SESSIONE 27 28 29 30 31

SESSIONE 27 28 29 30 31

SESSIONE 27 28 29 30 31SESSIONE 27

21 febbraio 1981

27.0 Ra: Io sono Ra. Vi saluto nell’amore e nella luce dell’Uno Infinito Creatore. Comunico adesso.

27.1 Interrogante: In questa sessione pensavo che avremmo iniziato il Libro Due della Legge dell’Uno, che si concentrerà su quello che consideriamo essere l’unico aspetto importante della nostra esistenza (being).

Tuttavia, Jim ha sentito l’obbligo di porre due domande che gli sono state richieste da Paul Shockley, e ti porrò quelle due per prime, nel caso tu sia in grado di rispondere a queste prima di iniziare davvero. La prima domanda è: Paul Shockley sta presentando la canalizzazione – correzione, Paul Shockley sta attualmente canalizzando la stessa fonte che Edgar Cayce ha canalizzato, e Paul ha ricevuto l’informazione che ha preso parte alla progettazione e alla costruzione delle piramidi egizie. Puoi dirci qual è stato il suo ruolo in quell’opera?

Ra: Io sono Ra. Questo era nel vostro continuum spazio/tempo in due periodi e due vite (lifetimes). La prima di una natura fisica collaborando con le entità della Confederazione in quella che conoscete come Atlantide, circa tredicimila [13.000] dei vostri anni fa. Questa memoria, diciamo, è stata integrata nell’inconscio del complesso mente/corpo/spirito di questa entità a causa del suo estremo desiderio di ricordare il servizio di guarigione e polarizzazione possibile attraverso i meccanismi del cristallo e del guaritore caricato.

La seconda esperienza è stata approssimativamente mille [1.000] dei vostri anni dopo, nel corso di tale esperienza questa entità ha preparato, in qualche parte, la coscienza del popolo di quello che ora chiamate Egitto, così essi furono in grado di offrire la chiamata che ha consentito a quelli del nostro complesso di memoria sociale di camminare tra la vostre genti. Durante questa esperienza di vita questa entità era di una natura sacerdotale e insegnante ed ebbe successo nel ricordare in forma semi-distorta gli insegnamenti/apprendimenti delle esperienze piramidali atlantidee. Così questa entità divenne un edificatore del pensiero archetipico della Legge dell’Uno con distorsione verso la guarigione, che aiutò il nostro popolo nel portarlo in una manifestazione fisica in quello che potreste chiamare un periodo posteriore nella vostra misurazione del tempo.

27.2 Interrogante: La seconda domanda è: Paul ha anche ricevuto informazioni che menzionano che c’erano altri esseri che aiutavano nella costruzione delle piramidi che non erano completamente materializzati nella terza densità. Erano stati materializzati dalla vita fino alla testa, ma non erano stati materializzati dalla vita in giù ai loro piedi. Tali entità esistevano nella costruzione delle piramidi, e chi erano?

Ra: Io sono Ra. Considera, se vuoi, l’infinito intelligente presente nell’assorbimento della vita (livingness) e dell’esistenza (beingness) quando diviene codificato in energia intelligente, grazie alle impressioni del pensiero di coloro che assistono la pietra vivente in una nuova forma di esistenza. Il rilascio e l’uso dell’infinito intelligente per un breve periodo inizia ad assorbire tutte le dimensioni consecutive o connesse fra loro (interlocking), offrendo così brevi scorci di coloro che proiettano alla materia il proprio pensiero. Questi esseri iniziano così a materializzarsi ma non rimangono visibili. Questi esseri erano la forma-pensiero o manifestazione visibile di terza densità del nostro complesso di memoria sociale quando offrimmo il contatto dal nostro infinito intelligente all’infinito intelligente della pietra.

27.3 Interrogante: Grazie mille. Ora procederò con il processo di inizio del secondo libro della Legge dell’Uno. Questo, presumo, sarà un compito molto più difficile del primo libro perché vogliamo focalizzarci su cose che non sono transitorie (transient), e come interrogatore potrei avere difficoltà a volte.

Quando avrò questa difficoltà potrei ripiegare su alcune domande parzialmente transitorie semplicemente perché non sarò in grado di formulare ciò che ho veramente bisogno di formulare, e mi scuso per questo, ma cercherò di fare del mio meglio per “rimanere sulla pista” ed eliminare “cose di nessun valore” dal libro se si verificano durante la mia interrogazione.

La dichiarazione che voglio fare per cominciare l’ho scritta. È: La maggior parte delle entità in questa densità focalizza la propria mente su qualche condizione o attività transitoria con scarsa considerazione del suo valore come strumento o aiuto alla loro crescita e comprensione della vera o non-distorta essenza della creazione di cui sono parte integrante .

Cercheremo, partendo dall’inizio della creazione, di stabilire una visione d’insieme di noi stessi nella creazione, arrivando così ad un più informato punto di investigazione di ciò che consideriamo essere la realtà. Si spera che questo processo ci consentirà di partecipare più efficacemente al processo di evoluzione.

Vorrei iniziare con definizioni delle parole che abbiamo utilizzato che forse non abbiamo – e forse non possiamo – comprendere pienamente, ma poiché le prime parole che usiamo sono: infinito intelligente; vorrei che tu definissi ciascuna di queste parole e mi dessi la definizione della loro combinazione.

Ra: Io sono Ra. Le tue vibrazioni del complesso mentale indicano una domanda. Tuttavia, il tuo complesso sonoro vibratorio indica una preferenza. Per favore ribadisci.

27.4 Interrogante: Definiresti il termine intelligente nel concetto di infinito intelligente?

Ra: Io sono Ra. Affronteremo l’intero spettro di questa domanda prima di definire come richiesto. Il vostro linguaggio, usando complessi sonori vibrazionali, può essere nel migliore dei casi un’approssimazione di ciò che è più vicino ad una comprensione, se vogliamo, della natura del pensiero cosciente. Le percezioni non corrispondono ai complessi di vibrazione sonora e il tentativo di definire sarà quindi frustrante per voi, sebbene siamo felici di aiutarvi entro i limiti dei vostri complessi di vibrazione sonora.

Definire intelligente separato dall’infinito è difficile, poiché questi due complessi di vibrazione equivalgono a un concetto. È come tentare di dividere il vostro concetto di vibrazione sonora, fede, in due parti. Cercheremo comunque di aiutarvi.

27.5 Interrogante: Non è necessario dividerlo. La definizione di infinito intelligente “come un pezzo” è sufficiente. Potresti quindi definire l’infinito intelligente?

Ra: Io sono Ra. Questo è esponenzialmente più semplice e meno confuso. C’è unità. Questa unità è tutto ciò che c’è. Questa unità ha un potenziale e una cinetica. Il potenziale è l’infinito intelligente. Attingere a questo potenziale frutterà lavoro. Questo lavoro è stato chiamato da noi, energia intelligente.

La natura di questo lavoro è dipendente dalla particolare distorsione del libero arbitrio che a sua volta è la natura di una particolare energia intelligente o focalizzazione cinetica del potenziale di unità o di ciò che è tutto.

27.6 Interrogante: Vorrei espandere un po’ il concetto di lavoro. Nella fisica newtoniana [il] concetto di lavoro è ciò che chiamiamo una forza che si muove attraverso lo spazio, è il prodotto della forza e della distanza nel modo in cui lo misuriamo. Presumo che il lavoro di cui parli sia un termine molto più ampio che include forse il lavoro nella coscienza. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Nel modo in cui usiamo questo termine è universale nell’applicazione. L’infinito intelligente ha un ritmo o un flusso come di un cuore gigantesco che inizia con il sole centrale come potreste pensarlo o concepire questo, la presenza del flusso ineluttabile come una marea di esistenza senza polarità, senza finitezza; il vasto e silente tutto pulsante verso l’esterno, verso l’esterno, focalizzandosi verso l’esterno e verso l’interno fino a quando le focalizzazioni sono completate. L’intelligenza o coscienza delle focalizzazioni (foci) ha raggiunto uno stato in cui la loro, diciamo, natura spirituale o massa le chiama verso l’interno, all’interno, all’interno fino a quando tutto è riunito. Questo è il ritmo della realtà di cui parlavi.

27.7 Interrogante: Ora penso di aver estratto un punto importante da questo in quanto nell’infinito intelligente abbiamo lavoro senza polarità, oppure non deve esistere una differenza potenziale. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Non c’è differenza, potenziale o cinetica, nell’unità. I ritmi di base dell’infinito intelligente sono totalmente senza distorsione di alcun tipo. I ritmi sono coperti di mistero, perché sono entità essi stessi. Da questa unità non-distorta, tuttavia, compare un potenziale in relazione all’energia intelligente.

In questo modo si può osservare che il termine è in qualche modo duplice; Un utilizzo del termine, come Unità non-distorta, essendo senza alcuna parte cinetica o potenziale. L’altra applicazione di questo termine, che utilizziamo indifferenziatamente per mancanza di un altro termine, nel senso del vasto potenziale attinto dai foci o fulcri di energia la chiamiamo energia intelligente.

27.8 Interrogante: Ora, capisco che la prima distorsione dell’infinito intelligente è la distorsione di ciò che chiamiamo libero arbitrio. Puoi darmi una definizione di questa distorsione?

Ra: Io sono Ra. In questa distorsione della Legge dell’Uno si riconosce che il Creatore conoscerà Se stesso.

27.9 Interrogante: Allora è corretto che presuma che il Creatore conoscerà da sé il Creatore, quindi concede per questa conoscenza il concetto di libertà – totale libertà di scelta nei modi di conoscere? Sono corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è abbastanza corretto.

27.10 Interrogante: Questa è quindi la prima distorsione della Legge dell’Uno, che io assumo sia la Legge dell’Infinito Intelligente, da tutte le altre – [correzione], tutte le altre distorsioni che sono l’esperienza totale della creazione scaturiscono da questa. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è sia corretto che incorretto. Nella vostra illusione tutta l’esperienza scaturisce dalla Legge del Libero Arbitrio o Via della Confusione. In un altro senso, che noi stiamo imparando, le esperienze sono questa distorsione.

27.11 Interrogante: Dovrò riflettere circa questo e fare delle domande su questo nella prossima sessione, così passerò a ciò che mi hai dato come la seconda distorsione che è la distorsione dell’amore. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è corretto.

27.12 Interrogante: Vorrei che tu definissi l’amore nel senso — nel suo senso come seconda distorsione.

Ra: Io sono Ra. Questo deve essere definito sullo sfondo dell’infinito intelligente o Unità o l’Uno Creatore con la distorsione primaria del libero arbitrio. Il termine Amore quindi può essere visto come il focus, la scelta di attacco, il tipo di energia di un estremamente, diciamo, Elevato Ordine che causa che l’energia intelligente si formi dal potenziale dell’infinito intelligente solo in quel determinato modo. Questo può quindi essere visto come un oggetto piuttosto che un’attività da parte di alcuni dei vostri popoli, e il principio di questa estremamente forte focalizzazione di energia viene adorato come il Creatore al posto dell’Unità o Unificazione da cui emanano tutti gli Amori.

27.13 Interrogante: È l’Amore — c’è una manifestazione di amore che potremmo chiamare vibrazione?

Ra: Io sono Ra. Ancora una volta giungiamo a difficoltà semantiche. La vibrazione o densità dell’amore o della comprensione non è un termine usato nello stesso senso della seconda distorsione, Amore; la distorsione Amore è il grande attivatore e co-Creatore primordiale di varie creazioni che utilizzano l’infinito intelligente; la vibrazione dell’amore è quella densità in cui coloro che hanno imparato a svolgere un’attività chiamata “amare” senza distorsioni significative, cercano quindi le vie della luce o della saggezza. Così in senso vibratorio l’amore viene alla luce nel senso dell’attività dell’Unità nel suo libero arbitrio. Amore usa la luce e ha il potere di dirigere la luce nelle sue distorsioni. Così i complessi vibratori ricapitolano in senso inverso la creazione nella sua unità, mostrando così il ritmo o il flusso del grande battito del cuore, se volete usare questa analogia.

27.14 Interrogante: Farò una dichiarazione che ho estratto dalla fisica di Dewey Larson che può essere o meno vicina a ciò che stiamo cercando di spiegare. Larson dice che tutto è movimento che possiamo prendere come vibrazione, e quella vibrazione, che è pura vibrazione e non è fisica in alcun modo o in alcuna forma o in alcuna densità; quella vibrazione, per… il primo prodotto di quella vibrazione, è ciò che chiamiamo fotone, particella di luce. Stavo cercando di fare un’analogia tra questa risoluzione fisica e il concetto di amore e luce. Questo è vicino al concetto di Amore che crea la luce o no?

Ra: Io sono Ra. Hai ragione.

27.15 Interrogante: Poi approfondirò un po’ di più questo concetto. Abbiamo l’infinita vibrazione dell’Amore che può verificarsi, presumo, a frequenze variabili, se ciò ha un significato in questo; Presumo che inizi con una frequenza di base. Questo ha un significato? Sto dicendo cose sensate? È corretto?

Ra: Io sono Ra. Ogni Amore, come voi chiamate i motori primi (Prime movers), proviene da una frequenza, se volete usare questo termine. Questa frequenza è l’Unità. Potremmo forse paragonarlo più a una forza che a una frequenza, questa forza essente infinita, le qualità finite sono scelte dalla natura particolare di questo primordiale movimento (primal movement).

27.16 Interrogante: Allora questa vibrazione che è, per mancanza di migliore comprensione, che chiameremmo puro movimento; è puro Amore; è… non è… non c’è niente che sia ancora condensato, diciamo, per formare un qualsiasi tipo o densità di illusione. Questo Amore crea quindi tramite questo processo di vibrazione un fotone, come lo chiamiamo, che è la particella di base della luce. Questo fotone quindi, mediante vibrazioni e rotazioni aggiunte, si condensa ulteriormente in particelle delle densità, le varie densità che sperimentiamo. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è corretto.

27.17 Interrogante: Ora, questa… quindi la luce che forma le densità ha ciò che chiamiamo colore, e questo colore è diviso in sette categorie di colore. Puoi dirmi, c’è una ragione o una spiegazione per queste categorie di colore? Puoi dirmi qualcosa riguardo a questo?

Ra: Io sono Ra. Questa sarà l’ultima domanda completa di questa sessione poiché questo strumento è a corto di energia vitale. Risponderemo brevemente e poi potrai porre ulteriori domande nelle sessioni successive.

La natura dei modelli vibratori del vostro universo dipende dalle configurazioni poste sulla materia originale o luce dal focus o Amore che usa la sua energia intelligente per creare un certo schema di illusioni o densità al fine di soddisfare il suo intelligente giudizio di un metodo di conoscenza di se stesso. Così i colori, come li chiami tu, sono tanto limitati, o ristretti, o necessari quanto è possibile esprimere, data la volontà dell’Amore.

Ci sono ulteriori informazioni che saremo lieti di condividere rispondendo alle vostre domande. Tuttavia, non vogliamo esaurire questo strumento. C’è una breve domanda necessaria prima che c’è ne andiamo?

27.18 Interrogante: L’unica cosa che ho bisogno di sapere è, c’è qualcosa che possiamo fare per rendere lo strumento più comodo o per aiutare lei o il contatto?

Ra: Io sono Ra. Questo strumento è leggermente incomodo. Forse una configurazione più semplice del corpo sarebbe appropriata dato il miglioramento delle condizioni del complesso fisico dello strumento.

Sono Ra. Siete coscienziosi nei vostri sforzi. Saremo con voi. Vi lasciamo ora nell’amore e nella luce dell’Uno Infinito Creatore. Rallegratevi, quindi, nel potere e nella pace dell’Uno Infinito Creatore. Adonai.

SESSIONE 28

22 febbraio 1981

28.0 Ra: Io sono Ra. Vi saluto nell’amore e nella luce dell’Infinito Creatore. Comunico adesso.

28.1 Interrogante: Potrei fare” un po ‘di marcia indietro” e “fare qualche falsa partenza” oggi perché penso che siamo forse alla parte più importante di ciò che stiamo facendo nel tentativo di renderlo evidente attraverso domande su come tutto è uno e come esso proviene da l’uno infinito intelligente. Questo è difficile da fare per me, quindi ti prego di sopportare i miei errori nelle domande.

Il concetto che ho in questo momento del processo, usando sia ciò che mi hai detto e sia parte del materiale di Dewey Larson che ha a che fare con la fisica del processo, ho il concetto che l’infinito intelligente si espande verso l’esterno da tutte le posizioni ovunque. Si espande verso l’esterno in ogni direzione in modo uniforme come la superficie di un palloncino o una bolla che si espande verso l’esterno da ogni punto ovunque. Si espande verso l’esterno a quella che viene chiamata velocità unitaria o la velocità della luce. Questa è l’idea di Larson della progressione di ciò che chiama spazio/tempo. Questo concetto è corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo concetto è incorretto come lo è qualsiasi concetto dell’uno infinito intelligente. Questo concetto è corretto nel contesto di un particolare Logos, o Amore, o focalizzazione (focus) di questo Creatore che ha scelto le Sue, diciamo, leggi naturali e modi per esprimerle matematicamente ed in altra maniera.

L’uno infinito intelligente indifferenziato, non polarizzato, pieno e intero, è il macrocosmo dell’essere ammantato di mistero. Siamo messaggeri della Legge dell’Uno. L’unità, a questa approssimazione di comprensione, non può essere specificata da nessuna fisica, ma solo essere attivato o potenziato infinito intelligente grazie al catalizzatore del libero arbitrio. Questo può essere difficile da accettare. Tuttavia, le comprensioni che dobbiamo condividere iniziano e finiscono nel mistero.

28.2 Interrogante: Bene, ieri eravamo arrivati a un punto in cui stavamo considerando i colori della luce. [Tu] hai detto che “la natura dei modelli vibratori del vostro universo dipende dalle configurazioni poste sul materiale originale o luce dal focus di Amore che usa la Sua energia intelligente per creare un certo schema di … di illusioni o densità.” Poi, dopo questo materiale, hai detto che ci sono ulteriori informazioni che saresti felice di condividere, ma il tempo è scaduto. Potresti completare le ulteriori informazioni in merito?

Ra: Io sono Ra. Discutendo queste informazioni, allora, diciamo, torniamo di nuovo ai metodi particolari di comprendere o percepire quello che è ciò che colui, complesso di vibrazioni sonore, Dewey, offre; questo diviene corretto per il secondo senso di infinito intelligente: il potenziale che poi attraverso il catalizzatore forma il cinetico.

Questa informazione è una naturale progressione dell’indagine della forma cinetica del vostro ambiente. Potete concepire ogni colore o raggio come essere, come abbiamo detto, una molto specifica e accurata compartizione (apportion) di rappresentazione di energia intelligente dell’infinito intelligente, ogni raggio è stato precedentemente ispezionato sotto altri aspetti.

Queste informazioni possono essere di aiuto qui. Parleremo ora in modo non specifico per aumentare la profondità della vostra concettualizzazione della natura di ciò che è. L’universo in cui vivete è la ricapitolazione in ogni parte dell’infinito intelligente. Così vedrete gli stessi schemi ripetuti nelle aree fisiche e metafisiche; i raggi o le compartizioni (apportions) di luce sono, come supponi, quelle aree di ciò che potreste chiamare l’illusione fisica che ruotano, vibrano o sono di una natura che può essere, diciamo, calcolata o classificata in modo rotatorio nello spazio/tempo come descritto da colui noto come Dewey; alcune sostanze hanno diversi dei raggi in una manifestazione fisica visibile all’occhio, questo è evidente nella natura dei vostri minerali cristallizzati che considerate preziosi, il rubino che è rosso e così via.

28.3 Interrogante: Questa luce che occorse come una conseguenza della vibrazione la quale è una conseguenza dell’Amore. Chiederò se questa affermazione è giusta. È corretta?

Ra: Io sono Ra. Questa affermazione è corretta.

28.4 Interrogante: OK. Questa luce può quindi condensarsi nella materia così come la conosciamo nella nostra densità, in tutti i nostri elementi chimici a causa delle rotazioni della vibrazione a intervalli quantizzati o unità di velocità angolare. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è abbastanza corretto.

28.5 Interrogante: Grazie. Mi chiedo, qual è il catalizzatore o l’attivatore della rotazione? Cosa causa la rotazione in modo che la luce si condensa nei nostri elementi fisici o chimici?

Ra: Io sono Ra. È necessario considerare la funzione abilitante del focus noto come Amore. Questa energia è di natura ordinatrice. Ordina in modo cumulativo dal maggiore al minore in modo che quando il suo universo, come potete chiamarlo, è completo, il modo di sviluppo di ogni dettaglio è intrinseco alla luce vivente e quindi si svilupperà in quel determinato modo; il vostro universo è stato ben studiato in maniera empirica da coloro che chiamate i vostri scienziati ed è stato compreso o visualizzato, diciamo, con maggiore accuratezza dalle comprensioni o visualizzazioni di colui noto come Dewey.

28.6 Interrogante: Quando entra in gioco l’individualizzazione o la porzione individualizzata di coscienza? Come avviene questa individualizzazione e fino a che punto la coscienza individualizzata subentra nel lavorare sulla luce di base?

Ra: Io sono Ra. Rimani esattamente nell’area della creazione stessa. In questo processo dobbiamo ulteriormente confonderti affermando che il processo mediante il quale il libero arbitrio agisce sul potenziale infinito intelligente per diventare energia intelligente focalizzata avviene senza lo spazio/tempo di cui sei così consapevole in quanto è il vostro continuum di esperienza.

L’esperienza o l’esistenza dello spazio/tempo viene in essere dopo che il processo di individualizzazione del Logos o Amore è stato completato e l’universo fisico, come lo chiamereste, si è riunito* o ha iniziato ad attirarsi verso l’interno mentre si muove verso l’esterno nella misura in cui ciò che voi chiamate i vostri corpi solari hanno a loro volta creato un caos senza tempo che si fonde* in ciò che chiamate pianeti, questi vortici di energia intelligente spendono una grande quantità di quello che si può definire Prima Densità in uno stato senza tempo, la realizzazione dello spazio/tempo è uno degli apprendimenti/insegnamenti di questa densità dell’esistenza.

Quindi abbiamo difficoltà a rispondere alle vostre domande riguardo al tempo e allo spazio e alla loro relazione a, ciò che potreste chiamare, la creazione originale che non fa parte dello spazio/tempo per come potete intenderlo. *(to coalesce: coalescènza)

28.7 Interrogante: Grazie. Un’unità di coscienza, un’unità di coscienza individualizzata, crea, diciamo, un’unità della creazione? Farò un esempio.

Una coscienza individualizzata creerebbe una galassia di stelle, il tipo che ha molti milioni di stelle in essa. Succede questo?

Ra: Io sono Ra. Può succedere. Le possibilità sono infinite. Così un Logos può creare ciò che chiamate un sistema stellare o può essere il Logos che crea miliardi di sistemi stellari. Questa è la causa della confusione nel termine galassia, poiché ci sono molte diverse creazioni o entità del Logos e chiameremmo ciascuno di essi galassia, usando i vostri complessi di vibrazione sonora.

28.8 Interrogante: Prendiamo come esempio il pianeta su cui ci troviamo ora e dimmi quanta parte della creazione è stata creata dal medesimo Logos che ha creato questo pianeta?

Ra: Io sono Ra. Questo Logos planetario è un Logos potente creante circa duecentocinquanta miliardi [250.000.000.000] dei vostri sistemi stellari di Sua creazione. Le, diciamo, leggi o modi fisici di questa creazione rimarranno, pertanto, costanti.

28.9 Interrogante: Allora quello che stai dicendo è che il sistema stellare lenticolare che chiamiamo galassia in cui ci troviamo con circa 250 miliardi di altri soli come il nostro è stato creato da un singolo Logos. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è corretto.

28.10 Interrogante: Ora, poiché ci sono molte parti di coscienza individualizzate in questa galassia lenticolare, questo Logos si è poi suddiviso in una maggiore individualizzazione della coscienza per creare queste coscienze o dividersi in queste coscienze?

Ra: Io sono Ra. Sei percettivo. Anche questo è corretto, benché sia un apparente paradosso.

28.11 Interrogante: Potresti dirmi cosa intendi per apparente paradosso?

Ra: Io sono Ra. Sembrerebbe che se un Logos crea i modi dell’energia intelligente per un grande sistema non ci sarebbe la necessità o la possibilità di un’ulteriore differenziazione sub-Logos. Tuttavia, entro certi limiti, è proprio così, ed è percettivo che questo sia stato notato.

28.12 Interrogante: Grazie. Per favore, potresti far tossire lo strumento?

Ra: [Tosse.]

28.13 Interrogante: Grazie. Tutte le porzioni individualizzate del Logos, quindi, nel nostro— Chiamerò la galassia lenticolare in cui ci troviamo, 250 miliardi di soli o stelle, la chiamerò la Galassia Maggiore, solo per non confonderci nei nostri termini. Tutta la coscienza, quindi, in questa forma individualizzata che va in quella che chiamiamo la galassia maggiore, inizia e va attraverso tutte le densità in ordine, uno, due, tre, quattro, cinque, sei, sette o — poi all’ottava — o ci sono, dovrei dire, alcuni che “iniziano ad un livello più in alto” e vanno in un … – così che c’è sempre una mescolanza di coscienza intelligente nella galassia?

Ra: Io sono Ra. Quest’ultima (parte dell’affermazione) è più quasi corretta. In ogni inizio vi è l’inizio da una forza infinita. Il libero arbitrio funge da catalizzatore. Gli Esseri iniziano a formare gli universi. La coscienza inizia allora ad avere il potenziale per sperimentare. I potenziali dell’esperienza vengono creati come parte dell’energia intelligente e vengono fissati prima dell’inizio dell’esperienza.

Tuttavia, c’è sempre, a causa del libero arbitrio che agisce illimitatamente sulla creazione, una grande diversificazione nelle risposte iniziali al potenziale dell’energia intelligente. Così quasi immediatamente le fondamenta della, chiamiamola così, “natura gerarchica di esseri” iniziano a manifestarsi poiché alcune porzioni della coscienza o consapevolezza apprendono attraverso l’esperienza in una maniera molto più efficiente.

28.14 Interrogante: C’è qualche motivo per cui alcune parti sono molto più efficienti nell’apprendimento?

Ra: Io sono Ra. C’è qualche motivo per cui alcuni imparano più velocemente di altri? Guarda, se lo desideri, alla funzione della volontà … la, diciamo, attrazione alla linea di luce a spirale ascendente (attraction to the upward spiraling line of light).

28.15 Interrogante: Ora, come viene creata la galassia maggiore, e sto ipotizzando tutte le sue densità – presumo tutte – ci sono otto densità originate quando questa galassia maggiore è creata. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è fondamentalmente corretto. Tuttavia, è bene percepire che l’ottava densità funge anche come densità iniziale o prima densità, nei suoi ultimi stadi, della seguente ottava di densità.

28.16 Interrogante: Stai dicendo che ci sono un numero infinito di ottave di densità da uno a otto?

Ra: Io sono Ra. Vogliamo stabilire che noi siamo veramente umili messaggeri della Legge dell’Uno. Possiamo parlarvi delle nostre esperienze e delle nostre comprensioni e insegnare/apprendere in modo limitato. Tuttavia, non possiamo parlare in piena conoscenza di tutte le creazioni. Sappiamo solo che sono infinite. Assumiamo un numero infinito di ottave.

Tuttavia, è stato impresso in noi dai nostri insegnanti che vi è una unità della creazione, ammantata di mistero, in cui tutta la coscienza periodicamente si fonde* e nuovamente inizia. Quindi possiamo solo dire che assumiamo una progressione infinita anche se la comprendiamo essere di natura ciclica e, come abbiamo detto, vestita di mistero. *(coalesces)

28.17 Interrogante: Grazie. Per favore, faresti tossire nuovamente lo strumento?

Ra: [Tosse.]

28.18 Interrogante: Grazie. Quando questa galassia maggiore è formata dal Logos, allora la polarità esiste nel senso che abbiamo polarità elettrica, un effetto gravitazionale che probabilmente non è polarità, io … dovrò porre questa domanda … Abbiamo polarità elettrica esistente in quel momento. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Lo accetto come corretto con la condizione che ciò a cui voi date il termine elettrico va inteso non solo nel modo in cui il tale, Larson, ha definito il significato, ma anche in quello che chiamereste il senso metafisico.

28.19 Interrogante: Stai dicendo allora che non abbiamo solo una polarità di carica elettrica, ma anche una polarità nella coscienza in quel momento?

Ra: Io sono Ra. Questo è corretto. Tutto è potenzialmente disponibile dall’inizio del vostro spazio/tempo fisico; è quindi la funzione dei complessi di coscienza iniziare a usare i materiali fisici per acquisire esperienza per poi polarizzarsi in senso metafisico. I potenziali per questo non sono creati dallo sperimentatore ma dall’energia intelligente.

Questa sarà l’ultima domanda completa di questa sessione a causa del nostro desiderio di tutelare questo strumento mentre riacquista lentamente l’energia del complesso fisico. Possiamo chiederti se hai una o due domande a cui possiamo rispondere brevemente prima di chiudere?

28.20 Intervistatore: Presumo che il processo di creazione, quindi, dopo la creazione originale della galassia maggiore, sia continuato dall’ulteriore individualizzazione della coscienza del Logos in modo che ci siano molte, molte porzioni di coscienza individualizzata che creano quindi ulteriori elementi, si potrebbe dire, per sperimentare in tutta la galassia. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è corretto, perché all’interno delle, diciamo, linee guida o modi del Logos, il sub-Logos può trovare vari mezzi di differenziazione delle esperienze senza rimuovere o aggiungere a questi modi.

28.21 Interrogante: Grazie. E siccome siamo fuori tempo, mi limito a chiedere se c’è qualcosa che possiamo fare per rendere lo strumento più comodo o aiutare il contatto?

Ra: Io sono Ra. Questo strumento è ben sistemato. Siete coscienziosi.

Sono Ra. Vi lascio, amici miei, nell’amore e nella luce dell’Uno Infinito Creatore. Avanti, quindi rallegrandovi nel potere e nella pace dell’Uno Creatore. Adonai.

SESSIONE 29

23 febbraio 1981

29.0 Ra: Io sono Ra. Vi saluto nell’amore e nella luce dell’Infinito Creatore. Comunichiamo adesso.

29.1 Interrogante: Il nostro sole (questo sistema planetario) per come lo conosciamo, è un sub-Logos o la manifestazione fisica di un sub-Logos?

Ra: Io sono Ra. Questo è corretto.

29.2 Interrogante: Quindi presumo che questo sub-Logos abbia creato questo sistema planetario in tutte le sue densità. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è incorretto. Il sub-Logos della vostra entità solare ha differenziato alcune componenti esperienziali all’interno dei modelli di energia intelligente messi in moto dal Logos che ha creato le condizioni di base e le velocità vibratorie coerenti in tutta la vostra, quello che hai chiamato, galassia maggiore.

29.3 Interrogante: Quindi questo sub-Logos che è il nostro sole è lo stesso sub-Logos ma si manifesta in parti differenti attraverso la galassia che è… esso è tutte le stelle in questa galassia?

Ra: Io sono Ra. Per favore ribadisci.

29.4 Interrogante: Quello che sto dicendo è che ci sono approssimativamente 250 miliardi di stelle o soli un po’ come il nostro in questa galassia maggiore. Sono tutti parte dello stesso sub-Logos?

Ra: Io sono Ra. Sono tutti parte dello stesso Logos. Il vostro sistema solare, come volete chiamarlo, è una manifestazione alquanto e leggermente diversa a causa della presenza di un sub-Logos.

29.5 Interrogante: Ora, tutte queste cose — Fammi essere sicuro di essere corretto allora. Allora il nostro sole è un sub-Logos del Logos che è il principale Logos galattico. Corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è corretto.

29.6 Interrogante: Ci sono dei sub-sub-Logos che si trovano nel nostro sistema planetario che sono Logos che sono “sub” del nostro sole?

Ra: Io sono Ra. Questo è corretto.

29.7 Interrogante: Mi diresti che cosa uno di quelli — mi daresti un esempio di uno di quelli … li chiamerò sub-sub-Logos?

Ra: Io sono Ra. Un esempio è il tuo complesso mente/corpo/spirito.

29.8 Interrogante: Quindi ogni entità che esiste sarebbe un qualche tipo di sub o sub-sub-Logos. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è corretto fino ai limiti di qualsiasi osservazione, poiché l’intera creazione è viva.

29.9 Interrogante: Quindi il pianeta su cui camminiamo qui sarebbe un qualche tipo di sub-sub-Logos. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Un’entità planetaria è chiamata come Logos solamente se sta lavorando in modo armonico con entità o complessi mente/corpo sulla sua superficie o all’interno del suo campo elettromagnetico.

29.10 Interrogante: Okay. Il sub-Logos, come il nostro sole, qualcuno di loro — nella nostra galassia maggiore — ha una polarità metafisica, diciamo, positiva o negativa come abbiamo usato il termine?

Ra: Io sono Ra. Per come usi il termine, non è così. Le entità di tutto il livello planetario hanno la forza dell’infinito intelligente attraverso l’uso del libero arbitrio, nel compimento delle azioni dell’esistenza*. La polarità non è, quindi, come tu intendi polarità. È solo quando la sfera planetaria inizia a interagire armonicamente con i complessi mente/corpo, e più in particolare con i complessi mente/corpo/spirito, che le sfere planetarie assumono distorsioni dovute ai complessi di pensiero delle entità che interagiscono con l’entità planetaria. La creazione dell’Uno Infinito Creatore non ha la polarità di cui parli. *(going through the actions of beingness; frase idiomatica)

29.11 Interrogante: Grazie. Ieri hai affermato che i pianeti in prima densità sono in uno stato senza tempo sin dall’inizio. Puoi dirmi come viene in essere l’effetto che apprezziamo come tempo?

Ra: Io sono Ra. Vi abbiamo appena descritto lo stato di esistenza** di ogni Logos. Il processo tramite il quale lo spazio/tempo entra in una forma di continuum è una funzione dell’attenta edificazione, per così dire, di un completo o intero piano di ritmi vibratori, densità, e potenziali. Quando questo piano si è fuso (coalesced) nei complessi di pensiero dell’Amore, allora iniziano ad apparire le manifestazioni fisiche; questo primo stadio di manifestazione è consapevolezza o coscienza.

Nel punto in cui questa coalescenza è al punto di vita* o esistenza**, il punto o la sorgente dell’inizio, lo spazio/tempo in quel momento inizia a “srotolare il suo rotolo” di esistenza in vita*. *(Livingness) **(Beingness)

29.12 Interrogante: Mentre l’Amore crea la vibrazione — farò questa affermazione per prima. Lasciami dire, credo che Amore crei la vibrazione nello spazio/tempo allo scopo di formare il fotone. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è essenzialmente corretto.

29.13 Interrogante: Quindi la continua applicazione di Amore — presumo che sia diretta da un sub-Logos o da un sub-sub-Logos — questa continua applicazione dell’Amore crea rotazioni di queste vibrazioni che sono in unità discrete di velocità angolare. Questo poi crea elementi chimici nella nostra illusione fisica e presumo gli elementi nell’altro o ciò che chiameremmo densità non-fisiche o di altro tipo nell’illusione. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Il Logos crea tutte le densità. La tua domanda non era chiara. Tuttavia, affermeremo che il Logos crea sia le densità spazio/tempo sia le correlate densità tempo/spazio.

29.14 Intervistatore: Quello che sto assumendo è che le rotazioni, le rotazioni incrementali quantizzate delle vibrazioni si mostrano come il materiale di queste densità. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è essenzialmente corretto.

29.15 Intervistatore: Bene, allora a causa di queste rotazioni c’è un movimento verso l’interno di queste particelle che è opposto alla direzione della progressione spazio/temporale per come la intendo io, e questa progressione verso l’interno quindi è vista da noi come ciò che chiamiamo gravità. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo non è corretto.

29.16 Interrogante: Puoi dirmi in che modo avviene la gravità?

Ra: Io sono Ra. Ciò di cui parli come gravità può essere visto come la pressione verso la luce/amore interiore, la ricerca in direzione della linea di luce a spirale che progredisce verso il Creatore. Questa è una manifestazione di un evento spirituale o condizione di esistenza in vita (livingness).

29.17 Interrogante: Ora, la gravità che conosciamo ora sulla nostra luna è inferiore a quella sul nostro pianeta qui. C’è un principio metafisico dietro questo che potresti spiegare?

Ra: Io sono Ra. Il metafisico e il fisico sono inseparabili. Quindi ciò di cui hai parlato che tenta di spiegare questo fenomeno è in grado di, diciamo, calcolare la forza gravitazionale della maggior parte degli oggetti a causa dei vari aspetti fisici, come quello che conoscete come massa. Tuttavia, abbiamo ritenuto che fosse necessario indicare la corrispondente e altrettanto importante natura metafisica della gravità.

29.18 Intervistatore: A volte ho difficoltà a ottenere, si potrebbe dire, un “punto d’appoggio” in ciò che sto cercando nel tentativo di cercare di trovare i principi metafisici, si potrebbe dire, dietro la nostra illusione fisica.

Potresti farmi un esempio della quantità di gravità sulla superficie del pianeta Venere nelle condizioni di terza densità ? Sarebbe maggiore o minore della Terra?

Ra: Io sono Ra. La gravità, diciamo, la forza attrattiva che descriviamo anche come la forza esteriore che preme verso il Creatore è maggiore spiritualmente, sull’entità che chiamate Venere a causa del maggior grado di successo, diciamo, nella ricerca del Creatore.

Questo punto diventa importante solo se si considera che quando tutta la creazione nella sua infinità raggiunge una massa gravitazionale spirituale di natura sufficiente, l’intera creazione si fonde infinitamente*; la luce cerca e trova la sua sorgente e quindi termina la creazione e inizia una nuova creazione proprio come considerate il buco nero, come lo chiamate, con le sue condizioni di massa infinitamente grande al punto zero da cui nessuna luce può essere vista poiché essa è stata assorbita. *(infinitely coalesces)

29.19 Interrogante: Allora il buco nero sarebbe un punto … ho ragione nel dire che sarebbe un punto in cui il materiale ambientale ha avuto successo nell’unirsi con l’unità o il Creatore? È corretto?

Ra: Io sono Ra. Il buco nero che manifesta la terza densità è la manifestazione fisica complessa di questo stato metafisico o spirituale. Questo è corretto.

29.20 Interrogante: Grazie. Allora quando il nostro pianeta Terra entrerà completamente in quarta densità, ci sarà una gravità maggiore?

Ra: Io sono Ra. Ci sarà una maggiore gravità spirituale, che quindi causa un’illusione più densa.

29.21 Interrogante: Questa illusione più densa allora presumerò aumenterebbe l’accelerazione gravitazionale al di sopra dei 32,2 piedi al secondo quadrato misurati che ora sperimentiamo? È corretto?

Ra: Io sono Ra. Le vostre entità non hanno la strumentazione per misurare la gravità spirituale ma solo per osservare alcune delle sue manifestazioni estreme.

29.22 Interrogante: Questo lo so, che non possiamo misurare la gravità spirituale, ma mi stavo solo chiedendo se l’effetto fisico sarebbe misurabile come un aumento della costante gravitazionale? Questa era la mia domanda.

Ra: Io sono Ra. L’aumento misurabile dalla strumentazione esistente sarebbe e sarà solo statistico in natura e non significativo.

29.23 Interrogante: OK. Ora, quando la creazione si forma, mentre gli atomi si formano dalle rotazioni della vibrazione che è la luce, a volte si fondono in una certa maniera. Trovano distanze, distanze interatomiche l’uno dall’altro a una distanza precisa e producono una struttura reticolare che chiamiamo cristallina. Immagino che per via della formazione dall’energia intelligente della precisa struttura cristallina, che sia possibile con qualche tecnica attingere energia intelligente e portarla nell’illusione fisica lavorando sulla struttura cristallina. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Ciò è corretto solo per quanto la struttura fisica cristallina è caricata da un complesso mente/corpo/spirito corrispondentemente cristallizzato o regolarizzato o bilanciato.

29.24 Interrogante: Non voglio “scendere su” argomenti di nessuna importanza o argomenti che non ci portano a una migliore comprensione del nostro meccanismo di crescita, che ci portano a cose che sono transitorie, ma a volte è difficile vedere precisamente in quale direzione andare. Vorrei indagare un po ‘di più su questa idea dei cristalli e su come vengono utilizzati. Presumo che, da quello che hai detto per usare il cristallo per attingere energia intelligente, è necessario avere un complesso mente/corpo/spirito parzialmente non distorto. È ciò sufficiente o hai bisogno di … È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è specificamente corretto.

29.25 Interrogante: Deve esserci un punto in cui la rimozione della distorsione raggiunge un minimo per l’utilizzo del cristallo per attingere all’energia intelligente. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Ciò è corretto solo se si comprende, per così dire, che ogni complesso mente/corpo/spirito ha un peculiare tale punto.

29.26 Interrogante: Puoi dirmi perché ogni complesso mente/corpo/spirito ha questo peculiare punto di eliminazione delle distorsioni?

Ra: Io sono Ra. Ogni complesso mente/corpo/spirito è una peculiare porzione dell’Uno Creatore.

29.27 Interrogante: Quindi stai dicendo che non esiste un singolo livello di, diciamo, purezza richiesto per attingere energia intelligente attraverso i cristalli, ma può esserci un’ampia variazione nella quantità di distorsione che un’entità può avere, ma ogni entità deve raggiungere il suo peculiare punto di ciò che potrei chiamare “stimolare la capacità”. È giusto?

Ra: Io sono Ra. Questo è incorretto. La necessità per il complesso mente/corpo/spirito è di avere un certo equilibrio, questo equilibrio lo abilita così a raggiungere un determinato livello di mancanza di distorsione. Le difficoltà critiche sono uniche per ogni complesso mente/corpo/spirito a causa delle distillazioni esperienziali che complessivamente sono, per così dire, l’essenza dei raggi viola di ciascuna di queste entità.

Questo equilibrio è ciò che è necessario per il lavoro da fare nella ricerca del portale verso l’infinito intelligente attraverso l’uso di cristalli o attraverso qualsiasi altro uso. Non esistono due nature cristallizzate mente/corpo/spirito che siano le stesse. I requisiti di distorsione, vibrazionalmente parlando, sono determinati.

29.28 Interrogante: Capisco. Quindi, se sei in grado di leggere il raggio viola di un’entità, di vedere quel raggio, è possibile allora determinare immediatamente se l’entità potrebbe usare i cristalli per attingere energia intelligente?

Ra: Io sono Ra. È possibile per uno di quinta densità o superiore, fare questo.

29.29 Interrogante: È possibile per te dirmi come un cristallo viene usato da un’entità che ha raggiunto in modo soddisfacente la necessaria qualificazione per i raggi viola, voglio dire; come è possibile per l’entità usare il cristallo o come dovrebbe usare il cristallo?

Ra: Io sono Ra. Il portale verso l’infinito intelligente nasce, diciamo, dalla vibrazione simpatica in uno stato equilibrato che accompagna la volontà di servire, la volontà di cercare.

29.30 Interrogante: Ma puoi dirmi esattamente cosa farebbe l’entità con il cristallo per usarlo allo scopo di cercare l’infinito intelligente?

Ra: Io sono Ra. L’uso del cristallo nella manifestazione fisica è quell’uso in cui l’entità di natura cristallina carica il cristallo fisico regolarizzato con questa ricerca, abilitandolo così a vibrare armonicamente e a divenire anche il catalizzatore o la porta per mezzo della quale l’infinito intelligente può così diventare energia intelligente, questo cristallo svolge la funzione di analogo del raggio viola del mente/corpo/spirito in una relativamente non-distorta forma.

29.31 Interrogante: È possibile che tu ci istruisca in usi specifici dei cristalli?

Ra: Io sono Ra. È possibile. Ci sono, consideriamo, cose che non è efficace vi diciamo a causa di una possibile violazione del vostro libero arbitrio. Entità della Confederazione hanno errato in ciò nel passato. Gli usi del cristallo, come sapete, includono gli usi per la guarigione, per l’energia e persino per lo sviluppo delle forme di vita. Sentiamo che non sia saggio offrire istruzione in questo momento poiché i vostri popoli hanno mostrato la tendenza a usare fonti di energia pacifiche per ragioni disarmoniche.

29.32 Interrogante: Immagino a cosa faremmo meglio ad arrivare allora, ora che abbiamo tracciato il percorso della creazione almeno fino alla struttura cristallina, faremmo meglio a concentrarci sull’evoluzione del pensiero e sul suo percorso di ricerca all’infinito intelligente. Abbiamo creato, nella galassia maggiore del Logos, un numero molto elevato di pianeti. Man mano che questi pianeti si sviluppano, è possibile che tu mi dia un esempio di vari sviluppi planetari in quello che chiamerei un senso metafisico che ha a che fare con lo sviluppo della coscienza e delle sue polarità in tutta la galassia? In altre parole, credo che alcuni di questi pianeti si sviluppino abbastanza rapidamente in pianeti di densità più elevata e alcuni impieghino tempi più lunghi. Puoi darmi un’idea di quello sviluppo?

Ra: Io sono Ra. Questa sarà l’ultima domanda completa di questa sessione.

Il particolare Logos della vostra galassia maggiore ha utilizzato gran parte del Suo materiale fuso* per rispecchiare l’essere** del Creatore. In questo modo c’è molto del vostro sistema galattico che non ha la progressione di cui parli ma dimora spiritualmente come una parte del Logos. Di quelle entità su cui la coscienza risiede vi è, come ipotizzi, una varietà di periodi di tempo/spazio durante i quali le densità superiori dell’esperienza vengono conseguite dalla coscienza. Questo soddisfa i requisiti della tua domanda? *(coalesced) **(beingness)

29.33 Interrogante: Lo studierò e forse domani avrò qualcosa poiché non voglio sovraffaticare lo strumento. Lo strumento aveva una domanda se hai tempo per una domanda breve, e la leggerò. Lo strumento non desidera svolgere lavoro di guarigione fisica. Esegue già equilibratura spirituale mediante le mani. Può leggere il materiale privato sulla guarigione senza eseguire cure fisiche? Suppongo che lei intenda leggerlo senza creare problemi nel suo modello di vita? Non desidera incorrere in una diminuzione della polarità positiva. Può leggere questo materiale a tali condizioni?

Ra: Io sono Ra. Parleremo brevemente a causa del fatto che stiamo tentando di conservare le energie vitali di questo strumento durante il periodo di tre mesi di cui abbiamo parlato.

Questa entità ha una storia esperienziale di guarigione a livelli diversi dal cosiddetto fisico. Quindi è accettabile che questo materiale sia letto. Tuttavia, l’esercizio del fuoco non deve mai essere praticato da questo strumento poiché viene utilizzato nella forma più forte per la guarigione fisica.

C’è qualche breve domanda prima di chiudere?

29.34 Interrogante: C’è qualcosa che possiamo fare per rendere lo strumento più confortevole o migliorare il contatto?

Ra: Io sono Ra. Siete coscienziosi. L’entità è ben allineata.

Sono Ra. Vi lascio ora nell’amore e nella luce dell’Uno Infinito Creatore. Andate avanti, quindi, rallegrandovi nel potere e nella pace dell’Uno Infinito Creatore. Adonai.

SESSIONE 30

24 febbraio 1981

30.0 Ra: Io sono Ra. Vi saluto nell’amore e nella luce dell’Uno Infinito Creatore. Comunichiamo adesso.

30.1 Interrogante: Farò una dichiarazione e poi ti permetterò di correggerla se ho fatto degli errori. Questa è l’affermazione: la creazione è una singola entità o unità. Se esiste solo una singola entità, allora l’unico concetto di servizio è il servizio al sé. Se questa singola entità si suddivide, in quel momento nasce il concetto di servizio di una delle sue parti all’altra parte. Da questo concetto scaturisce l’uguaglianza di servizio a se stessi o agli altri. Sembrerebbe che mentre il Logos si suddivide, le parti sceglierebbero ciascun orientamento. Quando le entità individualizzate emergono nello spazio/tempo, presumo che abbiano polarità. Questa affermazione è corretta?

Ra: Io sono Ra. Questa affermazione è abbastanza percettiva e corretta fino alla frase finale in cui annotiamo che le polarità iniziano ad essere esplorate solo nel punto in cui un’entità di terza densità diventa consapevole della possibilità di scelta tra il concetto o distorsione del servizio al sé o del servizio agli altri. Questo segna la fine di quella che potresti chiamare la fase spontanea* o innocente della consapevolezza cosciente. *(unselfconscious)

30.2 Interrogante: Grazie. Definiresti mente, corpo e spirito separatamente?

Ra: Io sono Ra. Questi termini sono tutti termini descrittivi semplicistici che eguagliano un complesso di focalizzazioni di energia; il corpo, come lo chiamate, è il materiale della densità che sperimentate in un dato spazio/tempo o tempo/spazio; questo complesso di materiali è disponibile per le distorsioni di ciò che chiamereste manifestazione fisica.

La mente è un complesso che rispecchia gli afflussi^ dello spirito e gli efflussi* del complesso del corpo. Contiene ciò che conoscete come sensazioni, emozioni e pensieri intellettuali, nelle sue complessità più consapevoli. Spostandoci più in basso nell’albero della mente, vediamo l’intuizione che è della natura della mente più in contatto o in sintonia con il complesso di esistenza totale**. Scendendo alle radici della mente troviamo la progressione della coscienza che gradualmente si trasforma dalla memoria personale a quella razziale, agli influssi cosmici, e diventa così un contattatore diretto di quella navetta che chiamiamo complesso dello spirito.

Questo complesso dello spirito è il canale per cui gli afflussi^ da tutti i vari afflussi^ universali, planetari e personali possono essere incanalati nelle radici della coscienza e con cui la coscienza può essere incanalata verso il portale dell’infinito intelligente attraverso l’energia intelligente bilanciata di corpo e di mente.

Vedrai da questa serie di definitive affermazioni che mente, corpo e spirito sono inestricabilmente intrecciati e non possono persistere, l’uno senza l’altro. Quindi ci riferiamo al complesso mente/corpo/spirito piuttosto che tentare di trattarli separatamente, poiché il lavoro, diciamo, che fate durante le vostre esperienze viene svolto attraverso l’interazione di queste tre componenti, non attraverso una qualunque di esse.

^(inpourings) *(up-pourings) **(total beingness complex)

30.3 Interrogante: Alla nostra dipartita fisica, come la chiamiamo, da questa particolare densità e questa particolare esperienza incarnativa, noi perdiamo questo corpo chimico. Immediatamente dopo la perdita di questo corpo chimico, manteniamo un diverso tipo di corpo? C’è ancora un complesso mente/corpo/spirito a quel punto?

Ra: Io sono Ra. Questo è corretto. Il complesso mente/corpo/spirito è del tutto intatto; il complesso del corpo fisico che ora associate al termine corpo è soltanto la manifestazione di un più denso e intelligentemente informato e potente complesso del corpo.

30.4 Intervistatore: C’è qualche perdita nella mente o nello spirito dopo questa transizione che chiamiamo morte o qualche indebolimento di entrambi a causa della perdita di questo corpo chimico che abbiamo ora?

Ra: Io sono Ra. Nei vostri termini c’è una grande perdita del complesso della mente dovuta al fatto che gran parte dell’attività di natura mentale di cui siete consapevoli durante l’esperienza di questo continuum spazio/temporale è così tanto di un’illusione superficiale quanto lo è il complesso del corpo chimico.

In altri termini, nulla di importante è perso; il carattere o, diciamo, pura distillazione di emozioni e pregiudizi o distorsioni e saggezze, se vuoi, diviene evidente per la prima volta, diciamo; queste pure emozioni, saggezze e pregiudizi/distorsioni sono, per la maggior parte, ignorate o sottovalutate durante l’esperienza di vita fisica.

In termini di spirituale, questo canale è quindi molto aperto a causa della mancanza di necessità dell’oblio caratteristico della terza densità.

30.5 Interrogante: Vorrei sapere come si originano i complessi mente/corpo/spirito. In che modo, tornando indietro quanto necessario, il … Hanno origine dallo spirito che forma la mente e dalla mente che forma il corpo? Puoi dirmi questo?

Ra: Io sono Ra. Ti chiediamo di considerare che stai tentando di indagare l’evoluzione. Questa evoluzione è come l’abbiamo descritta in precedenza, essendo la coscienza innanzitutto, nella prima densità, senza movimento, una cosa casuale. Che voi possiate chiamare questo complesso, della mente o del corpo, è un problema semantico. Lo chiamiamo complesso mente/corpo riconoscendo sempre che nello iota più semplice di questo complesso esiste nella sua interezza l’Uno Infinito Creatore; questo complesso mente/corpo poi, in seconda densità, scopre la crescita e la svolta verso la luce, risvegliando così quello che potreste chiamare il complesso dello spirito, ciò che intensifica il movimento a spirale ascendente verso l’amore e la luce dell’Infinito Creatore.

L’aggiunta di questo complesso spirituale, sebbene apparente piuttosto che effettiva, essendo esistito potenzialmente sin dall’inizio dello spazio/tempo, si perfeziona con la laurea in terza densità. Quando il complesso mente/corpo/spirito diviene consapevole della possibilità di servizio al se o all’altro-sé, allora il complesso mente/corpo/spirito è attivato.

30.6 Interrogante: Grazie. Non desidero rivedere informazioni che abbiamo trattato prima, ma a volte è utile riaffermare questi concetti per maggiore chiarezza poiché le parole sono uno strumento mediocre per ciò che facciamo.

Proprio come “punto di passaggio”, mi chiedevo, in… su questo pianeta nel corso della seconda densità credo che ci fosse insediamento nello stesso tempo/spazio di entità bipedi e di ciò che chiamiamo dinosauri. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è corretto.

30.7 Interrogante: Questi due tipi di entità sembrano essere incompatibili, potresti dire, tra di loro. Non lo so. Puoi dirmi il motivo per cui entrambi i tipi di entità abitano lo stesso spazio/tempo?

Ra: Io sono Ra. Considera il funzionamento del libero arbitrio applicato all’evoluzione. Ci sono sentieri che il complesso mente/corpo segue nel tentativo di sopravvivere, di riprodursi e di cercare a modo suo ciò che è percepito inconsciamente come potenziale di crescita; queste due arene o cammini di sviluppo sono due tra le tante.

30.8 Interrogante: Capisco. Un telegiornale che ho visto un paio di settimane fa ha sollevato la questione del perché i dinosauri siano scomparsi, si potrebbe dire, dal nostro pianeta all’improvviso. So che questo è poco importante, ma mi chiedevo solo quale fosse il motivo.

Ra: Io sono Ra. Queste entità non potevano nutrire i loro complessi del corpo.

30.9 Interrogante: Ora, nella seconda densità ha origine per la prima volta il concetto di riproduzione bisessuale. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è corretto.

30.10 Interrogante: Puoi spiegarmi la filosofia alla base di questo meccanismo di propagazione del complesso corporeo?

Ra: Io sono Ra. La seconda densità è quella in cui vengono gettate le basi per il lavoro di terza densità. In questo modo si può vedere che i meccanismi di base della riproduzione capitolano in un vasto potenziale in terza densità per il servizio all’altro-sé e al sé; essendo questo non solo per le funzioni di trasferimento di energia ma anche [per] vari servizi svolti a causa dello stretto contatto di coloro che sono, diciamo, attratti magneticamente l’uno dall’altro; queste entità hanno così l’opportunità di molti tipi di servizio che sarebbero non disponibili per l’entità autosufficiente.

30.11 Interrogante: La ragione di base, la ragione originale per questo, è stata quindi di incrementare le opportunità per l’esperienza dell’Uno Creatore? È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo non è solo meramente corretto, ma è la chiave per ciò che si verifica in tutte le densità.

30.12 Interrogante: Il processo di riproduzione bisessuale o la sua filosofia giocano un ruolo nella crescita spirituale delle entità di seconda densità?

Ra: Io sono Ra. In casi isolati ciò è così grazie a percezioni efficienti da parte di entità o specie. Per la maggior parte, di gran lunga, questo non è il caso della seconda densità, i potenziali spirituali sono quelli della terza densità.

30.13 Interrogante: Mi chiedevo se il gatto maschio, Gandalf, abbia beneficiato di quel meccanismo in qualche modo o di altri meccanismi per aumentare il potenziale spirituale o la comprensione.

Ra: Io sono Ra. Esaminiamo queste informazioni e le troviamo innocue. L’entità di seconda densità, vibrazione sonora Gandalf, è un raro campione della sua specie primariamente grazie ad una precedente individualizzazione, in secondo luogo grazie ad una grande quantità di investimenti in questa particolare esperienza di vita. Questo è il più grande catalizzatore nel progresso di questa entità. È molto inconsueto, come abbiamo detto. Tuttavia, le esperienze di riproduzione bisessuale che erano della natura dell’entità Gandalf erano in minima parte di beneficio spirituale grazie ad una inusuale relazione con un’altra entità, anche questa ciò che chiamate un gatto. Questa entità è anche di un inusuale orientamento di terza densità o investimento proveniente da precedenti esperienze di vita. Così la formazione di ciò che potrebbe essere visto per essere riconoscibilmente amore esisteva in questa relazione.

30.14 Interrogante: Grazie. Potete fornirmi una breve storia dei principi metafisici dell’evoluzione di ciascuno dei nostri pianeti attorno al sole e della loro funzione riguardo all’evoluzione degli esseri?

Ra: Io sono Ra. Vi daremo una descrizione metafisica solo di quei pianeti sui quali i complessi mente/corpo/spirito individuali sono stati, sono o saranno sperimentati. Puoi comprendere le altre sfere per essere una parte del Logos.

Prendiamo quella nota come Venere. Questa sfera planetaria fu una di rapida evoluzione. È la nostra terra nativa e la rapidità [del progresso dei] complessi mente/corpo/spirito sulla sua superficie fu dovuta all’interazione armoniosa.

Sull’entità a te nota come Marte, come hai già discusso, questa entità è stata fermata a metà della terza densità, essendo così incapace a continuare nella progressione a causa della mancanza di condizioni ospitali sulla superficie. Questo pianeta sarà sottoposto a guarigione per alcuni dei vostri millenni spazio/tempo.

Il pianeta su cui dimori ha una storia metafisica da te ben conosciuta e puoi chiedere circa questo se lo desideri. Tuttavia, abbiamo parlato ampiamente su questo argomento.

Il pianeta noto come Saturno ha una grande affinità con l’intelligenza infinita e quindi è stato abitato nei suoi campi magnetici di tempo/spazio da coloro che desiderano proteggere il vostro sistema.

L’entità planetaria a voi nota come Urano si sta muovendo lentamente attraverso la prima densità e ha il potenziale di muoversi attraverso tutte le densità.

30.15 Interrogante: Grazie. Mi chiedevo se qualcuno degli altri pianeti avesse un’evoluzione metafisica. Hai affermato ieri che gran parte di questo sistema galattico maggiore dimora spiritualmente come parte del Logos. Con questo intendi dire che più vicino al centro di questo sistema galattico maggiore, lì le stelle non hanno sistemi planetari? È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è incorretto. Il Logos ha distribuito sé stesso in ogni parte del vostro sistema galattico. Tuttavia, il continua (continuum) spazio/temporale di alcuni dei vostri sistemi solari più centrali è molto più avanzato.

30.16 Interrogante: Bene, allora, potresti generalmente dire che man mano che ti avvicini al centro di questo sistema galattico maggiore c’è una maggiore densità spirituale, userò il termine, o che questa generale qualità spirituale è avanzata in quell’area?

Ra: Io sono Ra. Questa sarà l’ultima domanda completa di questa sessione poiché questo strumento è alquanto a disagio. Non desideriamo esaurire lo strumento.

La densità spirituale o massa spirituale di quelli che si trovano maggiormente in direzione del centro della vostra galassia è nota. Tuttavia, ciò è dovuto semplicemente ai molteplici stati di atemporalità durante i quali le sfere planetarie possono fondersi*, questo processo di inizio dello spazio/tempo si verifica precocemente, diciamo, quanto più ci si avvicina al centro della spirale galattica. Diamo il benvenuto a qualsiasi breve [fine del nastro]… *(coalesce)

30.17 Intervistatore: Lo strumento vorrebbe sapere se potresti dirle se questo oggetto chiamato polarizzatore di Sam Millar aiuterebbe o meno il suo benessere fisico. Puoi farlo?

Ra: Io sono Ra. Mentre scansioniamo lo strumento troviamo anomalie del campo magnetico che sono distorte verso le nostre possibilità di trovare canali a banda stretta nel complesso mente/corpo/spirito di questo strumento. Il polarizzatore di cui parli, così com’è, non sarebbe utile. Un’attenta lettura dell’aura di questo strumento da parte di coloro che sono dotati in quest’area, e le susseguenti alterazioni delle forze magnetizzanti di questo polarizzatore, aiuterebbero l’entità, Sam, nel creare un polarizzatore tale che sarebbe di qualche aiuto allo strumento. Tuttavia, suggeriamo di non portare in queste sessioni alcuna apparecchiatura elettrica o magnetica se non è necessaria per la registrazione delle nostre parole, poiché non desideriamo distorsioni che non siano necessarie.

30.18 Interrogante: Grazie. C’è qualcosa che possiamo fare per rendere lo strumento più comodo o per migliorare il contatto?

Ra: Questo strumento è ben bilanciato e il contatto è come dovrebbe essere. Questo strumento presenta alcune difficoltà da una distorsione che chiamereste spasmo muscolare, rendendo così scomoda la posizione immobile. Quindi lasciamo lo strumento.

Sono Ra. State andando bene, amici miei. Vi lascio nell’amore e nella luce dell’Uno Infinito Creatore. Avanti, quindi, rallegrandovi nel potere e nella pace dell’Uno Creatore. Adonai.

SESSIONE 31

25 febbraio 1981

31.0 Ra: Io sono Ra. Vi saluto nell’amore e nella luce dell’Uno Infinito Creatore. Comunichiamo adesso.

31.1 Interrogante: Vorrei fare una domanda prima per lo strumento stesso. Chiede di sapere se sarebbe consigliabile per lei passeggiare da sola ora che si sente meglio.

Ra: Io sono Ra. Questo è accettabile.

31.2 Interrogante: OK. Quello che farò è utilizzare le informazioni che abbiamo prodotto alla fine del libro precedente che hai suggerito sarebbero state più appropriate per del materiale più avanzato. A questo punto lo inseriremo nel libro, perché stiamo parlando di riproduzione bisessuale, e vorrei espandere un po’ questo materiale per ottenere alcune definizioni e una migliore comprensione. In questo materiale parli del trasferimento di energia sessuale. Potresti definire quel trasferimento di energia ed spiegare il suo significato, per favore?

Ra: Io sono Ra. Il trasferimento di energia implica il rilascio di energie potenziali attraverso, diciamo, uno spazio potenziato. I trasferimenti di energia sessuale avvengono a causa delle polarizzazioni di due complessi mente/corpo/spirito, ognuno dei quali ha una differenza potenziale l’uno all’altro. La natura del trasferimento di energia o del bloccaggio di questa energia è quindi una funzione dell’interazione di questi due potenziali. Nei casi in cui avviene il trasferimento, potresti paragonare questo a un circuito chiuso. Puoi anche vedere questa attività, come tutte le attività esperienziali, come il Creatore che sperimenta Se stesso.

31.3 Interrogante: Questo sarebbe quindi il meccanismo primario per il Creatore di sperimentare il Sé?

Ra: Io sono Ra. Questo non è un termine corretto. Forse l’aggettivo sarebbe “un appropriato” modo del Creatore che conosce Se stesso, perché in ogni interazione, non importa quale sia la distorsione, il Creatore sta sperimentando Se stesso. La conoscenza bisessuale del Creatore di Sé stesso ha il potenziale per due vantaggi.

In primo luogo, nell’essere attivato dal raggio verde c’è il potenziale per un diretto e semplice analogo di ciò che potreste chiamare gioia, la spirituale o metafisica natura che esiste nell’energia intelligente. Questo è un grande aiuto per la comprensione di una più vera natura dell’esistenza. L’altro potenziale vantaggio degli atti riproduttivi bisessuali è la possibilità di una comprensione o connessione sacramentale, diciamo, con la porta verso l’infinito intelligente, poiché con un’adeguata preparazione, si può lavorare in ciò che si può chiamare magia e si possono avere esperienze di infinito intelligente. Gli individui orientati positivamente che si concentrano su questo metodo per raggiungere l’infinito intelligente, quindi, attraverso la ricerca o l’atto di volontà, sono in grado di dirigere questa intelligenza infinita al lavoro che queste entità desiderano fare, sia che si tratti di informazioni di servizio o capacità di guarire o qualunque servizio agli altri si desideri.

Questi sono due vantaggi di questo particolare metodo del Creatore sperimentante Se stesso. Come abbiamo detto prima, il corollario della forza di questo particolare trasferimento di energia è che apre la porta, per così dire, al desiderio dei singoli complessi mente/corpo/spirito di servire in un numero infinito di modi un altro-sé, polarizzandosi così verso il positivo.

31.4 Interrogante: Puoi sviluppare un po’ il concetto che questa azione non solo consente al Creatore di conoscere meglio Se stesso, ma crea anche, nella nostra densità, un rampollo ovvero rende disponibile il percorso ad un’altra entità per entrare nella densità?

Ra: Io sono Ra. Come abbiamo detto in precedenza, i trasferimenti di energia sessuale includono il trasferimento del raggio rosso che è casuale e che è una funzione del tentativo di seconda densità di aumentare, per sopravvivere, diciamo. Questa è una funzione propria dell’interazione sessuale. Il rampollo, come chiamate l’entità incarnata che coglie l’opportunità del complesso mente/corpo offerta da questo atto o evento casuale chiamato fecondazione dell’uovo dal seme, causa che un’entità abbia l’opportunità in tal caso di entrare in questa densità come un’entità incarnata.

Questo fornisce ai due che erano impegnati in questo trasferimento di energia riproduttiva bisessuale il potenziale per un grande servizio in quest’area della crescita dell’entità con poca esperienza man mano che essa acquisisce esperienza.

È di interesse a questo punto notare che c’è sempre la possibilità di usare queste opportunità per polarizzarsi verso il negativo, e questo è stato aiutato dal graduale sviluppo nel corso di molte migliaia dei vostri anni di distorsioni del complesso sociale che creano una tendenza verso la confusione, diciamo, o lo sconcerto* dell’aspetto del servizio-agli-altri di questo trasferimento di energia e delle susseguenti opportunità di servizio agli altri. *(baffling)

31.5 Interrogante: Se un trasferimento di energia sessuale si verifica nel raggio verde – e in questo caso presumo che non vi sia alcun trasferimento di energia del raggio rosso – significa che è impossibile allora che questo particolare trasferimento includa la fecondazione e la nascita di un’entità?

Ra: Io sono Ra. Questo è incorretto. C’è sempre il trasferimento di energia del raggio rosso a causa della natura del complesso del corpo. Il risultato casuale di questo trasferimento di energia “sarà come sarà”, in funzione della possibilità di fecondazione in un dato momento in una data coppia di entità. Il trasferimento di energia del raggio verde avviene a causa della velocità vibratoria di ciascuna entità che sia non distorta in alcun senso vitale dalle energie dei raggi gialli o arancioni; così il dono, diciamo, viene dato gratuitamente, senza che venga richiesto alcun pagamento né al corpo, né alla mente, né allo spirito. Il raggio verde è quello della completa universalità dell’amore. Questo è un dare senza aspettativa di ritorno.

31.6 Interrogante: Mi chiedevo se ci fosse qualche principio dietro al fatto che un’unione sessuale non porta necessariamente alla fecondazione. Non mi interessano i principi chimici o fisici di questo. Mi interessa sapere se c’è o meno qualche principio metafisico che porta la coppia ad avere un figlio o no, o è puramente casuale?

Ra: Io sono Ra. Questo è casuale entro certi limiti. Se un’entità ha raggiunto l’anzianità con cui sceglie la struttura di base dell’esperienza di vita, questa entità può così scegliere di incarnarsi in un complesso fisico che non è in grado di riproduzione. Troviamo così alcune entità che hanno scelto di non essere fertili. Altre entità, attraverso il libero arbitrio, si avvalgono di diversi dispositivi per assicurare la non-fertilità. Ad eccezione di queste condizioni, la condizione è casuale.

31.7 Interrogante: Grazie. Nel materiale precedente hai menzionato “attrazione magnetica”. Potresti definire ed espandere quel termine?

Ra: Io sono Ra. Abbiamo usato il termine per indicare che nelle vostre nature bisessuali c’è ciò che è di polarità. Questa polarità può essere vista come variabile conformemente alla, diciamo, polarizzazione maschio/femmina di ciascuna entità, essere ciascuna entità biologicamente maschio o femmina. Quindi puoi vedere il magnetismo quando due entità con l’equilibrio appropriato, polarità maschio/femmina versus femmina/maschio, si incontrano e sentono così l’attrazione che le forze polarizzate eserciteranno, l’una sull’altra.

Questa è la forza del meccanismo bisessuale. Non ci vuole un atto di volontà per decidere di provare attrazione per uno che è sessualmente polarizzato in modo opposto. Accadrà in un senso inevitabile che dà al libero flusso di energia una “strada” adeguata, diciamo così. Questa strada può essere bloccata da una distorsione verso un credo/condizione che dichiara all’entità che questa attrazione non è desiderata.

Tuttavia, il meccanismo di base funziona semplicemente come farebbero, diciamo, il magnete e il ferro.

31.8 Interrogante: Abbiamo quello che sembra essere un numero crescente di entità incarnate qui ora che hanno quello che viene chiamato un orientamento omosessuale a questo riguardo. Potresti spiegare ed espandere questo concetto?

Ra: Io sono Ra. Le entità di questa condizione sperimentano una grande quantità di distorsione a causa del fatto che hanno sperimentato molte incarnazioni come maschio biologico e come femmina biologica. Questo non indicherebbe ciò che chiamate omosessualità in una fase attiva se non fosse per la difficile condizione vibratoria della vostra sfera planetaria. C’è quella che potreste chiamare una grande violazione dell’aura presso le vostre affollate aree urbane nelle vostre nazioni più popolose, come chiamate porzioni della vostra superficie planetaria. In queste condizioni i disorientamenti si verificheranno.

31.9 Interrogante: Perché la densità di popolazione crea questi disorientamenti?

Ra: Io sono Ra. L’urgenza riproduttiva bisessuale ha come scopo non solo la semplice funzione riproduttiva, ma soprattutto il desiderio di servire gli altri che è risvegliato da questa attività.

In una situazione sovraffollata in cui ogni complesso mente/corpo/spirito è sotto un costante bombardamento da parte degli altri-sé, è comprensibile che coloro che sono particolarmente sensibili non sentano il desiderio di essere di servizio-agli-altri. Ciò aumenterebbe anche la probabilità di una mancanza di desiderio o di un blocco dell’energia riproduttiva dei raggi rossi.

In una atmosfera poco affollata questa stessa entità, attraverso lo stimolo di provare solitudine al riguardo, avrebbe poi molto più desiderio di cercare qualcuno a cui possa essere di servizio, regolarizzando così la funzione riproduttiva sessuale.

31.10 Interrogante: Approssimativamente quante precedenti incarnazioni, diciamo, un’entità maschile in questa incarnazione ha dovuto avere avuto in passato come femmina per avere un orientamento estremamente omosessuale in questa incarnazione? Solo approssimativamente.

Ra: Io sono Ra. Se un’entità ha avuto approssimativamente il 65% delle sue incarnazioni nel complesso corporeo sessuale/biologico di polarità opposta al suo attuale complesso corporeo, questa entità è vulnerabile alla violazione dell’aura delle vostre aree urbane e può forse diventare di quella che chiamate una natura omosessuale .

È da notare in questa circostanza che sebbene sia molto più difficile, è possibile in questo tipo di associazione per un’entità di essere di grande servizio ad un’altra in fedele e sincero amore del raggio verde di una natura non sessuale, regolando o diminuendo così le distorsioni del suo malfunzionamento sessuale.

31.11 Intervistatore: Timothy Leary, facendo una ricerca, ha scritto che al momento della pubertà, e fino a quel momento, c’è un’impronta che si verifica sulla codifica del DNA di un’entità e che, ad esempio, le inclinazioni sessuali sono impresse a causa delle prime esperienze sessuali o alcune delle prime esperienze sessuali dell’entità. Succede davvero qualcosa del genere?

Ra: Io sono Ra. Questo è parzialmente corretto. A causa della natura delle esperienze sessuali solitarie, nella maggior parte dei casi è improbabile che ciò che chiamate masturbazione abbia un effetto di imprinting sulle esperienze successive.

Questo è altrettanto vero con alcuni degli incontri che potrebbero essere visti come omosessuali fra quelli di questa fascia di età. Questi sono sovente, invece, innocenti esercitazioni di curiosità.

Tuttavia, è abbastanza accurato che la prima esperienza in cui il complesso mente/corpo/spirito è intensamente coinvolto imprimerà davvero nell’entità, per quell’esperienza di vita, una serie di preferenze.

31.12 Interrogante: Il gruppo di Orione utilizza questo, diciamo, come una porta per imprimere sulle entità, diciamo, preferenze che potrebbero creare polarizzazione negativa?

Ra: Io sono Ra. Proprio come noi della Confederazione tentiamo di illuminare con il nostro amore e la nostra luce ogni volta che ne viene data l’opportunità, comprese le opportunità sessuali, così il gruppo di Orione utilizzerà un’opportunità se è orientata negativamente o se l’individuo è orientato negativamente.

31.13 Interrogante: C’è qualche inclinazione emotiva che non ha nulla a che fare con la polarità sessuale maschile/femminile che può creare un aumento di energia sessuale in un’entità?

Ra: Io sono Ra. È estremamente improbabile che la crescita graduale di energia sessuale avvenga senza inclinazioni sessuali da parte dell’entità. Forse non abbiamo capito la tua domanda, ma sembra ovvio che ci vorrebbe un’entità con il potenziale per l’attività sessuale per sperimentare un aumento di energia sessuale.

31.14 Interrogante: Stavo pensando di più alla possibilità che il gruppo di Orione abbia influenzato, diciamo, alcuni membri del Terzo Reich i quali ho letto rapporti di gratificazione sessuale dall’osservazione, in alcuni casi, di esposizione al gas e uccisione di entità nelle camere a gas.

Ra: Io sono Ra. Ripeteremo che queste entità avevano il potenziale per la crescita graduale di energia sessuale. La scelta dello stimolo è sicuramente la scelta dell’entità. Nel caso di cui parli, queste entità erano fortemente polarizzate nel raggio arancione, incontrando così il bloccaggio energetico del potere sugli altri, essendo il mettere a morte l’estremo potere sugli altri; questo viene poi espresso in maniera sessuale, sebbene solitaria.

In questo caso il desiderio continuerebbe ininterrotto e sarebbe praticamente inesauribile.

Scoprirai, se osservi l’intero spettro delle pratiche sessuali tra i vostri popoli, che ci sono quelli che provano tale gratificazione dalla dominazione sugli altri, sia dallo stupro che da altri mezzi di dominazione. In ciascun caso questo è un esempio di blocco energetico che è sessuale nella sua natura.

31.15 Interrogante: Il gruppo di Orione sarebbe, in tal caso, in grado, diciamo, di imprimere sulle entità questo effetto del raggio arancione, o lo hanno fatto … È questo il modo in cui è avvenuto, è quello a cui sto cercando di arrivare. È così che sono venuti fuori questi concetti su questo pianeta? Perché se torniamo all’inizio della terza densità, ci deve essere una causa originaria di questo.

Ra: Io sono Ra. La causa di ciò non è Orione. È la libera scelta dei vostri popoli. Questo è alquanto difficile da spiegare. Ci proveremo.

I trasferimenti di energia sessuale e i blocchi sono più una manifestazione o un esempio di ciò che è più fondamentale rispetto al contrario. Pertanto, quando i vostri popoli si sono aperti ai concetti di bellicosità e avidità di proprietà, queste varie distorsioni hanno iniziato a filtrare giù attraverso l’albero della mente in espressioni del complesso del corpo, l’espressione sessuale essendo fondamentale in quel complesso. Quindi questi blocchi dell’energia sessuale, anche se influenzati e intensificati da Orione, sono fondamentalmente il prodotto dell’esistenza* scelta liberamente dai vostri popoli. *(beingness)

Questa sarà l’ultima domanda a meno che non possiamo parlare ulteriormente di questa domanda per chiarire o rispondere a brevi domande prima di chiudere.

31.16 Interrogante: Ho solo bisogno di sapere se questo opera poi attraverso la memoria razziale per infettare l’intera popolazione in qualche modo. Succede quel genere di cosa?

Ra: Io sono Ra. La memoria razziale contiene tutto ciò che è stato sperimentato. Quindi c’è una certa, diciamo, contaminazione anche del sessuale, questo si manifesta principalmente nella vostra cultura come le svariate predisposizioni a relazioni antagonistiche, o, come li chiamate voi, i matrimoni, piuttosto che il libero darsi l’uno all’altro nell’amore e la luce dell’Infinito Creatore.

31.17 Interrogante: Questo era precisamente il punto che stavo cercando di sottolineare. Grazie mille. Per non stancare lo strumento, mi limiterò a chiedere, quindi, se c’è qualcosa che possiamo fare per rendere lo strumento più confortevole o per migliorare il contatto?

Ra: Io sono Ra. Tieni presente che questo strumento è piuttosto affaticato. Il canale è molto chiaro. Tuttavia, troviamo l’energia vitale bassa. Non desideriamo esaurire lo strumento. Tuttavia, c’è, diciamo, uno scambio di energia che riteniamo un onore/dovere di offrire quando questo strumento apre se stessa. Pertanto, consigliamo questo strumento a tentare di valutare attentamente le energie vitali prima di offrire se stessa come canale aperto.

Tutto bene. Siete coscienziosi.

Sono Ra. Lascio questo strumento e voi nell’amore e nella luce dell’Uno Infinito Creatore. Avanti, quindi, rallegrandovi nel potere e nella pace dell’Uno Creatore. Adonai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.