Chakras

 Chakras

Chakras 1Il nostro corpo è un biocomputer che funzione grazie all’energia dell’ universo, il modo in cui questa energia viene distribuita è il sistema dei chakras.Chakra e’ una parola  Sanscrita il cui significato e’ ruota o disco e indica uno dei sette centri di base di energia nel corpo umano. Ciascuno di questi centri e’ connesso, a livello di energie sottili, ai gangli principali dei nervi che si ramificano dalla colonna vertebrale (ma non si identifica con essi). In più i chakra sono correlati ai livelli della coscienza, agli elementi archetipici, alle fasi inerenti lo sviluppo della vita, ai colori, suoni, alle funzioni del corpo e a molto, molto altro. La dottrina orientale che ne ha diffuso la conoscenza nel mondo occidentale considera i Chakras come aperture, porte di accesso all’essenza del corpo umano. I CHAKRAS PRINCIPALI SONO SETTE (ma ce ne sono molti altri secondari, circa un centinaio, che “idealmente” corrispondono coi punti meridiani dell’agopuntura).

IL SISTEMA DEI CHAKRAS

La loro funzione principale è quella di assorbire l’Energia Universale, metabolizzarla, alimentare le aure e rilasciare energia all’esterno. Quasi tutti  li vedono come degli imbuti, che roteano e contemporaneamente fanno scorrere l’energia avanti ed indietro. Ciascuno dei sette centri ha sia una componente (solitamente dominante) anteriore che una componente (solitamente meno dominante) posteriore, che sono collegati intimamente, fatta però eccezione per il Primo ed il  Settimo, che invece sono singoli. Dal Secondo al Quinto, l’aspetto anteriore si relaziona con i sentimenti e con le emozioni, mentre quello posteriore con la volontà. Per quanto riguarda il Sesto (anteriore e posteriore) ed il Settimo, la correlazione è con la mente e la ragione. Il Primo ed il Settimo. hanno inoltre l’importantissima funzione di collegamento per l’essere umano: essendo i Chakra più esterni del canale energetico, essi hanno la caratteristica di porre in relazione l’uomo con l’Universo da un lato e con la Terra dall’altro. Il perfetto funzionamento del sistema energetico è sinonimo di buona salute

SISTEMA DODICI CHAKRAsPer aprire i Chakra esistono molte tecniche diverse, tra le quali il Reiki si evidenzia per la sua peculiare dolcezza e per la possibilità di armonizzare eventuali scompensi energetici. Ogni centro sovrintende a determinati organi, ed ha particolari funzioni a livello emotivo, psichico e spirituale. Tra i sette fondamentali, esistono delle precise affinità. Primo con Settimo: Energia di base con Energia spirituale. Secondo con Sesto: Energia del sentire a livello materiale con Energia del sentire a livello extrasensoriale. Terzo con Quinto: Energia della mente operativa e del potere personale con Energia della mente superiore e della comunicazione. Quarto: ponte tra i tre superiori ed i tre inferiori e fucina alchemica della trasformazione. Ad ogni Chakra è associato un colore, che corrisponde e deriva dalla frequenza e dalla vibrazione del centro stesso. Inoltre ad ogni Chakra corrisponde un mantra, il suono di una nota musicale e, in alcuni casi, anche un elemento naturale (medicina cinese), un pianeta od un segno zodiacale.

Il nostro collegamento energetico al regno della coscienza pura e della nostra essenza spirituale.

Poiché il sistema dei chakra è il centro d’elaborazione principale per ogni funzione del nostro essere, il bloccaggio o una insufficienza energetica nei chakra provoca solitamente  disordini nel corpo, nella mente o nello spirito. Un difetto nel flusso di energia che attraversa il dato chakra provocherà un difetto nell’energia fornita alle parti connesse del corpo fisico, così come  interesserà  tutti i livelli dell’essere. Ciò perché un campo di energia è un’entità Olistica; ogni parte di esso interessa ogni altra parte.

Chakras 2Il primo chakra Muladhara (il chakra della radice)
E’ decisivo per la sopravvivenza degli individui, è connesso con gli istinti primari degli esseri umani. Localizzato nell’area genitale, riceve la propria struttura elementare dal nucleo familiare. In base a essa il soggetto prenderà le proprie decisioni riguardo ai propri diritti e alla propria volontà di sopravvivenza. In questa sede sono anche registrate le primissime esperienze dell’individuo, le quali danno luogo a fenomeni di consapevolezza o di rimozione dei sentimenti primitivi.
Collocazione:  zona inferiore del bacino e area genitale
Colore: rosso
Elementi raffigurativi: serpenti, draghi, fuoco sacro
Fonte di: passione, rabbia, terrore, gioia, energia di sopravvivenza, energia materiale
Sede di: volontà di vivere
Parola chiave: consapevolezza
Tipo di energia: è la sede della Kundalini, l’energia terrena, materiale
Comunicazione fisica: dolore sofferenza, consapevolezza fisica
Problemi: disfunzioni sessuali, malattie sistema nervoso, problemi intestino retto, difficoltà riproduttive e circolatorie

Il secondo chakra Svadhishthana (dolcezza)
E’ il centro dei sentimenti e della creatività. E’ connesso all’intestino, agli organi addominali e al sistema riproduttivo femminile.
Collocazione:  addome
Colore: arancione
Elementi raffigurativi: elementi e animali acquatici: pesci e lucertole
Fonte di: sentimenti e energia creativa
Sede di: facoltà creative
Parola chiave: sentimento, creatività
Tipo di energia: chi o Qi, energia vitale
Comunicazione fisica: pianto, grido, riso
Problemi: colite, appendicite, problemi di fertilità, renali, disturbi ginecologici

Il terzo chakra Manipura (gemma lucente)
Noto come “centro del potere”, esso funziona da deposito dei giudizi, delle opinioni e delle convinzioni del soggetto su di sé e sul mondo. E’ il luogo dei processi decisionali
Collocazione:  plesso solare
Colore: giallo
Elementi raffigurativi: elementi e animali: uccelli
Fonte di: potere personale, giudizi di sé e del prossimo
Sede di: autostima, potere
Parola chiave: potere, discriminazione
Tipo di energia: mentale, intellettuale
Comunicazione fisica: idee, pensieri, sapere
Problemi: disturbi di natura digestiva e metabolica, confusione o pazzia, ghiandole surrenali, milza, fegato

Il quarto chakra Anahata (non colpito tutto)
Il Cuore è considerato fin dall’alba dei tempi il centro del corpo umano, la sede dell’energia divina. Alla nascita il muscolo cardiaco è verde, indizio della capacità e dell’energia di tipo lenitivo innate nell’essere umano. Nel corso dell’adolescenza diventerebbe rosa, infine il cuore di un adulto dovrebbe assumere la colorazione dorata, propria dell’amore universale
Collocazione:  cuore
Colore: verde, rosa, giallo oro
Elementi raffigurativi: elementi terrestri e mammiferi
Fonte di: energia curativa, sogni personali
Sede di: compassione
Parola chiave: amore, guarigione
Tipo di energia: astrale
Comunicazione fisica: bisogni fisici ed emotivi
Problemi: malattie e disturbi cardiocircolatori, pressione arteriosa, problemi polmonari (asma, allergie,ecc), disturbi del sonno

Il quinto chakra Vishuddha (purificazione)
E’ importante per l’espressione e per la protezione personali. Tramite tale centro gli individui esprimono idee, sentimenti, desideri, osservazioni. La sua parte frontale è nota come “sede delle responsabilità”, poiché attraverso la stessa il soggetto accoglie o scarta le opzioni offertegli dalla vita.
Collocazione:  la gola
Colore: blu
Parola chiave: comunicazione, espressione
Comunicazione fisica: linguaggio, suono, canto, comunicazione verbale
Problemi: malattie e disturbi della gola, mascella, tiroide, laringe, tonsille, timo, l’incapacità di dire sì o no alle opportunità offerte dalla vita

Il sesto chakra Ajna (conoscenza percezione)
Detto “terzo occhio” è il centro visivo interno ed esterno dell’essere umano. Associato alla ghiandola pituitaria, regola le funzioni ormonali ed endocrine
Collocazione:  la fronte
Colore: porpora
Elementi raffigurativi: esseri umani spiritualizzati: santi, guru, spiriti
Fonte di: discernimento
Sede di: facoltà visiva e immaginativa
Parola chiave: visione
Tipo di energia: cerebrale
Comunicazione fisica: sfrutta la capacità dell’individuo di vedere, attrarre a sé
Problemi: malattie e disturbi ghiandolari o endocrini, squilibri ormonali, problemi di crescita e sviluppo

Il settimo chakra Sahasrara (mille petali)
Associato all’epifisi, alla corteccia cerebrale regola molte funzioni corporee e extracorporee. Centro psichico del sapere superiore, riceve le energie spirituali indispensabili per attivare lo scopo personale. E’ il centro della divinità umana.
Collocazione:  la corona (fontanella)
Colore: bianco
Elementi raffigurativi: entità spirituali: angeli, potenze supreme
Fonte di: consapevolezza divina
Sede di: appartenenza dell’individuo al tutto
Parola chiave: divinità
Tipo di energia: keterica, forma materializzata di energia spirituale che scaturisce dall’universo
Problemi: malattie e disturbi sistema immunitario, neoplasie, problemi ossei, disturbi collegati all’epifisi, schizofrenia, depressioni, cefalee, dissociazione psichica, squilibri di qualsiasi genere

CHAKRAS E CRISTALLI

Qui allego una tabella con la corrispondenza fra chakras e cristalli: tabella

Please follow and like us:
error20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.