Fratellanza Bianca Universale

Galleria

This gallery contains 6 photos.

La Fratellanza Bianca Universale Solo se sei capace di superare le umane costruzioni ideologiche, mutevoli nel tempo, perciò periture, giungerai a quella conoscenza del divino che costituisce la trama della autentica tradizione. Non di quella letteraria o storica, ma di quella sacra di ogni popolo superiore; di quella mistica degli asceti o sapiente dei sacerdoti che, con la forza disciplinare … Continue reading

Le Armi Degli Dei

Galleria

This gallery contains 16 photos.

Le Armi Degli Dei ….tutto ciò può generare l’ipotesi che nell’antichità siano esistite armi che,considerando i tempi,sono da catalogare come dei giorni nostri. “Leggende orientali narrano di una fiorente civiltà nota come i “Signori della Fiamma” che stanziavano nella regione del Gobi. Le gesta dei “Signori della guerra”, quali Zeus, Odino, Lug, Indra, Jeaveh, sono state osannate ovunque; nella terra … Continue reading

Trasmissioni stellari

Galleria

This gallery contains 4 photos.

Trasmissioni stellari Questo che vi proponiamo è uno dei molti messaggi che Ken Carey ha ricevuto da creature extraterrestri molto evolute. Lo proponiamo poiché parla del tempo attuale che stiamo vivendo. Una grande ondata di energia e di coscienza sta investendo il nostro pianeta e gli effetti già si cominciano a vedere sia sul piano fisico che spirituale, dell’uomo e … Continue reading

Piramidi nel Mondo

Galleria

This gallery contains 49 photos.

PIRAMIDI E COSTRUZIONI MEGALITICHE NEL MONDO Alcuni esempi di Piramidi e costruzioni megalitiche scoperte in tutto il mondo. Piramidi In Bosnia Semir Osmanagic è un archeologo bosniaco che da anni sta cercando di scoprire alcuni dei principali misteri legati alle origini delle piramidi quanto alla loro reale funzione. Un obiettivo questo molto ambizioso in quanto sino ad ora nessuno è … Continue reading

Machu Picchu

Galleria

This gallery contains 5 photos.

Machu Picchu La “città Perduta” Degli Incas Avvolta Nel Mistero Tra Storia Astrologia e architettura 26 gennaio 2014 16:05 – Caterina Lenti Per gli Inca la Valle di Urubamba era la porta della foresta, l’antisuyu. Il fiume che l’attraversa era un tempo conosciuto come Willka Mayu (Fiume del Sole o fiume sacro) e il nevaio che lo origina era chiamato … Continue reading

TAVOLA XII

Galleria

This gallery contains 4 photos.

TAVOLA XII La Legge di Causa Effetto e La Chiave della Profezia Ascolta oh uomo, le parole della mia saggezza, ascolta la voce di Thoth, l’Atlantideo. Ho conquistato la Legge dello Spazio-Tempo. Ho raggiunto la conoscenza del futuro del tempo. So che l’uomo nel suo movimento attraverso lo Spazio-Tempo sarà sempre Uno con il Tutto. Sappi, oh uomo, che ogni … Continue reading

Sei un’ anima giovane o antica

Immagine

Sei un’ anima giovane o antica

anima antica 02Quanti anni ha la tua anima? Sei un’ anima giovane o antica?

C’è uno speciale tipo di persona nel nostro mondo, che trova se stesso solo ed isolato fin dall’infanzia. La sua esistenza di isolamento non è dovuta al temperamento antisociale – egli è semplicemente un’anima vecchia. Vecchia nel cuore, vecchia nella mente e nell’anima, questa persona trova la sua visione della vita in modo più maturo rispetto agli altri che le stanno intorno.

Come risultato vive la sua vita interiore camminando nella propria solitudine, mentre il resto della gente intorno a lei segue altre direzioni. Forse tu stai sperimentando qualcosa del genere nella tua vita o hai visto questo profilo in un’altra persona che conosci? Se è così questo articolo è dedicato a te… con la speranza che tu possa definire e capire ancora meglio te stesso.

Robert Frost, Eakhart Tolle e Nick Jonas sono stati definiti così. Ma forse questo aggettivo si addice bene anche a voi. Ecco alcuni segni rivelatori dell’anzianità di un’ anima:

Tendono ad essere solitarie. Poiché le vecchie anime piuttosto indifferenti agli interessi e alle attività delle persone comuni, trovano insoddisfacente fare amicizia con esse e hanno difficoltà a relazionarsi. Questo è uno dei maggiori problemi nell’esperienza delle anime antiche. Il risultato è che esse tendono a ritrovarsi spesso da sole. Le persone non fanno per loro.

Amano la conoscenza, la saggezza, la verità. Si… questo sembra un po’ troppo grandioso e nobile, ma la vecchia anima ritrova se stessa in modo naturale, gravitando verso il lato intellettuale della vita. Le vecchie anime capiscono che la conoscenza è potere, la saggezza è felicità e la verità è libertà, quindi perché non ricercare queste cose? Tutto questo è di certo molto più significativo per loro che leggere gossip sull’ultimo fidanzato di Belen o gli ultimi risultati di calcio.

Sono inclini alla spiritualità. Molto più emotive della media, le vecchie anime tendono ad avere una natura sensibile e spirituale. Superano i confini dell’ego, cercando l’illuminazione e promuovendo la pace e l’amore. Tutto ciò sembra loro il modo più saggio ed appagante per impiegare il proprio tempo.

Capiscono la caducità della vita. Le vecchie anime sono spesso afflitte dai ricordi e dalla consapevolezza non solo della propria mortalità, ma anche delle persone intorno a loro e di tutto ciò che li circonda. Questo le rende diffidenti e a volte ritirate, anche se permette loro di vivere saggiamente la propria vita.

Sono riflessive e introspettive. Le vecchie anime tendono a pensare molto… a tutto. La loro abilità nel riflettere ed imparare dalle proprie azioni ed esperienze e da quelle degli altri, è la loro più grande maestra nella vita. Una ragione per cui le anime antiche si sentono così vecchie nel cuore, è perché hanno imparato tante lezioni. Comprendono molto bene le situazioni della vita, grazie alla loro capacità di osservare con calma e attenzione cosa accade attorno a loro.

Vedono il mondo più dall’alto. Raramente le vecchie anime si perdono in dettagli superficiali come ottenere lauree inutili, promozioni di lavoro, o acquistare oggetti materiali superflui. Esse hanno la tendenza a guardare la vita con “occhi da uccelli”, cercando quello che è il modo più saggio e significativo per affrontare la vita. Quando sono di fronte a problemi, tendono a vederli come dolori temporanei e passeggeri che servono solo ad aumentare la quantità di gioia che sentiranno in futuro. Di conseguenza, grazie a questo loro approccio alla vita, sono stabili e di natura placida.

Non sono materialiste. Le anime antiche non sono interessate a ricchezza, status, fama o all’ultima versione di iphone… Le vecchie anime non vedono come fine perseguire le cose che possono essere facilmente acquisite. Inoltre hanno poco tempo per interessarsi alle cose effimere della vita, in quanto sono prese da questioni più elevate.

Spesso sono stati ragazzini socialmente disadattati o perlomeno “strani”. Non è sempre il caso, ma molte vecchie anime esibiscono segni di particolare maturità in giovane età. Spesso, questi bambini vengono etichettati come “precoci”, “introversi” o “ribelli”, non riuscendo a rientrare nei comportamenti usuali o conformi. Solitamente sono anche estremamente curiosi ed intelligenti e vedono l’inutilità in molte cose che i loro insegnanti, genitori e coetanei dicono e fanno, e passivamente o aggressivamente gli resistono. Se potete parlare con un vostro bambino come fosse un adulto, probabilmente vuol dire che egli è un’anima antica.

anima anticaSemplicemente si sentono anime vecchie. Prima di dare un nome a questo, io ho sentito, ho vissuto le sensazioni di essere semplicemente una persona anziana dentro. I sentimenti che accompagnano una vecchia anima sono di solito di diffidenza verso il mondo, stanchezza mentale, pazienza e calma distaccata. Purtroppo, questo spesso può essere percepito come un atteggiamento distante e freddo, ma è solo uno dei vecchi miti dell’anima. Come alcune persone anziane si descrivono “giovani dentro”, anche molti giovani nel corpo (ma anime antiche) possono sentirsi “vecchi nel cuore”.

Rivisto da Fisicaquantistica.it

Fonte: http://www.noiegliextraterrestri.it/2014/08/

IL MISTERO DI PUMA PUNKU

Galleria

This gallery contains 9 photos.

IL MISTERO DI PUMA PUNKU Il mistero irrisolto dell’antica città futuristica di Puma Punku Puma Punku è parte di un ampio complesso o gruppo di monumenti del sito di Tiahuanaco (Tiwanaku), in Bolivia. In Aymara, il suo nome significa “La porta del Puma”. La straordinaria raffinatezza tecnologica del suo sistema costruttivo modulare rimane uno dei misteri invelati del nostro passato, … Continue reading

Gobekli Tepe: Il tempio che non dovrebbe esistere

Immagine

Gobekli Tepe: Il tempio che non dovrebbe esistere

Gobekli Tepe: Il tempio che non dovrebbe esistere 1

Gobekli Tepe (trad: collina tondeggiante – ombelico) è un sito archeologico a circa 18 km a nordest dalla città di Şanlıurfa nell’odierna Turchia, presso il confine con la Siria, nel quale è stato rinvenuto il più antico esempio di tempio in pietra, risalente al 9600 a.C. e che sta sconvolgendo tutte le certezze sulle origini della civiltà.

Göbekli Tepe, ricorda vagamente Stonehenge, ma fu costruito molto prima, e non con blocchi di pietra tagliata grossolanamente ma con pilastri di calcare finemente scolpiti a bassorilievo: una sfilata di gazzelle, serpenti, volpi, scorpioni, cinghiali selvatici.

Il complesso risale a sette millenni prima della Grande Piramide di Giza, ed è il più antico esempio noto di architettura monumentale. Intorno all’8000 a.C. il sito venne deliberatamente abbandonato e volontariamente seppellito con terra portata dall’uomo.

Gli archeologi continuano a scavare e a discutere sul suo significato. Göbekli Tepe e altri siti mediorientali stanno cambiando le nostre idee su una svolta fondamentale nella storia umana: la rivoluzione neolitica, quando i cacciatori-raccoglitori nomadi si trasformarono in agricoltori stanziali.

Il sito si trova su una collina artificiale alta circa 15 m e con un diametro di circa 300 m, situata sul punto più alto di un’elevazione di forma allungata, che domina la regione circostante, tra la catena del Tauro e il Karaca Dağ e la valle dove si trova la città di Harran. Il sito utilizzato dall’uomo avrebbe avuto un’estensione da 300 a 500 m².

 

Gobekli Tepe: Il tempio che non dovrebbe esistere 4Finora meno di un decimo del sito è stato riportato alla luce, ma basta a dare un’idea del timore reverenziale che il tempio incuteva ai pellegrini che si radunavano qui ben 7.000 anni prima della costruzione di Stonehenge.

Gobekli Tepe fu individuata la prima volta nel 1963 da un gruppo di ricerca turco-statunitense, che notò diversi consistenti cumuli di frammenti di selce, segno di attività umana nell’età della pietra. Il sito fu poi riscoperto trent’anni dopo da un pastore locale, che notò alcune pietre di strana forma che spuntavano dal terreno.

La notizia arrivò al responsabile del museo della città di Şanlıurfa, che contattò il ministero, il quale a sua volta si mise in contatto con la sede di Istanbul dell’Istituto archeologico germanico.

Gli scavi furono iniziati nel 1995 da una missione congiunta del museo di Şanlıurfa e dell’Istituto archeologico germanico sotto la direzione di Klaus Schmidt, che dall’anno precedente stava lavorando in alcuni siti archeologici della regione. Nel 2006 gli scavi passarono alle università tedesche di Heidelberg e di Karlsruhe.

Gli scavi portarono alla luce un santuario monumentale megalitico, costituito da una collina artificiale delimitata da muri in pietra grezza a secco. Furono inoltre rinvenuti quattro recinti circolari, delimitati da enormi pilastri in calcare pesanti oltre 10 tonnellate ciascuno, probabilmente cavati con l’utilizzo di strumenti in pietra. Secondo il direttore dello scavo le pietre, drizzate in piedi e disposte in circolo, simboleggerebbero assemblee di uomini.

Gobekli Tepe: Il tempio che non dovrebbe esistere 5La scoperta più interessante riguarda le circa 40 pietre a forma di T, alte fino a cinque metri e mezzo. I blocchi di calcare, del peso di cinque tonnellate, furono portati qui da una cava vicina anche se le popolazioni dell’epoca non conoscevano la ruota né avevano ancora addomesticato le bestie da soma.

La maggior parte di esse sono incise e vi sono raffigurati diversi tipi di animali (serpenti, anatre, gru, tori, volpi, leoni, cinghiali, vacche, scorpioni, formiche).

Gobekli Tepe: Il tempio che non dovrebbe esistere 6Alcune incisioni vennero volontariamente cancellate, forse per preparare la pietra a riceverne di nuove. Sono inoltre presenti elementi decorativi, come insiemi di punti e motivi geometrici.

Indagini geomagnetiche hanno indicato la presenza di altre 250 pietre ancora sepolte nel terreno. Un’altra pietra a forma di T, estratta solo a metà dalla cava, è stata rinvenuta a circa 1 km dal sito. Aveva una lunghezza di circa 9 m ed era probabilmente destinata al santuario, ma una rottura costrinse ad abbandonare il lavoro.

Oltre alle pietre sono presenti sculture isolate, in argilla, molto rovinate dal tempo, che rappresentano probabilmente un cinghiale o una volpe. Confronti possono essere fatti con statue del medesimo tipo rinvenute nei siti di Nevalı Çori e di Nahal Hemar.

Gli scultori dovevano svolgere la loro opera direttamente sull’altopiano del santuario, dove sono stati rinvenute anche pietre non terminate e delle cavità a forma di scodella nella roccia argillosa, secondo una tecnica già utilizzata durante l’epipaleolitico per ottenere argilla per le sculture o per il legante argilloso utilizzato nelle murature.

Gobekli Tepe: Il tempio che non dovrebbe esistere 7Nella roccia sono anche presenti raffigurazioni di forme falliche, che forse risalgono ad epoche successive, trovando confronti nelle culture sumere e mesopotamiche (siti di Byblos, Nemrik, Helwan e Aswad).

Ad oggi, 45 di queste pietre sono state scavate, ma vi sono indicazioni che c’è molto da scoprire. Indagini geomagnetiche indicano che ci sono centinaia di altre pietre erette, che aspettano solo di essere portate alla luce. Se Gobekli Tepe fosse semplicemente questo, sarebbe già un sito straordinario, una specie di Stonehenge turca.

Gobekli Tepe: Il tempio che non dovrebbe esistere 8Diversi fattori unici innalzano però Gobekli Tepe nella stratosfera dell’archeologia e nel regno del fantastico. Il primo è la sua età. La datazione al radiocarbonio mostra che il complesso è di almeno 12.000 anni fa, forse anche 13.000 anni.

Ciò significa che è stata costruita intorno al 10 mila a.C. Gobekli Tepe è quindi il più antico di tali siti nel mondo, con un ampio margine. E’ così antico da precedere la vita sedentaria dell’uomo, prima della ceramica, della scrittura, prima di tutto. Gobekli proviene da una parte della storia umana che è incredibilmente lontana, nel profondo passato dei cacciatori-raccoglitori.

Come poterono gli uomini delle caverne costruire qualcosa di così ambizioso? L’archeologo Klaus Schmidt, pensa che bande di cacciatori si siano riuniti sporadicamente nel sito, durante i decenni di costruzione, vivessero in tende di pelle di animali e uccidessero la selvaggina locale per nutrirsi. Le molte frecce di selce trovate presso Gobekli giocano a sostegno di questa tesi, ma sostengono anche la datazione del sito.

Questa rivelazione, che i cacciatori-raccoglitori dell’Età della Pietra potrebbero avere costruito qualcosa come Gobekli, cambia radicalmente la nostra visione del mondo, perché mostra che la vita degli antichi cacciatori-raccoglitori, in questa regione della Turchia, era di gran lunga più progredita di quanto si sia mai concepito. E’ come se divinità scese dal cielo avessero costruito Gobekli con le loro mani.

La particolare disposizione del complesso di Gobekli Tepe ricorda inoltre la disposizione delle principali stelle delle costellazione delle Pleiadi (conosciute anche come le Sette sorelle, chiamate dagli antichi romani Vergilie) che contano diverse stelle visibili ad occhio nudo nella costellazione del Toro, di cui tanti siti archeologici del mondo sembrano uniti nella medesima volontà’ di omaggiare queste stelle.

Gobekli Tepe: Il tempio che non dovrebbe esistere 9Pochi anni fa, gli archeologi rinvennero presso Cayonu un mucchio di teschi umani. Essi furono trovati sotto una lastra d’altare, tinta con sangue umano. Nessuno è sicuro, ma questa può essere la prima prova di sacrifici umani: uno dei più inspiegabili comportamenti umani, che potrebbero avere sviluppato solo di fronte ad un terribile stress sociale.

Gli esperti possono discutere sull’evidenza di Cayonu. Ma quello che nessuno nega che è il sacrificio umano abbia avuto luogo in questa regione, tra la Palestina, Israele e Canaan. L’evidenza archeologica indica che le vittime erano uccise in enormi fosse di morte, i bambini erano sepolti vivi in vasi, altri erano bruciati in grandi giare di bronzo.

Questi atti sono quasi incomprensibili, a meno che non si pensi che la gente aveva imparato a temere le divinità, perché era stata scacciata dal paradiso. Così avrebbe cercato di propiziare la collera dei cieli. Questa barbarie potrebbe, infatti, essere la chiave di soluzione di un ultimo, sconcertante mistero. I sorprendenti fregi di pietre di Gobekli Tepe si sono conservati intatti per uno strano motivo.

Molto tempo fa, il sito fu deliberatamente e sistematicamente sepolto con un colossale lavoro insieme a tutte le sue meravigliose sculture di pietra. Intorno al 8000 a.C., i creatori di Gobekli seppellirono la loro realizzazione e il loro glorioso tempio sotto migliaia di tonnellate di terra, creando le colline artificiali sulle quali il pastore curdo camminava nel 1994. Il motivo che spinse gli antichi a seppellire per sempre il tempio di Gobekli Tepe rimane a tutt’oggi un mistero.

Fonte: Nibiru 2012

Dalla “Chiamata agli Animali” alla Porta del Leone

Immagine

Dalla “Chiamata agli Animali” alla Porta del Leone

Un viaggio per elevare la coscienza

di Celia Fenn

6 agosto 2015

Dalla "Chiamata agli Animali" alla Porta del Leone rkIn questo periodo del 2015, stiamo certamente cavalcando l’Onda di una potente energia trasformatrice. La nostra vita e la nostra Realtà vengono cambiate a un ritmo molto veloce e in modi con cui stiamo ancora facendo i conti. Credo che la più recente onda di cambiamenti sia stata la più decisiva e, forse, la più sorprendente.

Riguarda i nostri compagni sulla Terra: gli Animali. Detto piuttosto semplicemente, la Terra non può continuare la sua ascensione a meno che non faccia la pace con il Regno Animale. Dobbiamo accogliere nella NOSTRA coscienza il fatto che in un Mondo di Quinta Dimensione siamo tutti connessi e ciò significa che non possiamo più abusare e distruggere senza riconoscere che siamo noi stessi a essere abusati e distrutti.

Questo risveglio, questo riconoscimento e, in definitiva, questo elevarsi della coscienza si sono concentrati sull’Africa. Perché? Beh, per diversi motivi. Probabilmente quello più evidente è che l’Africa è l’unico continente che ha ancora un’ampia popolazione di fauna selvatica, ma che ora è gravemente minacciata.

In secondo luogo, l’Africa è il continente dove si concentra il Progetto di Sirio, che è la guida e l’amore dei Maestri Siriani provenienti dal Sistema Stellare di Sirio. Questa influenza si estende dall’Egitto al nord al Sudafrica al sud.

Il Solstizio del 21 Giugno e la “Chiamata agli Animali”

Per le celebrazioni del solstizio di quest’anno, l’Arcangelo Michele mi ha chiesto di indire una Meditazione Globale sulla “Chiamata agli Animali”. Il suo scopo era di invitare gli animali affinché potessimo esprimer loro il nostro desiderio che venissero con noi nella Nuova Terra e di essere parte della nostra Realtà della Nuova Terra.

A quel punto non mi ero resa conto quanto fosse fondamentale per l’intero progetto dell’Ascensione esprimere questa intenzione ai nostri fratelli e sorelle sulla Terra!

Inoltre, mi è stato anche mostrato che gli Animali non sono forme inferiori di vita, ma sono anche “Semi Stellari”, doni da parte degli Esseri Creatori che sono la nostra Famiglia Galattica e Cosmica. Se non possiamo onorare la nostra Famiglia Animale, come possiamo onorare la Famiglia Galattica e Cosmica che ha donato queste Forme di Vita al nostro Pianeta?

Nel frattempo, sono stata anche invitata a partecipare a una Cerimonia a nord del Sudafrica, in una antico Cerchio di Pietre. Questo luogo era situato sul meridiano del “Nilo” e ai confini del Sudafrica, Swaziland e Mozambico. Appena a nord c’era il Parco Nazionale Kruger, il nostro più grande parco per la fauna selvatica, e, oltre, lo Zimbabwe.

E così è stato per me un grande onore poter partecipare con un gruppo di persone mentre “Chiamavamo gli Animali” dal Cerchio Sacro che avevamo creato intorno alle pietre principali. Ricordo alquanto chiaramente di aver chiamato il Leone del Nord. Nel nostro cerchio, il nord era verso il Parco Kruger e lo Zimbabwe, dimora di Cecil il Leone che doveva diventare un importante interprete di questa ondata di energia.

Io ho specificatamente chiamato i Leoni Bianchi come Custodi dello Spirito dell’Africa, per essere i guardiani del nord. È stato anche interessante che la nostra Cerimonia fosse visitata da due grandi Corvi, che, come messaggeri del mondo dello Spirito, hanno portato le nostre intenzioni nei Reami dello Spirito.

Cecil, il Leone e i Leoni Reali di Sirio

Dalla "Chiamata agli Animali" alla Porta del Leone 1Ed è stato così che il messaggio è stato ricevuto dai Custodi dello Spirito dell’Africa e dai Leoni Reali di Sirio.

Ora, forse dovrei spiegare quanto siano importanti i Leoni negli insegnamenti Siriani.

Nella storia della creazione, il Primo Creatore, conosciuto come Amun-Ra, dà alla luce due esseri che vengono chiamati Shu e Tefnut.Dalla "Chiamata agli Animali" alla Porta del Leone 01 Essi sono le energie Maschili e Femminili originali, e Tefnut, che è il Femminile, è sempre dipinto come una Donna dalla Testa di Leonessa. L’energia del Leone/Leonessa è Sacra per i Siriani, è la manifestazione dell’Essenza Creatrice Divina.

Ed è così che in Africa, dove l’energia di Sirio è più forte, sono venuti i Leoni per essere i Custodi dello Spirito del Continente. Ed è stato lì, nel Consiglio dello Spirito dei Leoni Bianchi, che la nostra chiamata è stata udita. E così si è deciso che ci sarebbe voluto un Nobile Leone affinché portasse all’Umanità il messaggio dei Leoni e la chiamata alla “Famiglia” nella Nuova Terra.

Ed è stato così che Cecil, il nobile Leone di Hwange, è stato chiamato a rivestire il ruolo del Sentiero Sacro del Re Leone.

Ora, mentre questa è una bellissima storia, la stessa non nasconde il fatto che in Africa ogni giorno i Leoni vengono braccati e uccisi e che la morte di Cecil non è stato un “sacrificio richiesto” ma un’illustrazione di ciò che sta accadendo a tutti i leoni africani e, in definitiva, a tutti gli animali sulla Terra.

Lo scopo dell’uccisione pubblica di Cecil il Leone è stato quello di portare l’energia del Leone nella Coscienza Collettiva proprio nel momento in cui il Sole era in Leone e noi ci stavamo avvicinando a un Momento dell’Ascensione davvero cruciale nella Porta del Leone del 2015, l’8/8/8.

Lo scopo era rendere l’Umanità consapevole di ciò che stava accadendo ai leoni e agli animali sulla Terra. Ricordare all’Umanità la loro missione di amare e sostenere gli animali e il loro scopo nel ricreare il Giardino sulla Nuova Terra affinché tutte le Forme di Vita potessero essere presenti.

Ed è stato per renderci consapevoli che i nostri fratelli e sorelle della Nazione Stellare, specialmente i Siriani, erano qui presenti con noi in questo lavoro. Le potenti energie della Porta del Leone stanno aiutando il Pianeta ad attraversare le Porte del Tempo per giungere nelle Dimensioni Superiori che sono sorvegliate dai Leoni Reali Siriani di Ieri e di Domani.

8/8/8 : La Porta del Leone e Oltre

Dalla "Chiamata agli Animali" alla Porta del Leone 001La Porta del Leone del 2015 dell’8 agosto è il culmine di un’Ondata Ascensionale che solleverà il pianeta nelle frequenze più elevate di Luminosità che siano mai state realizzate sulla Terra!

L’8 di agosto, i Leoni Reali Siriani saranno nel Reame dello Spirito come assistenti in questo meraviglioso momento d’Ascensione e Nascita per il Pianeta.

Possiamo anche essere certi che Cecil il Leone sarà presente come Anima/Spirito per vegliare sulle fasi finali della storia che ha contribuito a creare.

D’ora in poi, gli Animali assumeranno la propria sovranità e diventeranno i nostri compagni della Nuova Terra.

Questo creerà un cambiamento radicale nella coscienza che sfiderà tutto quanto crediamo sull’amore e la compassione e il modo in cui incarniamo queste energie essenziali.

Ci sarà richiesto di cambiare da una società che crede che l’Umanità sia il centro e che ogni altra cosa sul Pianeta siano semplicemente “risorse” da consumare, a una società che riconosce l’Unità di una Famiglia di Esseri Viventi che condividono una casa e un destino.

Questo è il Grande Cambiamento che dobbiamo fare, che la Terra deve continuare ad ascendere al suo vero Destino come un Pianeta d’Amore e Compassione.

Originale in inglese: http://starchildglobal.com/channels-and-articles/from-calling-the-animals-to-the-lionsgate/

Tradotto da Susanna Angela per Stazione Celeste

www.stazioneceleste.it

Quando Sorgono due Soli: Sirio e il Nuovo Anno Planetario

Galleria

This gallery contains 3 photos.

Quando Sorgono due Soli: Sirio e il Nuovo Anno Planetario di Celia Fenn 19 luglio 2015 La fine di luglio viene celebrata come il Nuovo Anno Planetario perché molte delle antiche razze di Custodi del Tempo sulla Terra lo riconoscevano come il momento in cui iniziava un importante Nuovo Ciclo di Tempo Evolutivo. Questo periodo era anche associato con quel … Continue reading

Messaggio da Sirio

Galleria

This gallery contains 4 photos.

Messaggio da Sirio: La vera essenza dell’uomo Sabato 04 Dicembre 2010 Uomini e donne dell’umanità intera, vogliamo a voi giungere con forza ed energia per permettervi di connettervi alla vostra vera natura spirituale. E’ tempo di riconoscere quale è la vera essenza dell’uomo. Ognuno di voi sappia che non è solo uomo o donna, ma è un grande Essere di … Continue reading

Timeo E.T. Ferentes

Galleria

This gallery contains 8 photos.

Timeo E.T. Ferentes Nella notte fra il 21 e il 22 giugno in un campo di grano vicino all’aeroporto di Torino è stato realizzato un Crop Circle (cerchio nel grano) rilevato il giorno dopo da due piloti che lo anno anche fotografato. Immediatamente è scattata la caccia al cerchio da parte dei cosiddetti “Belivers” ovvero i cercatori di Crop Circle … Continue reading

THE EVENT

Immagine

THE EVENT di Rustam Vakilov.

THE EVENTEcco un cortometraggio in video realizzato dal russo Rustam Vakilov che mostra il risveglio di uno Starseed Orion, si tratta di un bel volo di fantasia, la realtà è molto più prosaica ma comunque il video è molto ben realizzato.

Agli abitanti di Khem: gli antichi Egizi, gli Atlantidei si presentarono in questo modo e conseguentemente furono divinizzati nelle divinità del pantheon Egizio: Osiride, Iside, Horus, Thoth.

Nel video è da rimarcare anche la presenza di un grande numero di significati simbolici nascosti; dai numeri doppi, alle forme geometriche, ai simboli radionici palesi e nascosti.

Link: T h e E V E N T on Vimeo

Writer, Director & Producer: RUSTAM VAKILOV (rustamvakilov.com)  (facebook.com/rvakilov)

Website: Facebook.com/theeventmovie
IMDB: imdb.com/title/tt3922968

Vrillon

Galleria

This gallery contains 2 photos.

Messaggio del comandante Vrillon Nel tardo pomeriggio del 26 novembre 1977, durante la messa in onda del notiziario dell’emittente inglese TV England Southern Television, un segnale pirata di provenienza sconosciuta si inserisce nella trasmissione ufficiale. Il segnale conteneva la strana voce di un essere definitosi Vrillon, rappresentante del Comando Galattico di Ashtar. Il messaggio, il lingua inglese, conteneva 600 parole, … Continue reading

Raggio Blu

Galleria

This gallery contains 1 photo.

I DIRETTORI DEI RAGGI, MAESTRI DELLA SAGGEZZA IL RAGGIO BLU Introduzione al primo raggio: Il Raggio Blu Ogni Raggio è diretto da: un Maestro Asceso, quasi tutti appartenenti alla razza umana; un Arcangelo (gerarchia dell’evoluzione angelica), un Elohim (gerarchia dell’evoluzione elementale) e da molte altre entità di luce e da legioni di servitori, ai quali sulla Terra viene dato il … Continue reading

GLI STARSEED

Galleria

This gallery contains 4 photos.

GLI STARSEED Chi sono Il Pianeta Terra occupa una posizione chiave nel nostro sistema solare e nel complesso della nostra galassia. È diventato una sorta di incrocio attraversato dall’enorme “traffico” proveniente da altri pianeti, mondi e densità. I membri di diverse confederazioni interstellari – molte delle quali hanno i rispettivi rappresentanti attualmente incarnati fisicamente sulla Terra – si sono avvicinati … Continue reading

CROP CIRCLE DI BARBURY CASTLE 1991

Immagine

CROP CIRCLE DI BARBURY CASTLE 1991

CROP CIRCLE DI BARBURY CASTLE 1991 e Questo cerchio è stato denominato “The Mother of All Crop Circles” (La Madre di tutti i Cerchi nel Grano) poichè è stato il primo cerchio che si è discostato dalle classiche geometrie precedenti composte essenzialmente da semplici cerchi e da alcune linee di connessione.
forza_8E’ un cerchio di straordinaria importanza, appartenente alla “categoria” dei cerchi “sacri”.
Infatti nella tradizione cabalistica il tetraedro con i tre satelliti connessi con un cerchio centrale interno rappresenta la Trinità Divina che è allo stesso tempo un’entità unica e triplice.
CROP CIRCLE DI BARBURY CASTLE 19918E’ interessante notare che la somma delle superfici dei tre satelliti è pari a quella del maggiore dei cerchi centrali! Inoltre la superficie ricoperta dall’intero Crop è pari a 31680 sqf. (piedi quadrati) che nella Bibbia è la superficie della Nuova Gerusalemme simbolo del Messia ovvero Gesù Cristo.
Come si può notare dalla ricostruzione geometrica il cerchio contiene contemporaneamente geometrie basate sul triangolo equilatero, sul quadrato, sul pentagono e sull’esagono: è un concentrato di Geometria Sacra.
CROP CIRCLE DI BARBURY CASTLE 1991 wUn’analisi geometrica dei due cerchi maggiori centrali sembrano fare riferimento alla sfera inscritta (la sfera interamente contenuta nel tetraedro e tangente nei punti centrali alle quattro superfici triangolari che lo delimitano) ed a quella interscritta (la sfera tangente nei punti mediani ai sei spigoli del tetraedro).
Il satellite superiore avente i sei archi di cerchio radiali equispaziati, risulta essere una porzione centrale del fiore della vita.
Il satellite inferiore destro rappresenta l’avvolgimento a spirale circolare delle linee energetiche generate da un tetraedro a base quadrata.

La notte della sua comparsa a Barbury Castle sono stati osservati strani fenomeni luminosi rassomiglianti a tubi di luce che scendevano verticalmente dal cielo sui campi di grano. Testimoni che si sono recati sul posto la mattina seguente hanno dichiarato che il pittogramma era sovrastato da una strana aureola di colore verde.CROP CIRCLE DI BARBURY CASTLE 1991-600x600

Maurizio Cavallo Jhlos

Galleria

This gallery contains 4 photos.

Maurizio Cavallo Jhlos Vi presento la figura di Maurizio Cavallo scrittore e artista, conosciuto con lo pseudonimo di Jhlos uno dei più famosi contattati italiani: Scrittore e artista conosciuto con lo pseudonimo di Jhlos, è apprezzato in Italia e all’estero per le sue poesie, psicopitture e opere musicali di suggestiva intensità. In qualità di giornalista pubblicista specializzato nella ricerca del … Continue reading

IL RITORNO DELLE STAR NATIONS

Galleria

This gallery contains 4 photos.

IL RITORNO DELLE STAR NATIONS lL viaggio umano attraverso la successione dei mondi. Dall’analisi delle antiche profezie dei nativi americani, gli interrogativi di uno dei più coraggiosi scienziati di frontiera La millenaria saggezza degli Indiani delle praterie risuona come potente ed esemplare messaggio per tutti i popoli della Terra che anelino ad una nuova e completa coscienza cosmica, in sintonia … Continue reading