione multidimensionale e ci renderà esseri umani divini capaci di ridefinirsi e apprendere le più alte e utili conoscenze direttamente dalle stelle.

Fonte: stampalibera

Scritto da: Emiliano Soldani

una manciatina di semi oleosi ogni giorno

Galleria

This gallery contains 1 photo.

10 motivi per mangiare una manciatina di semi oleosi ogni giorno Luglio 17, 2014 Scritto da Francesca Biagioli Ormai diverse ricerche hanno confermato i benefici dei semi oleosi. Questo nome generico racchiude davvero una grande varietà di piccoli alimenti ricchi di sostanze nutritive: semi di girasole, lino, sesamo, zucca, chia, canapa ma anche mandorle, noci, nocciole e il resto della … Continue reading

Pigalina e Levi

Galleria

This gallery contains 4 photos.

Pigalina e Levi Pigalina e Levi, amici per sempre Ecco la storia della una straordinaria amicizia fra Levi un pitbull e Pigalina una piccola porcellina nana, entrambi rifiutati dai propri proprietari si sono ritrovati insieme ospiti del Santuario PIGS di Melissa Susko in Virginia, negli Usa. Pigalina porcellina di tre settimane è stata rifiutata dal resto della sua cucciolata e … Continue reading

La Vita Dopo La Morte

Immagine

La Vita Dopo La Morte

La Vita Dopo La Morte 22La Vita Dopo La Morte

“La vita e la morte confluiscono in uno e non c’è né evoluzione né destino, soltanto essere.” (Albert Einstein)

La morte è la cessazione di tutte quelle funzioni biologiche vitali che definiscono gli organismi viventi. Essa si riferisce, oltre che ad un evento specifico, anche ad una condizione.

Con la morte termina l’esistenza materiale di un essere vivente, ma che succede dopo? Il nulla? Un sonno con o senza sogni? O, come ci indicano tutte le religioni, filosofie e dottrine del mondo moderno ed antico, è solo un cambiamento di stato esistenziale? E se questo è vero, in che maniera continueremo la nostra esistenza? Con quale coscienza personale continueremo ad essere consapevoli di noi stessi dopo la morte fisica?

Chi chiede che gli si dimostri l’esistenza dell’aldilà esige delle prove strettamente collegate ai sensi e all’intelletto. Si chiede quindi di dimostrare un qualcosa di impercettibile ai sensi umani tramite i sensi stessi. Essere consapevole dell’esistenza di un mondo spirituale che si interpenetra in questo materiale tramite un esperimento scientifico è come dimostrare che esiste la forza di gravità sul pianeta terra perché gli oggetti sopra di esso vengono spinti verso il centro del corpo celeste, ed infatti così è. Solo che le leggi fisiche a cui noi siamo abituati non hanno più valore se il riferimento è il pianeta stesso; cioè dimostro che esiste la forza di gravità in natura ma non posso descrivere tale forza se prendiamo in considerazione non più la mela di Newton ma il pianeta stesso. Coma fa la terra a reggersi nello spazio se esiste la gravità? Cosa la sorregge?

Questo esempio è molto eloquente e riguarda la fatidica domanda se esiste un aldilà; non si può dimostrare questo utilizzando leggi ed osservazioni che noi viviamo e percepiamo nel nostro piccolo perché ad eventuali livelli superiori esistenziali diversi da questo non hanno nessun valore. Se quindi descriviamo verità spirituali tramite i sensi non sappiamo spiegarci come la forza di gravità non agisce su un pianeta ma agisce sugli oggetti posto su di esso.

Se invece con la logica scientifica, utilizzata da secoli da illustri rivoluzionari scientifici, dimostriamo verità universali scopriamo che le verità si sostengono l’una con l’altra e a quel punto so perché la gravità spinge gli oggetti verso il centro di un pianeta e perché tale forza sorregge nello spazio il pianeta stesso.

Ogni uomo può descrivere il suo aldilà anche in base alle proprie esperienze immagazzinate dalla nascita e strettamente legate alle ideologie religiose del proprio ambiente di crescita ed alle persone che ne hanno fatto parte. Ma è sufficiente un solo punto di vista per una sana consapevolezza?

Se siamo atei, gnostici o fedeli religiosi comprendiamo che siamo nati, per esempio, cristiani e non mussulmani per pura casualità o per un volere divino superiore, ma in entrambe le circostanze possiamo considerare l’idea che potevamo nascere con una cognizione spirituale completamente diversa da quella che abbiamo ora: in una famiglia mussulmana anziché cristiana, in un ambiente religioso anziché ateo e/o in un luogo diverso da dove siamo ora.

La coscienza collettiva, da sempre, ci priva delle nostre facoltà indipendenti di ragionamento; prima di indagare su un enigma antico e recondito come quello della morte dobbiamo svincolarci dalle nostre credenze affermate nel nostro io interiore, solo per una questione “logistica”. Andare oltre le ideologie con cui si è cresciuti è fondamentale per avere una visione totale e spersonalizzata su un appuntamento con il destino più o meno imminente che nessun uomo può rimandare .

Non si consiglia in questa sede, con queste parole, di allontanarsi dalla propria fede religiosa, oggi qualità rara per una reale crescita spirituale dell’individuo; si suggerisce altresì uno studio approfondito sull’argomento prendendo in considerazione altre campane religiose, filosofiche ed anche soprattutto scientifiche. Questo atteggiamento aperto non può far altro che solidificare e consolidare il proprio rapporto con il divino, qualunque religione o credo attualmente si professi.

Nell’ultimo secolo la scienza ci è venuta d’aiuto dimostrando come la paura dell’oblio possa trasformarsi in una consapevolezza solida di come l’essenza dell’uomo non si fermi al semplice corpo fisico, ma proceda ben oltre i limiti a cui siamo abituati a pensare. Lo scopo di questo sito è raccogliere queste prove ed inquadrarle in un contesto preciso; quello appunto di una esistenza umana che non si ferma a tutti gli effetti dopo la fine del corpo fisico.

Nel mondo si è stimato che i “credenti” appartenenti ognuno alla propria religione, siano circa 5 miliardi e sembra che ogni anno circa 30 milioni di persone vanno ad aggiungersi a questo numero.

Tenendo conto che siamo circa 7 miliardi, possiamo affermare che la maggior parte delle persone credono o hanno fiducia in qualcosa di ultraterreno che probabilmente ci assiste, ci protegge e che ci darà la possibilità di esistere cognitivamente dopo la morte organica.

Troppe poche persone oggi hanno il coraggio di chiedersi: cosa c’è dopo?

Probabilmente la risposta è: questo è il dopo, una piccola parentesi di qualche anno…

bisogna solo cercare di capire perché non ci ricordiamo lucidamente di ciò che eravamo prima e se per proseguire il viaggio, prima di ritornare spontaneamente e naturalmente da dove siamo venuti, serve ricordarlo o almeno intuirlo.

Fonte: Vita dopo la mort – Post Vitae

Machu Picchu

Galleria

This gallery contains 5 photos.

Machu Picchu La “città Perduta” Degli Incas Avvolta Nel Mistero Tra Storia Astrologia e architettura 26 gennaio 2014 16:05 – Caterina Lenti Per gli Inca la Valle di Urubamba era la porta della foresta, l’antisuyu. Il fiume che l’attraversa era un tempo conosciuto come Willka Mayu (Fiume del Sole o fiume sacro) e il nevaio che lo origina era chiamato … Continue reading

La Sacra Unione e il Divino Cuore

Galleria

This gallery contains 2 photos.

La Sacra Unione e il Divino Cuore: 11/11/8 Novembre 2015 L’Arcangelo Michele attraverso Celia Fenn Amata Famiglia di Luce, le energie stanno accelerando mentre procedete verso il Portale 11/11 dell’11 novembre. Nella Trasformazione della vostra Nuova Terra sarà un momento potente, un momento in cui le energie della Sacra Unione e del Divino Cuore si uniranno per iniziare e attivare … Continue reading

COME CAMBIARE

Galleria

This gallery contains 2 photos.

COME CAMBIARE BOICOTTA LE BANCHE. Combatti la frode del sistema bancario. Smaschera e divulga la truffa del signoraggio e della riserva frazionaria. Boicotta i grandi gruppi bancari a favore di quelli più piccoli, non prendere finanziamenti e non investire in prodotti finanziari o titoli di stato. NON VOTARE. Non legittimare gli attuali membri della scena politica. Essi obbediscono e hanno … Continue reading

Larimar

Galleria

This gallery contains 5 photos.

Larimar Famiglia: Pectolite Composizione: Silicato Di Calcio Sodio E Rame (SI03) 3 Ca2NaH Cristallizzazione: Sistema Triclino Colore: azzurro e verde, a volte con striature di rosso Chakra: 5° Centro Della Gola GEOLOGIA Il Larimar chiamato anche “Stefilia’s Stone” è una rara varietà blu di Pectolite un minerale silicato di Calcio e Sodio formatosi durante il Miocene nelle rocce vulcaniche, Andesiti … Continue reading

Isacco di Ninive

Galleria

This gallery contains 4 photos.

Isacco di Ninive “Sii un perseguitato, ma non uno che perseguita. Sii un crocifisso, ma non uno che crocifigge. Sii un oltraggiato, ma non uno che oltraggia. Sii un calunniato, ma non uno che calunnia. Sii pacifico e non zelante. Persegui la bontà e non la giustizia. La giustizia non appartiene alla condotta del cristiano: non se ne trova menzione … Continue reading

Esagono magico

Galleria

This gallery contains 11 photos.

Esagono magico Da Wikipedia, l’enciclopedia libera. Un esagono magico di ordine n è una disposizione di numeri tra loro distinti in una tabella esagonale composta da n celle per ogni lato, in modo che la somma dei numeri in ogni riga, in ciascuna delle tre direzioni possibili, abbia come somma la stessa costante magica. Un esagono magico normale ha il … Continue reading

Da tre anni accompagna l’amico disabile portandolo in spalla

Galleria

This gallery contains 4 photos.

Da tre anni accompagna l’amico disabile portandolo in spalla Aprile 27, 2015 Scritto da Marta Albè Xie Xu, il ragazzo che da 3 anni accompagna a scuola l’amico disabile portandolo in spalla Una storia davvero toccante che ci fa capire quanto ognuno di noi potrebbe essere d’aiuto per gli altri, se solo lo volesse. Xie Xu è un ragazzo cinese … Continue reading

Pericoli Insiti Nello Spiritualismo E Nell’occultismo

Galleria

This gallery contains 2 photos.

Pericoli Insiti Nello Spiritualismo E Nell’occultismo Omraam Mikhael Aivanhov, maestro di Saggezza. Pericoli di spiritualismo e occultismo. «Durante i secoli la chiesa ha ripetuto ai cristiani che l’essenziale era avere la fede. Quando ponevano delle domande, rispondeva loro che erano dei misteri che non dovevano cercare di comprendere ed osteggiava tutti quelli che non si accontentavano delle sue risposte. Le … Continue reading

Quadranti Da Radioestesia Francese

Galleria

This gallery contains 2 photos.

Quadranti Da Radioestesia Francese Pubblico una serie di quadranti radioestesici che ho reperito in rete e tradotto dal francese con la collaborazione dell’amico Radiestesista Mauro. Il lavoro di traduzione risale al mese di Luglio ma per una serie di eventi ho rimandato fino ad ora la sua pubblicazione. Nel pdf allegato troverete trentadue tavole radioestesiche perfette per un loro utilizzo … Continue reading

Buccia non Edibile

Galleria

This gallery contains 3 photos.

Buccia non Edibile La maggior parte delle bucce degli agrumi non e’ commestibile, Lo sapevi? Attenzione se fai torte o liquori Agrumi: sai che buccia ti mangi? Quanti di voi amano bere del buon limoncino fatto in casa, o quanti si dilettano a confezionare delle squisite torte fatte in casa per l’occasione? Torte al cioccolato, torte di ricotta, ma anche … Continue reading

Il Misterioso Num Nafar

Galleria

This gallery contains 2 photos.

Il Misterioso Num Nafar Molte volte mi sono chiesto, al pari di altri, da dove venisse il nome Num Nafar, attribuito ad Arnold Ehret, ideatore del Sistema di Guarigione della Dieta senza muco. Num Nafar. traduzione: Luciano Gianazza Dopo il mio digiuno a Colonia, i giornali pubblicarono il mio nome abbinato al soprannome Num Nafar e da allora cominciarono a … Continue reading

Giainismo

Galleria

This gallery contains 6 photos.

Giainismo Da Wikipedia, l’enciclopedia libera. Il giainismo (o Jainismo) è un’antica religione; inizialmente documentata come una fede a sé stante, è soprattutto una filosofia in quanto non implica divinità definite. È basata sugli insegnamenti di Mahavira (559-527 a.C.), un asceta di nobile estrazione che indicava la via alla perfezione umana sulla base della nonviolenza. Secondo la sua dottrina, la filosofia … Continue reading