LE DISCIPLINE DELLA PERSONALITÀ

LE DISCIPLINE DELLA PERSONALITÀ

LE DISCIPLINE DELLA PERSONALITÀSessione 4

4.20 Interrogatore: Il mio obiettivo è principalmente quello di scoprire di più della Legge dell’Uno e [sarebbe] molto utile scoprire tecniche di guarigione. Sono consapevole del tuo problema rispetto al libero arbitrio. Puoi fare … Non puoi dare suggerimenti, quindi ti chiederò se puoi dichiararmi la Legge dell’Uno e le leggi della guarigione?

Ra: Sono Ra. La Legge dell’Uno,nonostante la limitazione del nome, come voi chiamate il complesso di suoni vibratori, può essere approssimata affermando che tutte le cose sono una, che non c’è polarità, né giusto o sbagliato, né disarmonia, ma solo identità. Tutto è Uno e quello è amore/luce, luce/amore, il Creatore Infinito. Una delle distorsioni primarie della Legge dell’Uno è quella della guarigione. La guarigione avviene quando un complesso mente/corpo/spirito realizza, nel profondo di se stesso, la Legge dell’Uno; cioè realizza l’assenza di disarmonia, nessuna imperfezione; che tutto è completo, intero e perfetto. Pertanto, l’infinito intelligente all’interno di questo complesso mente/corpo/spirito riformula l’illusione di corpo, mente e spirito in una forma congruente con la Legge dell’Uno. Il guaritore agisce come energizzante o catalizzatore per questo processo completamente individuale. Un elemento che può essere interessante è che un guaritore che chiede di imparare deve considerare la distorsione compresa\ricevuta come una responsabilità per quella domanda/ricezione, riguardo alla guarigione. Questo è un [n] onore/dovere che deve essere attentamente considerato nel libero arbitrio prima della richiesta.

4.21 Interrogatore: presumo che dovremmo continuare domani.

Ra: Sono Ra. La tua ipotesi è corretta a meno che tu non ritenga necessaria una certa domanda. Questo strumento è alimentato al meglio per circa questa lunghezza di lavoro.

4.22 Interrogatore: una breve domanda. Questo strumento è in grado di eseguire due di queste sessioni al giorno o dovremmo rimanere con una?

Ra: Sono Ra. Questo strumento è in grado di eseguire due sessioni al giorno. Tuttavia, deve essere incoraggiata a mantenere forte il suo complesso corporeo dall’ingestione di prodotti alimentari in una misura che superi la normale assunzione di prodotti alimentari per questo strumento, questo a causa del materiale fisico che usiamo per parlare. Inoltre, le attività di questo strumento devono essere monitorate per prevenire l’iperattività, poiché questa attività equivale a un intenso lavoro a livello fisico. Se si considerano questi ammonimenti, le due sessioni sarebbero possibili. Non desideriamo esaurire questo strumento.

4.23 Interrogatore: Grazie, Ra.

Ra: Sono Ra. Vi lascio nell’amore e nella luce della sola Intelligenza Infinita che è il Creatore. Vai avanti rallegrandoti del potere e della pace dell’Uno. Adonai.

Sessione 5

23 gennaio 1981

5.0 Ra: I am Ra. Ti saluto nell’amore e nella luce dell’Infinito Creatore. Ora comunico.

5.1 Interrogatore: L’ultima volta che abbiamo comunicato stavamo parlando dell’apprendimento della guarigione. La mia impressione è che da ciò che ci hai comunicato nella sessione precedente, sia necessario prima purificare il sé con determinate discipline ed esercizi. Quindi, al fine di guarire un paziente, è necessario, tramite esempi, e possibilmente con alcuni esercizi, creare una configurazione mentale nel paziente che gli permetta di guarire se stesso. Ho ragione?

Ra: Sono Ra. Sebbene la distorsione di apprendimento/comprensione sia essenzialmente corretta, la scelta del complesso di suoni vibratori non è del tutto accurata per quanto consenta questa linguaggio.

Non è tramite esempi che il guaritore faccia il lavoro. Il lavoro esiste in sé e per sé. Il guaritore è solo il catalizzatore, allo stesso modo questo strumento ha la catalisi necessaria per fornire il canale per le nostre parole, eppure, tramite esempi o esercizi di qualsiasi tipo, non può compiere questo lavoro.

L’opera di guarigione è congruente in quanto è una forma di incanalamento di una distorsione dell’Infinito Intelligente.

5.2 Interrogatore: Abbiamo deciso di accettare, se offerto, l’onore/dovere di apprendere/insegnare il processo di guarigione. Vorrei chiedere il primo passo che dovremmo compiere per diventare guaritori efficaci.

Ra: Sono Ra. Inizieremo con il primo dei tre insegnamenti/apprendimenti.

Iniziamo con gli apprendimenti/insegnamenti mentali necessari per il contatto con l’infinito intelligente. Il prerequisito del lavoro mentale è la capacità di mantenere il silenzio del sé in uno stato stabile quando richiesto dal sé. La mente deve essere aperta come una porta. La chiave è il silenzio.

All’interno della porta si trova una costruzione gerarchica che potresti paragonare alla geografia e in qualche modo alla geometria, poiché la gerarchia è abbastanza regolare, con relazioni interne.

Per iniziare a padroneggiare il concetto di disciplina mentale è necessario esaminare il sé. La polarità della tua dimensione deve essere interiorizzata. Dove trovi pazienza nella tua mente, devi trovare coscientemente l’impazienza corrispondente e viceversa. Ogni pensiero che un essere ha, ha a sua volta un’antitesi. Le discipline della mente coinvolgono, prima di tutto, l’identificazione di entrambe le cose che approvi e di quelle che disapprovi in te stesso, e quindi di bilanciare ogni carica positiva e negativa con il suo uguale. La mente contiene tutte le cose. Pertanto, devi scoprire questa completezza dentro di te.

La seconda disciplina mentale è l’accettazione della completezza all’interno della tua coscienza. Non è opportuno per un essere polarizzato nella coscienza fisica decidere di scegliere tra gli attributi, costruendo così i ruoli che causano blocchi e confusioni nel complesso mentale già distorto. Ogni accettazione attenua parte delle molte distorsioni che genera la facoltà che tu chiami giudizio.

La terza disciplina della mente è una ripetizione della prima ma con lo sguardo verso le altre entità che incontra. In ogni entità esiste completezza. Pertanto, è necessaria la capacità di comprendere ogni equilibrio. Quando vedi la pazienza, sei responsabile di rispecchiare nella tua comprensione mentale, pazienza/impazienza. Quando vedi l’impazienza, è necessario per comprensione della tua configurazione mentale che sia impazienza/pazienza. Usiamo questo come un semplice esempio. La maggior parte delle configurazioni della mente ha molte sfaccettature e la comprensione di entrambe le polarità di sé, o di ciò che chiamereste polarità di altri sé, può e deve essere intesa nelle sue sottigliezze.

Il passo successivo è l’accettazione delle polarità dell’altro sé (altrui), operazione che rispecchia il secondo passo.

Queste sono le prime quattro fasi dell’apprendimento della disciplina mentale. Il quinto passo prevede l’osservazione delle relazioni e dei rapporti geografici e geometrici della mente, della mente altrui, della mente della massa e della mente infinita.

La seconda area di apprendimento/insegnamento è lo studio/comprensione dei complessi corporei. È necessario conoscere bene il tuo corpo. Si tratta di usare la mente per esaminare in che modo i sentimenti, i pregiudizi, ciò che chiamereste emozioni, influenzano le varie parti del complesso corporeo . Sarà necessario sia comprendere le polarità corporee sia accettarle, ripetendo in una manifestazione chimico/fisica il lavoro che hai fatto sulla mente per riconfigurare la coscienza.

Il corpo è una creatura della creazione della mente. Ha i suoi pregiudizi. Il pregiudizio biologico deve essere prima compreso completamente e poi il pregiudizio opposto ha il permesso di trovare piena espressione nella comprensione. Ancora una volta, il processo di accettazione del corpo come individuo equilibrato, oltre che polarizzato, può quindi essere realizzato.

È quindi tuo compito estendere questa comprensione ai corpi degli altri sé che incontrerai. L’esempio più semplice di quanto espresso è la comprensione che ogni maschio biologico è femmina; ogni femmina biologica è maschio. Questo è un semplice esempio. Tuttavia, in quasi tutti i casi in cui si sta tentando di comprendere il corpo di sé o dell’altro-sé, si troverà di nuovo che il discernimento più sottile è necessario per comprendere appieno i complessi di polarità coinvolti.

In questo momento suggeriamo di chiudere la comunicazione fino alla prossima sessione di lavoro in modo da poter dedicare il tempo necessario alla descrizione della terza area in maniera commisurata alla sua importanza.

Possiamo rispondere a una domanda se è breve prima di lasciare questo strumento.

5.3 Interrogatore: lo strumento è comodo? C’è qualcos’altro che aumenterebbe il comfort dello strumento? È tutto.

Ra: Sono Ra. La candela potrebbe essere ruotata in senso orario di circa 10 ° ogni sessione per migliorare il flusso di energia a spirale attraverso i meccanismi di ricezione dell’essere. Questa particolare configurazione va bene altrimenti. Ma chiediamo che gli oggetti descritti e utilizzati siano centrati con cura geometrica e controllati di volta in volta. Inoltre, non devono essere esposti a quello spazio/tempo in cui il lavoro non è importante.

Sono Ra. Lascio questo strumento nell’amore e nella luce dell’Uno Infinito Creatore. Vai avanti rallegrandoti del potere e della pace dell’Unico Creatore. Adonai.

Sessione 6

24 gennaio 1981

6.0 Ra: I am Ra. Ti saluto nell’amore e nella luce dell’Infinito Creatore. Ora comunico.

6.1 Interrogatore: Vorremmo continuare il materiale di ieri. Abbiamo dovuto cessare prima [impercettibile].

Ra: Sono Ra. Questo va bene per noi.

Procediamo ora con la terza area di insegnamento/apprendimento riguardante lo sviluppo dei poteri energetici della guarigione.

La terza area è il complesso spirituale che incarna i campi di forza e coscienza che sono i meno distorti del tuo complesso mente/corpo/spirito. L’esplorazione e l’equilibrio del complesso spirituale è davvero la parte più lunga e sottile del tuo apprendimento/insegnamento. Abbiamo considerato la mente come un albero. La mente controlla il corpo. Con la mente acutizzata, equilibrata e consapevole, il corpo è a proprio agio con qualunque pregiudizio e distorsione lo rende adeguatamente bilanciato per quello strumento, lo strumento è quindi pronto per procedere con il grande lavoro.

Questo è il lavoro del vento e del fuoco. Il campo energetico del corpo spirituale è un percorso o canale. Quando il corpo e la mente sono ricettivi e aperti, allora lo spirito può diventare una navetta o un canale funzionante dall’energia individuale della volontà dell’entità verso l’alto, e dai flussi del fuoco creativo e del vento verso il basso.

L’abilità di guarigione, come tutte le altre, quella che questo strumento chiamerebbe abilità paranormali, viene effettuata dall’apertura di un percorso o navetta nell’infinito intelligente. Ci sono molti sul tuo piano che hanno un’apertura casuale nel loro campo di energia spirituale, a volte creati dall’ingestione di sostanze chimiche come quello che questo strumento chiamerebbe LSD, queste sono in grado, casualmente e senza controllo, di attingere a fonti di energia . Possono essere o meno entità che desiderano servire. Lo scopo di aprire attentamente e consapevolmente questo canale è di servire in un modo più affidabile, in un modo più comune o normale, visto dal complesso di distorsione del guaritore. Ad altri possono sembrare miracoli. Per chi ha accuratamente aperto la porta all’infinito intelligente questo è ordinario; questo è una pratica comune; questo è come dovrebbe essere. L’esperienza di vita viene in qualche modo trasformata e il grande lavoro continua.

In questo momento riteniamo che questi esercizi siano sufficienti per il tuo inizio. In futuro, quando sentirai di aver realizzato ciò che ti è stato proposto, inizieremo a guidarti verso una comprensione più precisa delle funzioni e degli usi di questa apertura nell’esperienza della guarigione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.