SRI RAMANA MAHARSHI

SRI RAMANA MAHARSHI

sri ramana maharshi 002La Felicità È Il Nostro Essere Essenziale

La felicità si trova nel profondo, dentro di noi, proprio nel centro del nostro essere. La felicità non esiste in alcun oggetto esterno, ma solo in noi, che siamo la consapevolezza che sperimenta la felicità. Sebbene ci sembri di ricavare felicità dagli oggetti o dalle esperienze esterne, la felicità che così godiamo sorge di fatto da dentro di noi.

Qualsiasi tumulto possa turbare la nostra mente, nel centro del nostro essere esiste sempre uno stato di pace e gioia perfetti, come la calma nell’occhio di un uragano. Desiderio e paura agitano la nostra mente e oscurano alla sua visione la felicità, che sempre esiste al suo interno. Quando un desiderio è soddisfatto, o la causa di una paura è rimossa, l’agitazione di superficie della nostra mente si ferma e in quella calma temporanea essa gode di un assaggio della sua innata felicità.

Felicità è così uno stato di essere – uno stato in cui l’abituale agitazione della nostra mente è calmata. La sua attività la disturba dal suo stato calmo di essere soltanto e le causa il perdere di vista la propria più intima felicità. Per godere della felicità, quindi, tutto ciò che la nostra mente ha bisogno di fare è cessare ogni attività, ritornando con calma al suo stato naturale di essere inattivo, come fa quotidianamente nel sonno profondo.

La vera felicità è quindi la felicità di solo essere, che è la perfetta e assoluta felicità che nella letteratura mistica è conosciuta come ‘beatitudine’. Questa vera felicità di essere è anche descritta come ‘la pace di Dio, che trascende tutta la comprensione’, perché è sperimentata pienamente solo nello stato perfettamente pacifico di essere solamente, che è lo stato in cui tutta l’attività mentale è dissolta nella chiarezza della libera auto-consapevolezza. Cioè, poiché essa può essere sperimentata perfettamente solo nello stato in cui siamo coscienti semplicemente del nostro essere essenziale e non di qualsiasi altro pensiero o oggetto, la vera felicità o pace è oltre tutta la comprensione mentale.

Non solo la felicità esiste all’interno di noi – è di fatto la nostra vera natura, il nostro essere essenziale. La felicità transitoria, che sembriamo provare da esperienze esteriori, ma che effettivamente sorge solo dall’interno di noi stessi, è in realtà nient’altro che il nostro essere essenziale. Più chiaramente siamo coscienti del nostro essere essenziale, più profondamente e intensamente sperimentiamo felicità.

Il grado di felicità che sperimentiamo in qualsiasi momento è direttamente proporzionale al grado di chiarezza con cui siamo coscienti del nostro vero essere essenziale. Quindi la felicità non solo è il nostro essere essenziale, ma è anche la consapevolezza del nostro essere. Di fatto, poiché siamo la consapevolezza che sperimenta il nostro essere come ‘io sono’, siamo sia essere, sia consapevolezza. In altre parole, il nostro essere essenziale è consapevolezza, o più precisamente auto-consapevolezza – consapevolezza che conosce se stessa chiaramente come ‘io sono’. Quindi, poiché la libera consapevolezza del nostro essere è sperimentata da noi come felicità, nella nostra natura essenziale siamo essere, consapevolezza e felicità non duali.

Il sorgere e la conseguente attività della mente distrae la nostra attenzione dal nostro essere essenziale, annebbiando la naturale chiarezza di auto-consapevolezza ed oscurando la consapevolezza della felicità che realmente siamo. Quindi, fino a che la nostra mente è estroversa, occupandosi di qualunque altra cosa diversa dal nostro essere essenziale, non potremo mai sperimentare felicità perfetta, permanente e incondizionata. Per sperimentare vera ed eterna felicità, dobbiamo conseguire l’esperienza della vera auto-conoscenza, cioè, consapevolezza perfettamente chiara del nostro essere essenziale.

Al fine di sperimentare questa vera auto-conoscenza, dobbiamo ritirare l’attenzione da ogni cosa, tranne che da noi stessi e focalizzarla totalmente ed esclusivamente sul nostro essere essenziale, che sempre sperimentiamo nella forma della consapevolezza fondamentale – la nostra primaria conoscenza ‘io sono’.

Se non diamo attenzione al nostro più intimo sé in questo modo, non possiamo conoscere chi o cosa siamo realmente e se non sperimentiamo una chiara e certa conoscenza di ciò che realmente siamo, non possiamo essere certi della realtà o della validità di qualsiasi conoscenza che possiamo apparentemente trarre da altre cose. Tutta la nostra conoscenza riguardo al mondo e a Dio – riguardo alla scienza, la religione, la filosofia, la fisica, la cosmologia, la psicologia, la teologia o qualsiasi altra branca della conoscenza umana – è aperta a seri dubbi fino a che la nostra conoscenza di noi stessi – la consapevolezza per mezzo della quale tutte le altre cose sono conosciute – è confusa è incerta.

Perciò, se desideriamo sperimentare felicità permanente e incondizionata, o conseguire conoscenza su ciò di cui possiamo essere assolutamente certi, dobbiamo focalizzare accuratamente la nostra intera attenzione su noi stessi, la fondamentale consapevolezza del nostro essere essenziale, ‘io sono’, al fine di renderci conto di chi o cosa siamo realmente.

Questa, in breve, è la semplice ma profonda verità rivelata da Bhagavan Sri Ramana Maharshi.

Fonte del Post: http://www.felicitadiessere.it/#_Ref410388755

Visto su: UnicaCoscienza.org

Please follow and like us:
error20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.