PRIMO NOVEMBRE 2016

PRIMO NOVEMBRE 2016

primo novembre 2016 001Il primo Novembre è il giorno in cui si commemorano i defunti e negli ultimi due anni in questa ricorrenza ho ricordato Anime che con la loro vita di sacrificio e con la loro morte hanno dato un esempio. Ognuno può scegliere liberamente il suo percorso di vita ma le cause create determineranno i loro effetti, il presente determinerà gli eventi delle incarnazioni future. Se avete piantato i semi dell’Amore in questa vita li raccoglierete in quelle future, se al contrario avete seminato Dolore è questo ciò che raccoglierete nelle prossime vite. Entrambe le strade portano all’evoluzione e permettono di acquisire esperienza, a ognuno la scelta, questa è la legge del Libero Arbitrio.

Quest’anno voglio ricordare Luigi una persona che ho conosciuto e con cui in varie occasioni ho condiviso esperienze di lavoro. Luigi non ha avuto una vita facile ma sempre ha cercato di darsi da fare e di emergere dalla sua condizione impegnandosi nel mondo del Lavoro, nella sua vita ha fatto una serie di lavori umili e precari per andare avanti e spesso ci siamo ritrovati insieme.

Abbiamo lavorato insieme nella nettezza urbana, nella raccolta della frutta, nell’ambiente del turismo e tra noi è nata una amicizia che non è mai andata al di fuori dell’ambiente di lavoro ma che potrei definire un’affinità simpatica. Il nostro sogno era di trovare un lavoro stabile, farsi una famiglia e acquistare una casa, questi erano i valori comuni alla mia generazione, la massima aspirazione a cui quelli del nostro ceto potevano ambire, ciò che ci era stato insegnato dai nostri genitori.

Dopo una vita di tribolazioni, entrambi avevamo raggiunto questi obbiettivi e Luigi si era anche sposato e aveva avuto dei figli, il suo sogno si era realizzato ma poi è sopraggiunta la Crisi e la fabbrica in cui lavorava ha chiuso mettendo Luigi e i suoi colleghi in cassa integrazione. Questo è stato troppo per lui, non conosco le sue motivazioni, forse la paura di non riuscire a pagare il mutuo sulla casa, forse la vergogna per non essere riuscito a mantenere il benessere della sua famiglia o forse soltanto la stanchezza.

Dopo una vita di lotte e umiliazioni non se la sentiva di ricominciare da capo con i lavori precari, l’ufficio di collocamento o peggio di dover chiedere aiuto ai propri genitori e in un grigio giorno di Ottobre come uno di questi, si è tolto la vita.

Io sono venuto a sapere della sua morte da uno di quelli che hanno raccolto il suo corpo e ho provato un’immensa tristezza, forse le cause del suo gesto sono state altre, solo lui sa quali, ma in lui ho rivisto le mie esperienze passate e ho provato un’immensa tristezza, forse anche io nelle sua condizioni avrei fatto lo stesso o forse avrei, come ho fatto mille volte, fatto ricorso alla mia immensa forza di volontà e avrei ricominciato da capo, chi lo sa.

primo novembre 2016 bambiniComunque vadano le cose io non mi fermo, vado avanti, ho preso un impegno molto tempo fa e lo onorerò, nel mio cuore esiste già un mondo meraviglioso in cui ognuno può trovare la felicità. Questo è un mondo di pace e tranquillità, di acque fresche e grandi pianure erbose in cui non esiste la necessità e in cui ognuno può trovare riposo, calma e immensa gioia. In questo luogo non esiste violenza, dolore, sopruso o umiliazione, questo è il luogo dove il leone può giacere con l’agnello e in cui tutti quelli di buona volontà possono risiedere per il tempo che desiderano. Forse Luigi è lì in questo momento e si sta riposando, quando sarà pronto ricomincerà con il ciclo delle reincarnazioni. Questo mondo si può realizzare anche in in questo presente, ma non posso farlo da solo, ho bisogno che ognuno faccia la sua parte e cominci ad amare. Cosa significa amare, significa: non fare agli altri ciò che non vorresti sia fatto a te stesso.

primo novembre 2016 3Vi ribadisco, per fedeltà alla legge del libero arbitrio, che ognuno può fare quello che desidera su questo pianeta ma se si applicassero le leggi dell’Amore l’esistenza sarebbe migliore e più felice per ognuno.

4 thoughts on “PRIMO NOVEMBRE 2016

  1. Ciao Scarabeokepher

    ho appena letto questo bellissimo post , anche io mi ritrovo in questa situazione

    ho quasi 56 anni e da due anni sto lavorando a mezza giornata con il mutuo da pagare,
    Il conto in banca è quasi al minimo.
    Non fa niente, la vita è ugualmente bella…
    Seguo il tuo blog e vi ho trovato spesso utilissimi post, quindi non dire che quello che hai postato non ha valore :
    “tutti gli insegnamenti e gli esempi che sono stati forniti sembra siano stati inutili, gli eventi si ripetono ciclicamente e sempre con esiti nefasti.”
    non devi nemmeno pensarlo.
    E’ solo una questione evolutiva, ognuno vive secondo il suo livello evolutivo, ci sono persone che come te e pochi altri sono molto più evolute della maggioranza delle pecorelle o capri che stanno pascolando attualmente sulla terra.
    Io ho imparato moltissimo da un piccolo libricino di circa 20 pagine.
    E pensa che ho studiato per tutta la vita qualsiasi tipo di religione e filosofia…
    eppure questo libricino mi ha aperto gli occhi sulla cosidetta realtà.
    Si chiama Ashtavakra Gita.
    Lo ritengo , se ben capito, l’essenza di tutte gli insegnamenti filosofici e esoterici, sempre a mio modesto avviso.

    sotto qui due brevi passi:

    “Felice quando è in piedi, felice quando è seduto, felice quando dorme, felice quando si muove; felice quando parla e quando tace, felice quando mangia e
    quando digiuna: questa è la vita di colui che ha trovato la pace.”

    “Il liberato è padrone di sé in ogni circostanza e sempre libero dall’idea di aver fatto qualcosa o che altro resti da fare. Egli è lo stesso ovunque e comunque, senza possessività. Non si sofferma su cosa sia stato fatto e cosa non lo è
    stato.
    Questi non è compiaciuto dagli onori e non è scosso dal biasimo. Non è timoroso della morte e non è attaccato alla vita. Una persona pacificata non sfugge i luoghi gremiti e non ricerca la solitudine
    delle foreste. Sempre e comunque, egli è lo stesso.”

    se vuoi ti posso mandare la versione pdf in italiano

    ciao

    Alex

    • Ti ringrazio alex per il tuo commento e riceverò con piacere il tuo pdf. Ho scritto questo articolo in un momento di sconforto ed ho voluto ricordare una persona la cui memoria mi è cara. Sebbene io cerchi l’equilibrio a volte il lato emotivo o quello razionale prendono il sopravvento. Per quelli ipersensibili come mè, è un problema adattarsi ad una realtà disarmonica come quella terrestre e a volte lo squilibrio si manifesta emotivamente. È forse meglio così l’importante è che lo squilibrio si manifesti come Amore. Purtroppo la terza dimensione è la dimensione dell’autocoscienza e della sopravvivenza e non quella dell’amore ed è naturale se si aspira ad evolvere nell’amore scoraggiarsi ma bisogna continuare a sperare e considerare ogni avversità come una prova per progredire. ti ringrazio ancora alex.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.