RA SESSIONI 85 86 87 88

RA SESSIONI 85 86 87 88

SESSIONI 85 86 87 88SESSIONE 85
26 aprile 1982

85.0 Ra: io sono Ra. Comunichiamo adesso.

85.1 Interrogante: potresti prima indicarmi le condizioni dello strumento?

Ra: Io sono Ra. Chiediamo il tuo permesso per una prefazione a questa risposta includendo il saluto che usiamo.

85.2 Interrogante: è auspicabile.

Ra: Io sono Ra. Vi salutiamo nell’amore e nella luce dell’Uno Infinito Creatore. Avevamo qualche difficoltà con il canale di afflusso di energia a causa di una vampata di dolore, come chiamate questa distorsione del complesso del corpo fisico di questo strumento. Pertanto, è stato necessario parlare il più brevemente possibile finché non avessimo trasferito in modo sicuro il complesso mente/corpo/spirito di questo strumento. Chiediamo la tua gentile indulgenza per la nostra scortesia. Era appropriato.

Le condizioni di questo strumento sono le seguenti. La necessità di un’estrema vigilanza è minore, a causa del deficit energetico del complesso fisico piuttosto ridotto. Il potenziale di distorsione rimane e si continua a raccomandare la vigilanza continua sull’ingestione di alimenti utili. Sebbene lo strumento stia sperimentando più della, possiamo dire, normale (per questo complesso mente/corpo/spirito) distorsione verso il dolore in questo nexus (connessione;nesso) spazio/temporale, la condizione di base è meno distorta. Le energie vitali sono come precedentemente affermato.

Lodiamo la vigilanza e la cura di questo gruppo.

85.3 Interrogante: Qual è la situazione attuale rispetto al nostro compagno di quinta densità polarizzato al servizio al sé, devo dire?

Ra: Io sono Ra. Il tuo compagno non è mai stato più strettamente associato a te che al presente nesso (nexus). Potresti vedere una sorta di crisi che si verifica sul cosiddetto livello magico in questo particolare nesso spazio/temporale.

85.4 Interrogante: qual è la natura di questa crisi?

Ra: Io sono Ra. La natura di questa crisi è la determinazione della relativa polarità del vostro compagno e di voi stessi. Sei nella posizione di essere nell’illusione di terza densità e di conseguenza di avere la cosciente abilità magica collettiva del neofita, mentre il tuo compagno è più esperto. Tuttavia, le facoltà di volontà e di fede e la chiamata alla luce sono state usate da questo gruppo escludendo ogni significativa depolarizzazione dal percorso del servizio agli altri.

Se il tuo compagno può depolarizzare questo gruppo, deve farlo e rapidamente, perché in questo tentativo fallito di esplorare la saggezza della separazione sta incontrando una certa depolarizzazione. Questo continuerà. Pertanto, gli sforzi del tuo compagno sono pronunciati in questa connessione spazio/tempo e tempo/spazio.

85.5 Interrogante: Sono totalmente consapevole della mancanza di necessità o anche di bisogno razionale di nominare entità o cose. Mi chiedevo se questa particolare entità avesse un nome solo per poter aumentare la nostra efficienza di comunicazione con rispetto per lui. Ha un nome?

Ra: Io sono Ra. Sì.

85.6 Interrogante: Sarebbe magicamente un male per noi conoscere quel nome o non farebbe differenza?

Ra: Io sono Ra. Farebbe la differenza.

85.7 Interrogante: quale sarebbe la differenza?

Ra: Io sono Ra. Se si desidera avere potere su un’entità è un aiuto conoscere il nome di quell’entità. Se non si desidera alcun potere su un’entità ma si desidera raccogliere quell’entità nel cuore stesso del proprio essere, è bene dimenticare il dare un nome. Entrambi i processi sono magicamente praticabili. Ciascuno è polarizzato in un modo specifico. È una tua scelta.

85.8 Interrogante: Suppongo che sarebbe un problema per lo strumento se lei meditasse senza la pressione della mano dell’altro-sé in questo momento a causa del continuo saluto. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è corretto se lo strumento desidera rimanere libero da questa potenziale separazione del complesso mente/corpo/spirito dalla terza densità che ora sperimenta.

85.9 Interrogante: Presumo che, se non altro, da quando il nostro compagno di quinta densità ha monitorato le nostre comunicazioni con Ra, è stato reso consapevole del processo di velatura di cui abbiamo parlato. E mi sembra che, da un punto di vista intellettuale, quella consapevolezza cosciente e accettazione del fatto che questo processo di velatura è stato utilizzato per lo scopo per il quale è stato utilizzato, sarebbe difficile mantenere un’elevata polarizzazione negativa una volta che sia stato intellettualmente e consapevolmente accettato che questo processo di velatura si è effettivamente verificato nel modo che hai descritto. Potresti chiarirmi il mio pensiero su questo punto?

Ra: Io sono Ra. Non siamo sicuri del nostro successo nel riallineare le tue modalità mentali. Possiamo, tuttavia, commentare.

Il processo di polarizzazione, quando entra in quarta densità, avviene con piena conoscenza del processo di velatura che ha avuto luogo nella terza densità. Questo processo di velatura è ciò che è una parte dell’esperienza di terza densità. La conoscenza e la memoria della conclusione di questo e di tutte le porzioni dell’esperienza di terza densità informano l’entità polarizzata di densità superiore. Questo, tuttavia, non influenza la scelta che è stata fatta e che è il fondamento per un ulteriore lavoro oltre la terza densità nella polarizzazione. Coloro che hanno scelto il percorso del servizio agli altri * hanno semplicemente usato il processo di velatura per potenziare ciò che non lo è. Questo è un metodo di conoscenza di sé del tutto accettabile del e dal Creatore.

* Questo dovrebbe essere un servizio al sé. Don e Ra hanno corretto l’errore più avanti nella sessione.

85.10 Interrogante: Hai appena affermato che coloro che sono sul sentiero del servizio agli altri * usano il processo di velatura per potenziare ciò che non lo è. Credo di avere ragione nel ripetere quello che hai detto. È corretto?

* Questo dovrebbe essere un servizio al sé. Don e Ra hanno corretto l’errore più avanti nella sessione.

Ra: Io sono Ra. Sì.

85.11 Interrogante: Allora il percorso del servizio agli altri ha potenziato “ciò che non lo è”. Potresti ampliarlo un po’ (questo concetto) così posso capirlo meglio?

Ra: Io sono Ra. Se vedi i centri energetici nei loro vari colori che completano lo spettro, potresti vedere che la scelta del servizio agli altri * è quella che nega il centro stesso dello spettro; quell’essere amore universale. Pertanto, tutto ciò che è costruito sulla penetrazione della luce della qualità raccoglibile (light of harvestable quality) da parte di tali entità si basa su un’omissione. Questa omissione si manifesterà nella quarta densità come amore di sé; cioè, la più piena espressione dei centri energetici arancioni e gialli che vengono poi utilizzati per potenziare la comunicazione e l’adepthood.

Quando il raffinamento di quinta densità è stato raggiunto, “ciò che non lo è” è sviluppato ulteriormente, la densità della saggezza viene esplorata da entità che non hanno compassione, né amore universale. Sperimentano ciò che desiderano per libera scelta, essendo convinti che l’energia dei raggi verdi sia follia.

“Ciò che non lo è” può essere visto come un’oscurità auto-imposta in cui l’armonia si trasforma in un’eterna disarmonia. Tuttavia, “ciò che non lo è” non può durare per tutta l’ottava e, poiché l’oscurità alla fine chiama la luce, così “ciò che non lo è” alla fine chiama “ciò che è”.

* Questo dovrebbe essere un servizio al sé. Don e Ra hanno corretto l’errore più avanti nella sessione.

85.12 Interrogante: Credo che ci siano stati errori salienti nella comunicazione che abbiamo appena completato a causa di difficoltà di trasmissione. Sei a conoscenza di questi errori?

Ra: Io sono Ra. Non siamo consapevoli degli errori sebbene questo strumento stia vivendo vampate di dolore, come chiamate questa distorsione. Accogliamo e incoraggiamo le vostre percezioni nella correzione di eventuali errori di trasmissione.

85.13 Interrogante: Penso semplicemente che sia stata fatta l’affermazione che stavamo parlando del percorso del servizio agli altri. Vorresti controllare, per favore?

Ra: Io sono Ra. Possiamo chiederti di essere informato della nostra intenzione di aver parlato del percorso del servizio al sé come del percorso di “ciò che non lo è.

85.14 Interrogante: Sono solo interessato al problema che a volte abbiamo con la trasmissione poiché la parola “altri” è stata usata tre volte nella trasmissione piuttosto che la parola “sé”. E potresti darmi un’idea del problema di comunicazione che abbiamo avuto lì che crea quel tipo di anomalia che, se non ho colto, potrebbe creare una discrepanza piuttosto ampia nella comunicazione?

Ra: Io sono Ra. In primo luogo, possiamo notare la goffaggine del linguaggio e la nostra non familiarità con esso nella nostra, diciamo, esperienza nativa. In secondo luogo, possiamo sottolineare che una volta che abbiamo erroneamente chiamato o denominato erroneamente un evento o una cosa, è molto probabile che quel referente venga riutilizzato per un certo “tempo di trasmissione”, come voi chiamate questa misurazione, a causa del nostro errore originale che non è stato rilevato da noi stessi.

85.15 Interrogante: Grazie.

Hai l’uso (capacità di utilizzare) di tutte le parole in lingua inglese e, del resto, tutte le parole in tutte le lingue che si parlano su questo pianeta in questo momento?

Ra: Io sono Ra. No.

85.16 Interrogante: Ho una domanda da parte di Jim. Afferma: “Credo che una delle mie scelte primarie pre-incarnative sia stata quella di aprire il mio centro energetico dei raggi verdi per scopi di guarigione. Quando vedo la mia compassione svilupparsi, è più appropriato bilanciare questa compassione con la saggezza nei miei esercizi di guarigione o consentire alla compassione di svilupparsi il più possibile senza essere equilibrata? “

Ra: Io sono Ra. Questa domanda confina con quel tipo di domanda a cui le risposte non sono disponibili a causa dei divieti del libero arbitrio sulle informazioni da parte di insegnanti/studenti.

Allo studente del processo di bilanciamento possiamo suggerire di applicare l’onestà più rigorosa. Quando si percepisce la compassione, si suggerisce di analizzare nel bilanciamento questa percezione. Potrebbero essere necessari molti, molti tentativi (essays) nella compassione prima che il vero amore universale sia il prodotto del tentativo di apertura e cristallizzazione di questo importantissimo centro energetico trampolino di lancio (springboard energy center). Così lo studente può scoprire molte altre componenti di quello che può sembrare essere amore onnicomprensivo. Ognuna di queste componenti può essere bilanciata e accettata come parte del sé e come materiale di transizione poiché la sede di apprendimento/insegnamento dell’entità si sposta sempre più equamente nel raggio verde.

Quando si percepisce che l’amore universale è stato raggiunto, il successivo bilanciamento può essere o meno la saggezza. Se l’adepto sta equilibrando le manifestazioni, è davvero appropriato bilanciare l’amore e la saggezza universali. Se il bilanciamento è della mente o dello spirito, ci sono molte sottigliezze alle quali l’adepto può prestare accurata considerazione. L’amore e la saggezza, come l’amore e la luce, non sono bianchi e neri, diciamo, ma facce della stessa moneta, se vuoi. Pertanto, non è in tutti i casi che il bilanciamento consista in un movimento dalla compassione alla saggezza.

Possiamo suggerire in ogni momento la rimembranza costante della densità da dove ogni adepto desidera spostarsi. Questa densità impara le lezioni dell’amore. Nel caso di Erranti ci sono semi-dimenticate sovrapposizioni di altre lezioni e altre densità. Lasceremo queste considerazioni all’interrogante e inviteremo le osservazioni alle quali saremo poi molto felici di rispondere in ciò che può sembrare un modo più efficace.

85.17 Interrogante: Quali cambiamenti nelle funzioni, o controllo, o comprensione, ecc., della mente/corpo/spirito sono stati più efficaci nel produrre l’evoluzione desiderata a causa del processo di velatura?

Ra: Io sono Ra. Abbiamo difficoltà a mantenere un canale chiaro attraverso questo strumento. Ha un margine sicuro di energia trasferita ma sta sperimentando vampate di dolore. Possiamo chiederti di ripetere la domanda poiché ora abbiamo un canale migliore.

85.18 Interrogante: Dopo il processo di velatura, certe funzioni o attività velate devono essere state fondamentali nel creare l’evoluzione nelle direzioni di polarizzazioni desiderate. Mi stavo solo chiedendo quale di questi ha avuto il maggiore effetto sulla polarizzazione?

Ra: Io sono Ra. Il velo più efficace era quello della mente.

85.19 Intervistatore: Vorrei continuare con questo per scoprire quali funzioni specifiche della mente erano più valide e quali tre o quattro cambiamenti più efficaci hanno portato a creare la polarizzazione.

Ra: Io sono Ra. Questa è una domanda interessante. Il velo primario era di tale importanza che può essere visto come analogo al mantello della Terra per tutti i gioielli all’interno della crosta terrestre; mentre in precedenza tutte le sfaccettature del Creatore erano consciamente conosciute. Dopo la velatura, la mente non conosceva pressoché nessuna sfaccettatura del Creatore. Quasi tutto era sepolto sotto il velo.

Se si tentasse di elencare quelle funzioni della mente più significative in quanto potrebbero essere di aiuto nella polarizzazione, sarebbe necessario iniziare con la facoltà di visualizzare (il futuro), prevedere o vedere lontano. Senza il velo la mente non era intrappolata nel tuo tempo illusorio. Con il velo lo spazio/tempo è l’unica ovvia possibilità di esperienza.

Inoltre sulla lista delle significative funzioni velate della mente ci sarebbe quella del sognare. Il cosiddetto sognare contiene una grande quantità (a great deal) che, se messa a disposizione della mente cosciente e utilizzata, la aiuteranno in larga misura nella polarizzazione.

La terza funzione della mente che è significativa e che è stata velata è quella della conoscenza del corpo. La conoscenza e il controllo del corpo, essendo stati persi in gran parte nel processo di velatura, vengono così persi per l’esperienza del ricercatore. La sua conoscenza prima della velatura è di scarsa utilità. La sua conoscenza dopo la velatura, di fronte a quella che ora è una densa illusione di separazione del complesso corporeo da quello mentale, è piuttosto significativa.

Forse la funzione più importante e significativa che si è verificata a causa della velatura della mente da se stessa, non è essa stessa una funzione della mente, ma piuttosto è un prodotto del potenziale creato da questo velo. Questa è la facoltà di Volontà o puro desiderio.

Potremmo chiedere brevi domande in questo momento. Sebbene ci sia energia rimanente per questo lavoro, siamo riluttanti a continuare questo contatto, sperimentando continue variazioni dovute a fiammate di dolore, come chiamate questa distorsione. Sebbene non siamo a conoscenza di alcun materiale equivoco, siamo consapevoli che ci sono stati diversi punti durante i quali il nostro canale è stato meno che ottimale. Questo strumento è molto fedele, ma non vogliamo abusare di questo strumento. Si prega di interrogare come si vuole.

85.20 Interrogante: Bene, in chiusura chiederò: una porzione o entità individualizzata di Ra occupa il corpo dello strumento ai fini della comunicazione? E poi, c’è qualcosa che possiamo fare per migliorare il contatto o rendere lo strumento più confortevole?

Ra: Io sono Ra. Noi di Ra comunichiamo attraverso un canale a banda stretta attraverso il centro energetico del raggio viola. Non siamo, come direste, fisicamente insediati in questo strumento; piuttosto, il complesso mente/corpo/spirito di questo strumento rimane con noi.

Sei diligente e coscienzioso. Gli allineamenti sono ottimi. Vi lasciamo gioire per il potere e la pace dell’Uno Infinito Creatore. Andate avanti, amici miei, rallegrandovi del potere e della pace dell’amore infinito e della luce ineffabile dell’Uno Creatore. Sono Ra. Adonai.

SESSIONE 86
4 maggio 1982

86.0 Ra: io sono Ra. Vi saluto nell’amore e nella luce dell’Uno Infinito Creatore. Comunichiamo adesso.

86.1 Interrogante: Potresti prima indicarmi le condizioni dello strumento?

Ra: Io sono Ra. La distorsione dello strumento verso il deficit del complesso energetico fisico è leggermente aumentata dall’ultima richiesta. I livelli di energia vitale hanno ricevuto prelievi significativi e sono anche questi un po ‘inferiori di quelli dell’ultima richiesta.

86.2 Interrogante: qual era la natura di questi prelievi significativi all’energia vitale?

Ra: Io sono Ra. Ci sono quelle entità che nutrono la distorsione del pensiero nei confronti di questa entità per far si che debba rimuovere per gli altri-sé, tutte le “distorsioni per l’altro-sé”. Questa entità è stata recentemente in stretto contatto con un numero maggiore del normale di entità con queste distorsioni del complesso pensiero. Questa entità è nella distorsione per fornire qualunque servizio sia possibile e non è consciamente consapevole delle incursioni fatte sulle energie vitali.

86.3 Interrogante: Ho ragione nel presumere che tu stia parlando di entità di terza densità incarnate che stavano creando la condizione per l’utilizzo dell’energia vitale?

Ra: Io sono Ra. Sì.

86.4 Interrogante: qual è la situazione attuale con il nostro visitatore polarizzato al servizio al sé di quinta densità?

Ra: Io sono Ra. Il periodo che potreste chiamare crisi rimane.

86.5 Interrogante: puoi dirmi qualcosa sulla natura di questa crisi?

Ra: Io sono Ra. La polarità del tuo visitatore si sta avvicinando al punto critico in cui l’entità sceglierà di ritirarsi per il momento e lasciare qualsiasi saluto (contatto negativamente orientato) ai suoi servitori di quarta densità o perdere la polarità. L’unico altro potenziale è che in qualche modo questo gruppo potrebbe perdere polarità, nel qual caso il vostro visitatore potrebbe continuare la sua forma di saluto.

86.6 Intervistatore: Nell’ultima seduta hai menzionato le proprietà che precipitano a causa della velatura della mente; il primo è visionare, immaginare o vedere lontano. Spiegheresti il significato di questo?

Ra: Io sono Ra. Il tuo linguaggio non è eccessivamente disseminato di termini non emotivi per le qualità funzionali di quella che ora viene chiamata la Mente Inconscia. La natura della mente è qualcosa su cui ti abbiamo chiesto di riflettere. Tuttavia, è, diciamo, abbastanza chiaro per l’osservatore occasionale che possiamo condividere alcuni pensieri con te senza violare le tue libere esperienze di apprendimento/insegnamento.

La natura dell’inconscio è della natura del concetto piuttosto che della parola. Di conseguenza, prima della velatura, l’uso della mente più profonda era quello dell’uso di concetti non espressi (unspoken). Puoi considerare gli aspetti emotivi e connotativi di una melodia. Si potrebbero richiamare, in qualche maniera stilizzata, i termini per le note della melodia. Si potrebbe dire: “una nota di un quarto A, una nota di un quarto A, una nota di un quarto A, una nota intera F” Questo somiglia poco all’inizio della melodia di una delle melodie più influenti dei vostri compositori, quella che vi è nota come un simbolo di vittoria.

Questa è la natura della mente più profonda. Esistono solo metodi stilizzati con cui discutere le sue funzioni. Così le nostre descrizioni di questa parte della mente, così come delle stesse parti di corpo e di spirito, fornirono termini come “vedere lontano” (“far-seeing”), indicando che la natura della penetrazione della porzione velata della mente si può paragonare ad un viaggio troppo ricco ed esotico per contemplarne un’adeguata descrizione di questo.

86.7 Interrogante: Hai affermato che il sognare, se reso disponibile alla mente cosciente, aiuterà notevolmente nella polarizzazione. Definiresti il sognare o ci diresti cos’è e come aiuta la polarizzazione?

Ra: Io sono Ra. Il sognare è un’attività di comunicazione attraverso il velo della mente inconscia e della mente cosciente. La natura di questa attività dipende interamente dalla situazione riguardante i blocchi, le attivazioni e le cristallizzazioni dei centri energetici di un dato complesso mente/corpo/spirito.

In un (complesso mente/corpo/spirito) che è bloccato in due dei tre centri energetici inferiori, il sognare sarà di valore nel processo di polarizzazione in quanto ci sarà una ripetizione di quelle parti del catalizzatore recente così come dei blocchi più profondi, dando così alla mente in stato di veglia indizi sulla natura di questi blocchi e suggerimenti su possibili cambiamenti nella percezione che possono portare allo sblocco.

Questo tipo di sogno o comunicazione attraverso le parti velate della mente si verifica anche con quei complessi mente/corpo/spirito che funzionano con molti meno blocchi e godono dell’attivazione del raggio verde o di un’attivazione superiore in quei momenti in cui Il complesso mente/corpo/spirito sperimenta il catalizzatore, che momentaneamente blocca di nuovo o devia o distorce in altro modo, il flusso dell’influsso di energia. Pertanto, in tutti i casi è utile a un complesso mente/corpo/spirito riflettere sul contenuto e la risonanza emotiva dei sogni.

Per coloro i cui centri energetici del raggio verde sono stati attivati, nonché per coloro i cui ai centri energetici del raggio verde viene offerto uno sblocco insolito a causa di un catalizzatore estremo, come quello che viene definito la morte fisica di sé o di qualcuno che ci è caro che si verifica in quello che potresti chiamare il tuo prossimo futuro, il sognare assume un’altra attività. Questa è ciò che può essere vagamente definita precognizione o una conoscenza che è precedente a quello che accadrà nella manifestazione fisica nel vostro spazio/tempo di terza densità del raggio giallo. Questa proprietà della mente dipende dalla sua collocazione, in larga misura, nel tempo/spazio in modo che i termini di presente, futuro e passato non abbiano alcun significato. Questo, se utilizzato in modo appropriato dalla mente/corpo/spirito *, consentirà a questa entità di entrare più pienamente nell’amore compassionevole di ognuno e di ogni circostanza, comprese quelle circostanze in cui un’entità può avere una forte distorsione verso quella che potete chiamare infelicità.

Quando una mente/corpo/spirito * sceglie consapevolmente il percorso dell’adepto e, con ogni centro energetico bilanciato al minimo grado, inizia ad aprire il centro energetico del raggio indaco, il cosiddetto sognare diventa lo strumento più efficiente per la polarizzazione, poiché, se è noto all’adepto che il lavoro può essere fatto nella coscienza mentre la cosiddetta mente cosciente riposa, questo adepto può invocare coloro che lo guidano, quelle presenze che lo circondano e, soprattutto, la personalità magica che è il sé superiore nello spazio/tempo analogo quando si sposta nella modalità dormiente della coscienza. Con queste affermazioni vogliamo porre alla vostra attenzione che, l’attività del sogno raggiunge quel potenziale di apprendimento/insegnamento che è molto utile per aumentare le distorsioni dell’adepto verso la sua polarità scelta.

Ci sono altre possibilità del sogno non così strettamente allineate con l’aumento della polarità che non prendiamo in considerazione in questo particolare spazio/tempo.

* Dovrebbe essere “complesso mente/corpo/spirito”. Ra e Don hanno corretto l’errore nella sessione 87.

86.8 Interrogante: come viene progettato o programmato il sogno? Questo viene fatto dal sé superiore o chi è responsabile per questo?

Ra: Io sono Ra. In tutti i casi il complesso mente/corpo/spirito fa quell’uso che gli è possibile della facoltà di sognare. Essa stessa è responsabile di questa attività.

86.9 Interrogante: Allora stai dicendo che il subconscio è responsabile di ciò che chiamerei design o sceneggiatura per il sogno. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è corretto.

86.10 Interrogante: Il ricordo che l’individuo ha al risveglio dal sogno, di solito è ragionevolmente accurato? Il sogno si ricorda facilmente?

Ra: Io sono Ra. Devi rendervi conto che stiamo generalizzando troppo per rispondere alle tue domande in quanto ci sono diversi tipi di sogni. Tuttavia, in generale, si può notare che è solo per un osservatore addestrato e disciplinato (la facoltà) di avere una ragionevolmente buona memoria del sogno. Questa facoltà può essere appresa in virtù di una disciplina di registrazione, immediatamente al risveglio, di ogni dettaglio che può essere ricordato. Questa pratica acuisce la capacità di ricordare il sogno. La percezione più comune di un complesso mente/corpo/spirito dei suoi sogni è confusa, disordinata e rapidamente persa.

86.11 Interrogante: Nel ricordare i sogni, stai dicendo che l’individuo può trovare indizi specifici sugli attuali blocchi del centro energetico e può, quindi, ridurre o eliminare quei blocchi. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Questo è così.

86.12 Interrogante: C’è qualche altra funzione del sogno che abbia valore nel processo evolutivo?

Ra: Io sono Ra. Sebbene ve ne siano molti che hanno un certo valore, ne sceglieremmo due da notare, poiché questi due, sebbene non di valore nella polarizzazione, possono essere di valore in un senso più generale.

L’attività del sognare è un’attività in cui si crea un ponte finemente lavorato ed eccellentemente confezionato dal conscio all’inconscio. In questo stato, le varie distorsioni che si sono verificate nella rete energetica del complesso del corpo, dovute all’errata precisione con cui gli afflussi di energia sono stati ricevuti, vengono sanate.

Con l’appropriato ammontare (dell’attività) di sognare arriva la guarigione di queste distorsioni. La continua mancanza di questa possibilità può causare complessi mente/corpo/spirito seriamente distorti.

L’altra funzione del sognare che è d’aiuto è quel tipo di sogno che è visionario e che i profeti e i mistici hanno sperimentato dai tempi antichi. Le loro visioni arrivano attraverso le radici della mente e parlano a un mondo desideroso (di conoscerle). Quindi il sogno è di servizio senza essere di natura personalmente polarizzante. Tuttavia, in quel mistico o profeta [che] desidera servire, tale servizio aumenterà la polarità dell’entità.

86.13 Interrogante: C’è una parte del sonno che è stata chiamata R.E.M. È questo lo stato del sognare?

Ra: Io sono Ra. Questo è corretto.

86.14 Interrogante: Si è notato che ciò si verifica in piccole unità durante la notte con spazi vuoti nel mezzo. C’è una ragione particolare per questo?

Ra: Io sono Ra. Sì.

86.15 Interrogante: Se ha un qualche valore saperlo, mi spiegheresti perché il processo del sogno funziona così?

Ra: Io sono Ra. Le parti del processo del sognare che sono utili per la polarizzazione e anche per la visione del mistico si svolgono nel tempo/spazio e, di conseguenza, usano il ponte dal metafisico al fisico per quello che sembra essere un breve periodo del tuo spazio/tempo. L’equivalente tempo/spazio è molto maggiore. Il ponte rimane, tuttavia, e traduce ogni distorsione della mente, del corpo e dello spirito per come ha ricevuto le distorsioni degli influssi energetici, così che questa guarigione possa aver luogo. Questo processo di guarigione non si verifica con l’incidenza del “movimento rapido degli occhi”(acronimo di R.E.M.), ma piuttosto si verifica in gran parte nella parte spazio/tempo del complesso mente/corpo/spirito utilizzando il ponte per (il) tempo/spazio poiché il processo di guarigione sia consentito.

86.16 Interrogante: Hai menzionato la perdita di conoscenza e controllo sul corpo come sia un fattore che è stato utile nel processo evolutivo a causa del velo. Potresti enumerare le significative perdite di conoscenza e controllo sul corpo?

Ra: Io sono Ra. Questa domanda contiene alcune parti a cui sarebbe più utilmente risposto se fosse richiesto del materiale intermedio.

86.17 Interrogante: Non so cosa richiedere. Puoi [ridacchiare] darmi un’idea su quale area del materiale intermedio dovrei lavorare?

Ra: Io sono Ra. No. Tuttavia, saremo lieti di rispondere alla domanda originale se è ancora desiderata, se tu primariamente percepisci che c’è informazione carente.

86.18 Interrogante: Forse posso domandare in modo leggermente diverso qui. Potrei chiedere perché la perdita di conoscenza e controllo sul corpo è stato utile?

Ra: Io sono Ra. La conoscenza * dei potenziali del veicolo fisico prima della velatura offriva al complesso mente/corpo/spirito ** una libera gamma di scelte riguardo alle attività e manifestazioni del corpo, ma offriva ben poco in termini di sviluppo della polarità. Quando la conoscenza di questi potenziali e funzioni del veicolo fisico è velata dal complesso della mente cosciente, il complesso mente/corpo/spirito è spesso quasi privo della conoscenza di come manifestare al meglio il senso della sua esistenza (beingness). Tuttavia, questo stato di mancanza di conoscenza offre un’opportunità ad un desiderio di crescere all’interno del complesso mentale. Questo desiderio è ciò che cerca di conoscere le possibilità del complesso del corpo. Le ramificazioni di ogni possibilità e gli eventuali pregiudizi così costruiti hanno in sé una forza che può essere generata solo da tale desiderio o volontà di conoscere.

* La frase “La perdita per la mente cosciente di” è stata rimossa dall’inizio della risposta perché Ra sembra aver iniziato a parlare di condizioni post-velo e poi ha cambiato il suo focus in pre-velo senza accorgersene. Vedi la versione “relistened version” o la pagina delle Differenze per la risposta originale.

** Dovrebbe essere mente/corpo/spirito. Ra e Don hanno corretto l’errore nella sessione 87.

86.19 Intervistatore: Forse potresti fornire esempi di utilizzo del corpo prima della velatura e dopo la velatura nello stesso aspetto, in modo da poter comprendere più chiaramente il cambiamento nella conoscenza e controllo sul corpo. Puoi farlo, per favore?

Ra: Io sono Ra. Potremmo.

86.20 Interrogante: Farai questo?

Ra: Io sono Ra. Sì. Affrontiamo il trasferimento dell’energia sessuale. Prima della velatura un tale trasferimento era sempre possibile a causa del fatto che non c’era alcuna ombra sulla comprensione della natura del complesso del corpo * e della sua relazione con altri complessi mente/corpo/spirito ** in questa particolare manifestazione. Prima del processo di velatura c’era una quasi totale mancanza dell’uso di questo trasferimento di energia sessuale oltre il raggio verde.

Anche questo era dovuto alla stessa conoscenza priva di ombre che ciascuno aveva di ciascuno. C’era, allora, nella terza densità, poco scopo da osservare nelle relazioni più intense di complessi mente, corpo e spirito *** che potreste chiamare “quelle (relazioni) del processo di accoppiamento”, dato che qualsiasi altro-Sé era visto come il Creatore e nessun altro-Sé sembrava essere maggiormente il Creatore di un altro.

Dopo il processo di velatura è diventato infinitamente più difficile raggiungere il trasferimento di energia del raggio verde a causa delle grandi aree di mistero e inconsapevolezza riguardanti il complesso corporeo e le sue manifestazioni. Tuttavia, anche a causa della grande copertura d’ombra delle manifestazioni del corpo dal complesso della mente cosciente, quando si sperimentava tale trasferimento di energia era più probabile per fornire un catalizzatore che causava un legame del sé con l’altro-sé in una configurazione opportunamente polarizzata.

Da questo punto era molto più probabile che questi trasferimenti di energia più elevati fossero ricercati da questa coppia di complessi mente/corpo/spirito, permettendo così al Creatore di conoscere Se stesso con grande bellezza, solennità e meraviglia. Essendo stato raggiunto l’infinito intelligente da questo uso sacramentale di questa funzione del corpo, ogni complesso mente/corpo/spirito della coppia ha guadagnato molto in polarizzazione e capacità di servire.

* Dovrebbe essere “corpo”, non “complesso del corpo”.

** Dovrebbe essere “mente/corpo/spirito”, non “complessi mente/corpo/spirito”.

*** Dovrebbe essere “mente, corpo e spirito”.

Ra e Don hanno corretto questi errori nella sessione 87.

86.21 Intervistatore: Qualcuno degli altri aspetti della perdita di conoscenza o controllo sul corpo si è avvicinato, in qualche modo in efficienza, a ciò che hai appena descritto?

Ra: Io sono Ra. Ogni funzione del complesso del corpo ha un certo potenziale dopo la velatura, per fornire un utile catalizzatore. Abbiamo scelto l’esempio del trasferimento di energia sessuale per la sua centralità nelle capacità funzionali del complesso corporeo rese più utili mediante il processo di velatura.

Questo strumento sviluppa alquanto carenza nell’energia. Preferiremmo conservare la porzione massima di energia riservata per la quale questo strumento ha dato il permesso. Chiediamo quindi un’altra sola domanda completa a questo lavoro.

86.22 Interrogante: Assumerò che la velatura dell’aspetto sessuale sia stata di grande efficacia perché è un aspetto che ha a che fare totalmente con una relazione con un altro sé. Mi sembrerebbe che le velature corporee che hanno a che fare con l’interazione con l’altro-sé sarebbero più efficienti e quelle legate solo al sé avrebbero un’efficienza inferiore nel produrre polarizzazione positiva o negativa. Ho ragione in questa ipotesi?

Ra: Io sono Ra. Hai ragione in larga misura. Forse l’eccezione più notevole è l’atteggiamento di chi è già fortemente polarizzato negativamente verso l’aspetto-apparenza del complesso corporeo. Ci sono quelle entità sul sentiero negativo che si prendono molta cura nel preservare la distorsione che i tuoi popoli percepiscono come bellezza/bruttezza. Questa bellezza della forma viene, ovviamente, usata per manipolare gli altri sé. Possiamo chiedere se ci sono brevi domande?

86.23 Interrogante: C’è qualcosa che possiamo fare per rendere lo strumento più comodo o per migliorare il contatto?

Ra: Io sono Ra. Siamo lieti che questo strumento sia stato più coscienzioso nel prepararsi al contatto per mezzo delle attente vibrazioni mentali che chiamate preghiera. Ciò ha permesso di liberare il canale dalle distorsioni di cui è caduto vittima il contatto durante l’ultimo lavoro.

Suggeriamo al gruppo di sostegno una cura continua nella regolazione delle attività fisiche dello strumento. Tuttavia in questa connessione (nexus) è bene incoraggiare quelle attività che alimentano le energie vitali poiché questo strumento vive in questo spazio/tempo presente quasi completamente a causa dell’attenta aderenza alla conservazione di quelle energie mentali e spirituali che costituiscono il complesso energetico vitale di questa entità. Ciascuno è coscienzioso. Gli allineamenti sono buoni.

Vorremmo mettere in guardia il gruppo di supporto sull’allineamento fisico dell’accessorio noto come incensiere. C’è stata qualche lieve difficoltà a causa della variazione nello schema (pattern) dell’effluvio di questo incenso.

Sono Ra. Vi lascio a gioire nel potere e nella pace dell’Uno Infinito Creatore. Vai avanti, quindi, rallegrandoti nell’amore e nella luce dell’Uno Creatore. Adonai.

SESSIONE 87

12 maggio 1982

87.0 Ra: io sono Ra. Vi saluto nell’amore e nella luce dell’Uno Infinito Creatore. Comunico adesso.

87.1 Interrogante: Innanzitutto, per favore mi dia le condizioni dello strumento.

Ra: Io sono Ra. Le distorsioni del complesso fisico rimangono invariate. I livelli di energia vitale sono notevolmente migliorati.

87.2 Interrogante: Grazie. Considerando ciò che è stato detto nell’ultima seduta sull’incensiere, ho pensato al fatto che la posizione dell’origine del fumo cambia di circa sei pollici orizzontalmente. Sarebbe meglio avere un incensiere con un’unica posizione orizzontale per produrre fumo?

Ra: Io sono Ra. Questa modifica sarebbe utile dato che l’incensiere è vergine.

87.3 Interrogante: Quale sarebbe la disposizione geometrica ottimale di incensiere, calice e candela rispetto alla Bibbia e al tavolo e alla posizione in cui li abbiamo ora?

Ra: Io sono Ra. Sia il calice che la candela occupano la configurazione ottimale rispetto al libro più strettamente allineato alla Legge dell’Uno nei complessi di distorsione di questo strumento. È ottimale avere l’incensiere sul retro di questo libro e centrato sul dorso della sua configurazione aperta.

87.4 Interrogante: Una posizione diritta tra il calice e la candela sarebbe ottimale, quindi, per l’incensiere?

Ra: Io sono Ra. Questa non è una misura esatta poiché sia il calice che la candela sono di forma non regolare. Tuttavia, parlando in modo approssimativo, questo è corretto.

87.5 Interrogante: Grazie. Qual è la situazione attuale rispetto al nostro visitatore negativo di quinta densità?

Ra: Io sono Ra. Questa entità si è ritirata per un periodo di ristabilimento della sua polarità.

87.6 Interrogante: Espanderesti il concetto dell’acquisizione della polarità da parte di questa particolare entità, e l’uso, precisamente, di questa polarità diverso dalla semplice, ovvia necessità del raccolto di sesta densità, se ciò è possibile, per favore?

Ra: Io sono Ra. Noi vorremmo. La natura delle densità al di sopra della vostra è un obiettivo, si può dire, condiviso da polarità sia positive che negative. Questo obiettivo è l’acquisizione della capacità di accogliere sempre di più, il sempre meno distorto amore/luce e luce/amore dell’Infinito Unico Creatore. Sul sentiero negativo, la densità della saggezza è quella in cui il potere sugli altri è stato raffinato fino a quando non si approssima al potere assoluto.

Qualsiasi forza, come la forza del vostro gruppo e quella offerta da Ra, che non può essere controllata dal potere di un tale complesso mente/corpo/spirito di quinta densità negativo allora depolarizza l’entità che non ha controllato gli altri-sé.

Non è nelle capacità del vostro sé cosciente opporsi a un potere così raffinato, ma piuttosto è stato attraverso l’armonia, l’amore reciproco e l’onesta chiamata di aiuto proveniente dalle forze della luce che vi hanno dato lo schermo e la protezione.

87.7 Interrogante: Qual è la situazione ambientale di questa particolare entità negativa di quinta densità, e come lavora con la quarta densità negativa per stabilire potere e controllo; e qual è la sua filosofia particolare riguardo a se stesso come Creatore e il suo uso della prima distorsione e l’estensione di questo uso della prima distorsione alla quarta densità negativa? Spero che questa non sia una domanda troppo complessa.

Ra: Io sono Ra. L’ambiente del tuo compagno è quello della roccia, della caverna, il luogo dell’aridità, poiché questa è la densità della saggezza. Ciò che è necessario può essere pensato e ricevuto. A questa entità è necessario molto poco sul (piano) fisico, se si vuole (definirlo così), o Complesso Spazio/Tempo di distorsioni .

Una tale entità spende la sua consapevolezza nei regni del tempo/spazio nel tentativo di apprendere le vie della saggezza attraverso tutto il possibile uso dei poteri e delle risorse del sé. Poiché il sé è il Creatore, la densità della saggezza fornisce molte esperienze informative e affascinanti per l’entità polarizzata negativamente. Per alcuni aspetti si può vedere un più lucido iniziale attaccamento alla saggezza da parte di quelli di polarità negativa poiché il nesso di posizioni di consapevolezza su cui è posta la saggezza è più semplice.

La relazione di una tale entità con le entità negative di quarta densità è (quella, tra) il più potente e il meno potente. Il percorso negativo pone la schiavitù dei meno potenti come mezzo per imparare il desiderio di servire il sé nella misura in cui la volontà è condotta a sostenere.

È in questo modo che la polarità viene aumentata in senso negativo. Così le entità di quarta densità sono schiave volontarie di una tale entità di quinta densità, non vi è alcun dubbio sul potere relativo di ciascuna.

87.8 Interrogante: Un riflesso di questo potrebbe essere visto nella nostra densità in molti di quei leader che istigano la guerra e hanno seguaci che (li) sostengono, nella totale convinzione che la direzione della conquista sia corretta. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Qualsiasi organizzazione che richiede obbedienza senza discussione sulla base del potere correlativo funziona secondo il piano sopra descritto.

87.9 Interrogante: Un punto che non mi è chiaro è la comprensione e l’uso della prima distorsione da parte di entità negative di quinta e quarta densità nel manipolare entità di terza densità. Vorrei sapere come la prima distorsione influenzi i tentativi di realizzare la conquista di entità di terza densità e il tentativo di aggiungerle, attraverso o sotto la premessa della prima distorsione, ai loro complessi di memoria sociale. Potresti ampliarlo, per favore?

Ra: Io sono Ra. Il secondo ed ultimo piano (This latter plan) citato non è uno di cui sono capaci i complessi di memoria sociale negativa di quarta densità. La consuetudine di quarta densità è quella di offrire tentazioni e di energizzare distorsioni preesistenti. Le entità di quarta densità mancano della sottigliezza e della pratica magica che offre l’esperienza di quinta densità.

87.10 Interrogante: Sembra, tuttavia, che nel caso di molti contatti UFO avvenuti su questo pianeta ci debba essere una certa conoscenza e uso della prima distorsione, in quanto le entità di quarta densità sono rimaste attentamente distaccate e anonime, potresti dire, nella maggior parte, in modo che nessuna prova concreta della loro esistenza sia troppo evidente. Come si orientano rispetto a questo tipo di contatto?

Ra: Io sono Ra. Abbiamo percepito male la tua domanda, pensando che fosse diretta verso questo particolare tipo di contatto. La natura dell’osservanza della distorsione del libero arbitrio da parte della quarta densità, mentre si persegue la semina dei modelli di pensiero di terza densità, è materiale che è già stato coperto. Quello che può essere offerto delle informazioni orientate negativamente è offerto. Viene alterato nella misura in cui l’entità che riceve tali informazioni negative è di orientamento positivo. Quindi molti di questi contatti sono di natura mista.

87.11 Interrogante: Mi dispiace di essermi confuso sulla domanda qui e di non averla posta correttamente. C’è un punto filosofico di fondamentale importanza per me che sto cercando di chiarire qui. Ha a che fare con il fatto che i negativi di quarta densità sembrano essere consapevoli della prima distorsione e sono in una condizione non velata. E sembrano usare questa conoscenza della prima distorsione per conservare la situazione che mantengono nei loro contatti con questo pianeta. Sto cercando di estrarre la loro capacità di comprendere il meccanismo della prima distorsione e le conseguenze del processo di velatura, e ancora rimanere in una configurazione mentale di separazione sul sentiero negativo. Spero di essermi chiarito lì. Ho avuto difficoltà a porre questa domanda.

Ra: Io sono Ra. La risposta potrebbe ancora non soddisfare l’interrogante. Ti chiediamo di perseguire ciò fino a quando non sarai soddisfatto. L’entità negativa di quarta densità ha reso la scelta disponibile a ognuno per il raccolto di terza densità. È consapevole dell’intera gamma di metodi possibili di vedere l’universo dell’Uno Creatore ed è convinto che ignorare e non utilizzare il centro energetico del raggio verde sarà il metodo più efficiente nel fornire la capacità di raccolta della quarta densità. Le sue operazioni, tra quelli di terza densità che non hanno finora fatto questa scelta, sono studiate per offrire ad ognuno la possibilità di considerare la polarità di servizio-al-Sé e la sua possibile attrattiva.

87.12 Interrogante: Mi sembra che questa sia un’azione di servizio-agli-altri nell’offerta della possibilità del percorso del servizio-al-Sé. Qual è l’effetto relativo alla polarizzazione di questo? Non capisco quel punto.

Ra: Io sono Ra. Nelle vostre bande armate un grande gruppo saccheggia e depreda con successo. Il successo dei soldati è rivendicato dai caporali, il successo dei caporali dai sergenti, poi dai luogotenenti, dai capitani, dai maggiori e infine dal generale in comando. Ogni tentazione che ha avuto successo, ogni entità raccoglibile raggiunta è un rafforzamento del potere e della polarità del complesso di memoria sociale di quarta densità che ha ottenuto questo successo.

87.13 Interrogante: Se un complesso mente/corpo/spirito viene raccolto dalla terza densità in un complesso di memoria sociale di quarta densità, il potere totale del complesso di memoria sociale prima dell’assorbimento di questa singola entità, raddoppia quando questa entità viene assorbita?

Ra: Io sono Ra. No.

87.14 Interrogante: La legge del raddoppio non lavora in questo modo. Quanto fa relativamente incrementare il potere del complesso di memoria sociale quando questa singola entità viene raccolta e assorbita in esso?

Ra: Io sono Ra. Se un’entità del complesso della memoria sociale è responsabile di questa addizione al suo essere, quel complesso mente/corpo/spirito assorbirà, in maniera lineare, il potere contenuto nella, diciamo, recluta. Se un sottogruppo è responsabile, il potere è allora di questo sottogruppo. Solo molto raramente il complesso di memoria sociale di polarità negativa è in grado di agire totalmente come un essere. La perdita di polarità dovuta a questa difficoltà, di cui abbiamo precedentemente fatto riferimento come una sorta di entropia spirituale, è piuttosto ampia.

87.15 Interrogante: Supponendo quindi che una singola entità polarizzata negativamente sia responsabile del reclutamento di un’entità di terza densità raccolta e aggiunga questa polarità alla sua polarità negativa e al suo potere, che tipo di capacità o che tipo di beneficio è questo e come viene utilizzato dall’entità?

Ra: Io sono Ra. Il cosiddetto “ordine gerarchico” viene immediatamente “sfidato” (challenged) e l’entità con un potere aumentato esercita quel potere per controllare più altri-sé e per avanzare all’interno della struttura del complesso di memoria sociale.

87.16 Interrogante: come viene misurata questa potenza? Come è manifesto che questa entità abbia acquisito questo potere aggiuntivo?

Ra: Io sono Ra. In alcuni casi c’è una specie di battaglia. Questa è una battaglia di volontà e le armi sono costituite dalla luce che può essere formata da ogni contendente. Nella maggior parte dei casi in cui il passaggio di potere è stato evidente, viene semplicemente riconosciuto e coloro che vedono beneficio dall’associazione con questa recente entità più potente la aiutano ad ascendere all’interno della struttura.

87.17 Interrogante: Grazie. Abbiamo notato la possibilità di una confusione tra il termine “mente/corpo/spirito” e “complesso mente/corpo/spirito” nell’ultima sessione. Ci sono stati un paio di abusi di questi termini, spostandoli l’uno nell’altro?

Ra: Io sono Ra. Si è verificato un errore nella trasmissione. L’uso del termine “mente/corpo/spirito” dovrebbe riferirsi a quelle entità che dimorano nella terza densità prima del processo di velatura, il termine “complesso mente/corpo/spirito” si riferisce a quelle entità che dimorano in terza densità dopo il processo di velatura. Scopriamo anche un difetto da parte nostra nel fornire il termine “complesso” quando si parla di corpo dopo il velo. Per favore correggi questi errori.

Inoltre, vi chiediamo di tenere un vigile controllo su queste trasmissioni per eventuali errori e domande senza sbagli in quanto è nostra intenzione di fornire una serie di complessi di vibrazione sonora non distorti quanto è possibile.

Questa entità, anche se molto meglio sgombrata delle distorsioni verso le fiammate di dolore quando preparata da quei complessi di vibrazione mentale chiamati preghiera, è ancora suscettibile di fluttuazione a causa delle sue pre-incarnative distorsioni del complesso corporeo e la stimolazione di queste da parte di quelli di polarità negativa.

87.18 Interrogante: Grazie. Apporteremo le correzioni. * Nell’ultima seduta hai affermato che prima della velatura, il trasferimento di energia sessuale era sempre possibile. Vorrei sapere cosa intendevi con “era sempre possibile” e perché non era sempre possibile dopo la velatura, solo per chiarire quel punto?

* Sono state aggiunte note a piè di pagina alle risposte indicate.

Ra: Io sono Ra. Riteniamo di comprendere la tua domanda e useremo l’analogia della tua cultura, della batteria che accende la lampadina della torcia. Due batterie funzionanti poste in serie offrono sempre il potenziale di illuminazione della lampadina. Dopo la velatura, per proseguire questa grossolana analogia, le due batterie poste non in serie non offrirebbero quindi alcuna possibile illuminazione della lampadina. Molti complessi mente/corpo/spirito dopo la velatura, attraverso i blocchi, hanno fatto l’equivalente di invertire la batteria.

87.19 Interrogante: Qual è stata la fonte principale dei blocchi che hanno causato l’analogia dell’inversione della batteria?

Ra: Io sono Ra. Si prega di interrogare più specificamente per quanto riguarda i mente/corpo/spiriti o mente/corpo/spirito complessi su cui si richiedono informazioni.

87.20 Interrogante: Prima del velo c’era la conoscenza della tecnica di illuminazione di lampadine, diciamo. Dopo il velo alcuni esperimenti hanno creato un’illuminazione della lampadina; alcuni si sono risolti nell’assenza di illuminazione della lampadina. A parte il fatto che non erano disponibili informazioni sui metodi di accensione della lampadina, c’era qualche causa profonda degli esperimenti che si sono risolti nell’assenza di illuminazione della lampadina?

Ra: Io sono Ra. Questo è corretto.

87.21 Interrogante: qual era questa causa profonda?

Ra: Io sono Ra. La causa profonda del blocco è la mancanza della capacità di vedere l’altro sé come il Creatore, o esprimendo questo in modo diverso, la mancanza di amore.

87.22 Interrogante: OK. Nella nostra particolare illusione, il potenziale sessuale, a quanto pare, per il maschio raggiunge il picco all’incirca prima dei vent’anni e per la femmina circa dieci anni dopo. Qual è la causa di questa differenza nel picco dell’energia sessuale?

Ra: Io sono Ra. Dobbiamo fare una chiara distinzione tra il complesso corporeo chimico del raggio giallo di terza densità, e il complesso corporeo che è una parte del complesso mente/corpo/spirito. Il maschio, come chiamate questa polarità, ha un desiderio di raggio giallo estremamente attivo nello spazio/tempo nella sua incarnazione quando il suo sperma è il più vitale e pieno degli spermatozoi vivificanti. Così il raggio rosso cerca di riprodursi più fittamente nel momento in cui questo corpo è più in grado di soddisfare i requisiti del raggio rosso.

Il complesso del corpo chimico del raggio giallo della femmina, come tu chiami questa polarità, deve avere un desiderio continuo e crescente per il rapporto sessuale poiché può concepire solo una volta in un periodo da quindici a diciotto mesi, dato che porta il concepito complesso corporeo, lo sostiene e lo allatta. Ciò sta prosciugando il corpo fisico del raggio giallo. Per compensare questo, il desiderio aumenta in modo che il corpo a raggi gialli è predisposto a continuare nel congresso sessuale (sexual congress), soddisfacendo così il suo requisito di raggi rossi per riprodursi il più fittamente possibile.

Maggiormente, diciamo, la sessualità integrale o la polarità del complesso del corpo, che è una parte del complesso mente/corpo/spirito, non si preoccupa di queste manifestazioni del raggio giallo, ma piuttosto segue le vie della ricerca del trasferimento di energia e della promozione dell’aiuto e del servizio agli altri o al sé.

87.23 Domanda: Inoltre, perché il ratio tra orgasmi maschili e femminili è così pesantemente caricato sul lato del maschio?

Ra: Io sono Ra. Ci riferiamo ora al corpo fisico del raggio giallo o, se vuoi, complesso corporeo. A questo livello la distinzione non è importante. L’orgasmo maschile che spinge lo sperma in avanti per incontrare il suo ovulo, è essenziale per il compimento del desiderio del raggio rosso di moltiplicare la specie. L’orgasmo femminile non è necessario. Ancora una volta, quando i complessi mente/corpo/spirito iniziano a utilizzare il trasferimento di energia sessuale per imparare, servire e glorificare l’Uno Infinito Creatore, la funzione dell’orgasmo femminile diventa più chiara.

87.24 Interrogante: qual era questo ratio prima del velo?

Ra: Io sono Ra. Il ratio tra orgasmi maschili e femminili prima del velo era molto più vicino all’uno a uno poiché il valore metafisico dell’orgasmo femminile era chiaro e senza ombre.

87.25 Intervistatore: È significativo fornire questo ratio all’inizio della quarta densità e, in tal caso, lo faresti?

Ra: Io sono Ra. Per molti versi è del tutto privo di significato parlare di orgasmo di maschio e femmina in densità più elevate poiché il carattere e la natura dell’orgasmo diventano di più e di più in maniera naturale, una funzione del complesso mente/corpo/spirito come una unità. Si può dire che il velo in quarta densità è stato sollevato e la scelta è stata fatta. Nelle polarità positive la Vera Partecipazione (di entrambi) è quasi universale. Nelle polarità negative il Vero Bloccaggio, in modo che il conquistatore ottenga l’orgasmo, il conquistato quasi mai, è quasi universale. In ciascun caso potresti vedere la funzione della parte sessuale dell’esperienza come un mezzo di polarizzazione molto efficiente.

87.26 Interrogante: Nella nostra illusione abbiamo definizioni fisiche per possibili trasferimenti di energia. Li etichettiamo come la conversione del potenziale in cinetico o cinetico in calore e lo esaminiamo rispetto alla sua crescente entropia. Quando parliamo di trasferimenti di energia sessuale e altre forme di energia più di base, non riesco sempre a usare correttamente, potresti dire, i termini poiché non capisco, e probabilmente non posso capire, la forma di base dell’energia di cui parliamo. Tuttavia, intuisco che questa è l’energia della pura vibrazione; cioè, al livello di base della nostra illusione, quella vibrazione fra la porzione di spazio e di tempo del continuum spazio/tempo e tuttavia in qualche modo viene trasferita nella nostra illusione in una forma più basilare di quella. Potresti ampliare quest’area per me, per favore?

Ra: Io sono Ra. Sì.

87.27 Interrogante: Lo faresti?

Ra: Io sono Ra. Hai ragione nel presumere che l’energia di cui parliamo parlando dei trasferimenti di energia sessuale sia una forma di ponte vibratorio tra spazio/tempo e tempo/spazio. Sebbene questa distinzione non sia separata da quello che segue, quello che segue può far luce su quell’affermazione fondamentale.

A causa del processo di velatura, l’energia trasferita da maschio a femmina è diversa da quella trasferita da femmina a maschio. A causa della differenza di polarità dei complessi mente/corpo/spirito del maschio e della femmina, il maschio immagazzina energia fisica, la femmina energia mentale e mentale/emotiva. Quando il trasferimento di energia sessuale di terza densità è completato il maschio avrà offerto lo scarico di energia fisica. La femmina è, da ciò, rinvigorita, avendo molta meno vitalità fisica. Allo stesso tempo, utilizzando questo termine, la femmina scarica l’efflusso della sua energia mentale e mentale/emotiva immagazzinata, offrendo con ciò ispirazione, guarigione e benedizione al maschio che per natura è meno vitale in quest’area.

A questo punto possiamo chiedere un’altra domanda completa.

87.28 Interrogante: Perché la natura maschile e quella femminile sono diverse?

Ra: Io sono Ra. Quando il processo di velatura fu compiuto, alla polarità maschile venne attratta la Matrice della Mente e alla femmina, il Potenziatore della Mente; al maschio il Potenziatore del Corpo, alla femmina la Matrice del Corpo. Possiamo chiedere se ci sono delle brevi domande prima di chiudere questo lavoro?

87.29 Interrogante: C’è qualcosa che possiamo fare per rendere lo strumento più confortevole o migliorare il contatto?

Ra: Io sono Ra. Troveremo utile il riallineamento suggerito dell’incensiere. Gli allineamenti sono buoni. Siete stati coscienziosi, amici miei. Vi lasciamo ora nell’amore e nella luce dell’Uno Infinito Creatore. Andate avanti, quindi, rallegrandovi allegramente nel potere e nella pace ineffabile dell’Uno Infinito Creatore. Adonai.

SESSIONE 88
29 maggio 1982

88.0 Ra: io sono Ra. Vi saluto nell’amore e nella luce dell’Uno Infinito Creatore. Comunichiamo adesso.

88.1 Interrogante: Potresti prima indicarmi le condizioni dello strumento?

Ra: Io sono Ra. Il deficit energetico del complesso fisico è considerevole in questo spazio/tempo. C’è stata anche una significativa perdita delle energie vitali. Tuttavia, queste energie sono ancora ben all’interno della distorsione che potresti chiamare vigore.

88.2 Interrogante: Di tutte le cose che hai menzionato precedentemente per reintegrare queste energie, in questo particolare spazio/tempo, quale sarebbe più appropriata per reintegrare entrambe queste energie?

Ra: Io sono Ra. Come noti, vi sono molti fattori che contribuiscono al supporto verso le distorsioni di forza e il miglioramento delle distorsioni verso la debolezza di questo strumento. Suggeriamo a ciascuno che le molte cose che sono state apprese siano applicate coscienziosamente.

Vorremmo scegliere una distorsione fisica per la discussione.

I servitori negativi di quarta densità che visitano il vostro gruppo in questo momento stanno energizzando un complesso piuttosto grave di squilibri nelle appendici manuali di questo strumento e, in misura minore, quelle distorsioni della regione toracica.

Si suggerisce attenzione al fine di astenersi da qualsiasi uso inutile di queste appendici. Poiché questo strumento non apprezzerà questo suggerimento, suggeriamo una discussione appropriata.

88.3 Interrogante: Presumo da questo che il nostro visitatore negativo di quinta densità sia ancora a riposo. È corretto?

Ra: Io sono Ra. Il tuo visitatore di quinta densità non vi sta accompagnando in questo momento. Tuttavia, non sta riposando.

88.4 Interrogante: l’incensiere che abbiamo fornito è a posto? Si spegne prima della fine della sessione. Sarebbe meglio se non si spegnesse prima della fine della seduta?

Ra: Io sono Ra. La nuova configurazione dell’incensiere è molto utile per i modelli più sottili di energia che circondano questi lavori. Sarebbe utile avere una quantità di incenso che brucia continuamente. Tuttavia, la difficoltà sta nell’avere ciò senza opprimere questo ambiente con l’ammontare di effluvio e prodotto fisico della combustione. Dovendo scegliere tra lasciare che l’incensiere finisca di bruciare e avere una sovrabbondanza di fumo, proponiamo il primo come essere più utile.

88.5 Interrogante: Lo strumento ha menzionato ciò a cui si riferisce come ad una percezione involontaria o “essere consapevole”, durante queste sessioni, a volte, della comunicazione. Commenteresti questo?

Ra: Io sono Ra. Abbiamo con noi il complesso mente/corpo/spirito dello strumento. Quando questa entità inizia a risvegliarsi dalla metaforica “culla” dell’esperienza di luce e attività nella nostra densità, inizia a essere consapevole del movimento del pensiero. Non comprende questi pensieri più di quanto il vostro bambino di terza densità possa comprendere le prime parole che percepisce. L’esperienza dovrebbe continuare ed è una conseguenza appropriata della natura di questi lavori e del metodo con cui questo strumento si è reso disponibile alle nostre parole.

88.6 Intervistatore: Lo strumento ha menzionato una ricorrenza della necessità di andare in bagno prima di questa sessione. È a causa della bassa energia vitale?

Ra: Io sono Ra. È parzialmente a causa del livello di energia vitale abbassato. Questa entità ha sostenuto un livello della distorsione che chiamate dolore, che pochi tra le vostre genti sperimentano senza un significativo prosciugamento delle energie. In effetti, la stabilità dell’entità è notevole. In qualsiasi misura, l’entità in questo modo è divenuta prosciugata e inoltre ha sentito accentuate altre distorsioni come quelle a causa di una varietà di esperienze, poiché questo è un mezzo per bilanciare l’esperienza interiore del dolore fisico. A causa della apprensione percepita da questa entità, tali attività sono state scoraggiate. Questo ha prosciugato ulteriormente l’entità.

La volontà di essere al servizio del Creatore attraverso le maniere di offrirsi come strumento in questi lavori, quindi, dava un’opportunità per la prova di risolutezza. Questa entità ha utilizzato una certa (quantità di) energia vitale per alimentare e rifornire la volontà. Nessuna energia fisica è stata usata dallo strumento, ma le energie vitali sono state sfruttate in modo che questa entità potesse avere, ancora una volta coscientemente, l’opportunità di scegliere di servire l’Uno Infinito Creatore.

88.7 Interrogante: Il piccolo cristallo che lo strumento usa su di lei durante la sessione è di qualche beneficio o detrimento?

Ra: Io sono Ra. Questo cristallo è benefico fintanto che colui che lo ha caricato sta agendo in modo orientato positivamente.

88.8 Interrogante: chi ha caricato il cristallo?

Ra: Io sono Ra. Questo cristallo è stato caricato per essere utilizzato da questo strumento da colui noto come Neil.

88.9 Interrogante: Sarebbe un’infrazione della prima distorsione dirci se egli sta ancora agendo in modo positivo, non è vero?

Ra: Io sono Ra. Ci rendiamo conto che hai risposto alla tua stessa domanda.

88.10 Interrogante: Il nostro editore richiede immagini per il libro, La Legge dell’Uno, che sta per essere stampato in questo momento. Vorresti commentare l’opportunità, il beneficio o il detrimento, magico o di altra natura, dell’utilizzo delle immagini di questa particolare situazione, dello strumento e degli accessori, nel libro?

Ra: Io sono Ra. La convenienza pratica di un tale progetto è completamente un prodotto del tuo discernimento. Ci sono considerazioni magiche.

In primo luogo, se si scattano foto di un lavoro, l’immagine visiva deve essere quella che è; cioè, è bene per voi fotografare solo un lavoro reale e nessuna “messa in scena” né sostituzione di qualsiasi materiale. Non devono esservi distorsioni che questo gruppo possa evitare più di quanto desidereremmo distorsioni con le nostre parole.

In secondo luogo, è sconsigliabile fotografare lo strumento o qualsiasi parte della stanza di lavoro mentre lo strumento è in trance. Questo è un contatto a banda stretta e desideriamo mantenere costanti le energie elettriche ed elettromagnetiche quando la loro presenza è necessaria e non presenti in tutti gli altri casi.

88.11 Interrogante: mi dispiace. Vai avanti. Se intendevi continuare, continua. In caso contrario, farò una domanda.

Ra: Io sono Ra. In terzo luogo, vogliamo affermare che, una volta che lo strumento è consapevole che l’immagine sarà scattata, durante l’intero processo di ripresa, sia prima che dopo il lavoro, lo strumento è tenuto a rispondere continuamente ai discorsi, assicurando così che nessuna trance è imminente.

88.12 Interrogante: Da quello che mi hai detto, quindi, ho pianificato quanto segue: dopo che una sessione è completa e lo strumento è stato risvegliato, prima di spostare lo strumento, lo strumento ci parlerà continuamente mentre scatto foto della posa in cui si trova lo strumento in quel momento. Oltre a questo farò altre foto dello strumento nell’altra stanza, e probabilmente anche di noi (insieme), solo per ulteriori foto di noi come richiesto dall’editore. È questo l’ottimale, o uno degli ottimali, espletamenti di questa richiesta?

Ra: Io sono Ra. Sì. Chiediamo che ogni fotografia dica la verità, che siano datate, e risplendano con chiarezza in modo che non vi sia ombra di alcuna espressione se non genuina che possa essere offerta a coloro che cercano la verità.

Veniamo come umili messaggeri della Legge dell’Uno, desiderosi di ridurre le distorsioni. Chiediamo a voi, che siete stati nostri amici, lavorate con ogni considerazione come sopra discussa, non con l’intenzione di rimuovere rapidamente un dettaglio insignificante ma, come in tutti i modi (as in all ways), considerare tale come un’altra opportunità per, come l’adepto deve, essere voi stessi e offrire ciò che è dentro e con voi senza simulazioni di alcun tipo.

88.13 Interrogante: Grazie. Vorrei chiederti qual è stata la produzione iniziale del tarocco, dove questo concetto si è formato e dove i tarocchi sono stati registrati per la prima volta, dove è stato fatto questo-il primo concetto?

Ra: Io sono Ra. Il concetto di tarocco ha avuto origine nell’influenza planetaria che chiamate Venere.

88.14 Intervistatore: Il concetto è stato dato a – lasciatemi chiedere – dici che ha avuto origine lì … questo concetto è stato progettato come uno strumento di addestramento per coloro che abitarono Venere in quel momento o è stato ideato da quelli di Venere come uno strumento di addestramento per quelli della Terra?

Ra: Io sono Ra. I tarocchi sono stati ideati dalla popolazione della terza densità di Venere, una grande misura del vostro spazio/tempo nel vostro passato. Come abbiamo notato l’esperienza della terza densità di quelli di Venere ha trattato molto più profondamente e armoniosamente con quello che si potrebbe chiamare: rapporto con altri-sé, lavoro di trasferimento di energia sessuale, e ricerca filosofica o metafisica. Il prodotto di molte, molte generazioni di lavoro su ciò che abbiamo concepito essere la mente archetipica produsse il tarocco che fu utilizzato dai nostri popoli come un aiuto all’addestramento nello sviluppo della personalità magica.

88.15 Domanda: Farò un’ipotesi che quelli della terza densità di Venere che furono i primi a penetrare parzialmente il velo raccogliendo informazioni sulla natura della mente archetipica e del processo di velatura e da questo fu concepito il tarocco come un metodo per insegnare agli altri. È corretto o no?
Ra: Io sono Ra. È così.

88.16 Interrogante: Presumo anche, e potrei anche non essere corretto (in questo), che l’attuale lista che ho dei ventidue nomi dei tarocchi non sia esattamente in accordo con la generazione originale dei tarocchi di Ra. Potresti descrivere i tarocchi originali, prima di tutto dicendomi se ci fossero stati ventidue archetipi? Questo deve essere stato lo stesso. Erano questi gli stessi della lista che ti ho letto in una precedente sessione o erano differenti?

Ra: Io sono Ra. Come abbiamo affermato in precedenza, ogni archetipo è un concetto complesso e può essere considerato non solo dagli individui ma (anche) da quelli delle stesse influenze razziali e planetarie in modi unici. Pertanto, non è informativo ricostruire le differenze piuttosto minime in termini descrittivi tra il tarocco da noi usato e quello usato da quelli dell’Egitto e dai discendenti spirituali di quei primi studenti di questo sistema di studio.

L’unico grande passo avanti che fu fatto dopo che il nostro lavoro in terza densità fu completato è stata la giusta enfasi data all’Arcano Numero Ventidue che abbiamo chiamato “La Scelta”. Nella nostra esperienza eravamo consapevoli che un tale archetipo unificante esisteva, ma non abbiamo dato a quell’archetipo il corretto complesso di concetti al fine di utilizzare in modo più efficace quell’archetipo al fine di promuovere la nostra evoluzione.

88.17 Interrogante: farò questa affermazione sulla mia comprensione di alcuni archetipi e ti permetterò di correggere questa affermazione. Mi sembra che il “Significatore” di mente, corpo e spirito sia azionato in ciascuno di questi dal “Catalizzatore”. Questo produce “Esperienza” che poi porta alla “Trasformazione” e produce “la Grande Via”. Questo è lo stesso processo per la mente, il corpo e lo spirito. Gli archetipi vengono solo ripetuti ma agiscono in modo diverso come “Catalizzatore” a causa delle differenze di mente, corpo e spirito. Essi producono un diverso tipo di “Esperienza” per ciascuno a causa delle differenze nei tre. “La Trasformazione” è leggermente diversa. “La Grande Via” è in qualche modo diversa, ma gli archetipi stanno tutti fondamentalmente facendo la stessa cosa. Stanno solo agendo su tre diverse parti del complesso mente/corpo/spirito in modo che possiamo condensare l’intera mente archetipica “in un modo di dire” (so that we can say that) che nel rendere il “Significatore” un complesso, fondamentalmente abbiamo fornito un modo per “Catalizzatore” di creare “Trasformazione” in modo più efficiente. Può correggere la mia dichiarazione, per favore?

Ra: Io sono Ra. Nella tua affermazione la correttezza è così intrecciata nei viticci del più fondamentale malinteso che la correzione della tua affermazione è difficile. Faremo commenti e da questi commenti ti chiederemo di permettere che un possibile riallineamento della concettualizzazione si verifichi.

La mente archetipica è una parte grande e fondamentale del complesso mentale, uno dei suoi elementi più basilari e una delle più ricche fonti di informazione per il cercatore dell’Unico Creatore Infinito. Tentare di condensare gli archetipi significa fare un tentativo errato. Ogni archetipo è un significativo “ding an sich“, o cosa in sé, con il proprio complesso di concetti. Sebbene sia informativo esaminare le relazioni di un archetipo con un altro, si può dire che questa linea di indagine è secondaria rispetto alla scoperta della più pura “Gestalt ” o visione (d’insieme) o melodia che ogni archetipo significa sia per la mente intellettuale che per quella intuitiva.

I Significatori dei complessi Mente, Corpo e Spirito sono complesso in sé e per sé (are complex in and of themselves), e gli archetipi di Catalizzatore, Esperienza, Trasformazione e Grande Via sono visti più fruttuosamente come complessi indipendenti che hanno le proprie melodie con cui possono informare la mente della sua natura.

Ti chiediamo di considerare che la mente archetipica informa quei pensieri che possono avere rilevanza per la mente, il corpo o lo spirito. Gli archetipi non hanno un collegamento diretto con il corpo o lo spirito. Tutto deve essere portato su attraverso i livelli superiori della mente subconscia alla mente cosciente e da lì possono fuggire dove gli era stato ordinato di andare. Se usati in modo controllato sono molto utili. Piuttosto che continuare oltre i confini della tua dichiarazione precedente, apprezzeremmo l’opportunità per la tua re-interrogazione in questo momento in modo da poterti rispondere in modo più preciso.

88.18 Interrogante: Farò le seguenti domande per chiarire possibilmente solo il metodo di insegnamento di questi concetti che possono fornirmi importanti indizi per comprendere i concetti stessi. Ra usava carte simili ai “mazzi di tarocchi” per scopi di addestramento in terza densità?

Ra: Io sono Ra. No

88.19 Interrogante: cosa usava Ra in terza densità?

Ra: Io sono Ra. Sei consapevole nei tuoi tentativi di visualizzazione magica della configurazione mentale di visualizzazioni a volte piuttosto complesse. Questi sono mentali e disegnate con la mente. Un altro esempio ben noto nella tua cultura è la visualizzazione, nella tua massa, della distorsione dell’amore dell’Uno Infinito Creatore chiamato Cristianesimo, in cui una piccola parte dei vostri alimenti (ostia, vino) è visto come un uomo mentalmente configurato ma del tutto reale, l’uomo a te noto come Jehoshua o, come tu chiami questa entità ora, Gesù.

È stato con questo metodo di visualizzazione mantenuta durante un periodo di addestramento, che abbiamo lavorato con questi concetti. Questi concetti sono stati occasionalmente disegnati. Tuttavia, il concetto di una visualizzazione per “carte” non è stato pensato da noi.

88.20 Interrogante: Bene, come ha fatto l’insegnante a trasmettere le informazioni allo studente rispetto alla visualizzazione?

Ra: Io sono Ra. Il processo era cabalistico; cioè, della tradizione orale di bocca a orecchio.

88.21Interrogante: Quando Ra ha cercato di insegnare agli egiziani il concetto di tarocco, fu utilizzato lo stesso processo, o uno diverso?

Ra: Io sono Ra. Lo stesso processo fu utilizzato. Tuttavia, coloro che erano insegnanti/studenti dopo di noi disegnarono prima queste immagini al meglio delle loro capacità all’interno del luogo dell’iniziazione e successivamente iniziarono l’uso di quelle che chiamate “carte” recanti le rappresentazioni di queste visualizzazioni.

88.22 Interrogante: gli Arcani di Corte e gli Arcani Minori erano una parte degli insegnamenti di Ra o era qualcosa che è venuto dopo?

Ra: Io sono Ra. Quelle carte di cui parli erano il prodotto dell’influenza di quelli di Caldea e Sumer.

88.23 Interrogante: Precedentemente (nella sessione 76) hai menzionato che i tarocchi erano un metodo di divinazione. Lo spiegheresti?

Ra: Io sono Ra. Dobbiamo prima separare i tarocchi come metodo di divinazione da questi Arcani Maggiori come rappresentativi dei ventidue archetipi della mente archetipica.

Il valore di ciò che chiamate astrologia è significativo se usato da quelle entità iniziate che capiscono, se perdonerete il termine improprio, le considerazioni a volte intricate della Legge della Confusione. Quando ogni influenza planetaria entra nella rete energetica della vostra sfera, quelli sulla sfera sono mossi tanto quanto la luna che si muove intorno alla vostra sfera, muove le acque sopra le vostre profondità. La vostra propria natura è acqua in quanto voi, come complessi mente/corpo/spirito, siete facilmente impressionati e mossi. In effetti, questa è la fibra e la natura stessa del vostro viaggio e della vostra veglia in questa densità: non solo per essere mossi, ma per istruire voi stessi sul modo preferito del vostro movimento nella mente, nel corpo e nello spirito.

Pertanto, quando ogni entità entra nella rete energetica planetaria, ciascuna entità sperimenta due principali influssi planetari, quello del concepimento, che ha a che fare con la “materialistica” (physical), manifestazione del raggio giallo dell’incarnazione, e quella del momento che chiamate nascita quando il respiro è attirato per la prima volta nel complesso del corpo chimico del raggio giallo. Così coloro che conoscono le stelle e le loro configurazioni e influenze sono in grado di vedere una mappa abbastanza dettagliata del paese attraverso il quale un’entità ha viaggiato, sta viaggiando, o ci si può aspettare che viaggi, sia sul fisico, il mentale o il livello spirituale. Tale entità avrà sviluppato le abilità dell’iniziato che sono normalmente conosciute tra i vostri popoli come psichiche o paranormali.

Quando gli archetipi vengono mescolati nel mix di carte orientate astrologicamente che formano i cosiddetti Arcani di Corte e Arcani Minori, questi archetipi vengono magnetizzati dalle impressioni psichiche di chi lavora con le carte, e in questa maniera diventano strumenti di un collegamento tra il praticante di determinazioni e divinazioni astrologiche e colui che richiede informazioni. Spesso tali rappresentazioni archetipiche appariranno in modo tale da avere risultati apparentemente interessanti, aventi significato nella configurazione per l’interrogante. In sé e per sé, gli Arcani Maggiori non hanno un posto legittimo nella divinazione, ma, piuttosto, sono strumenti per l’ulteriore conoscenza del sé da parte del sé allo scopo di entrare in un più profondamente, acutamente realizzato momento presente.

88.24 Interrogante: Ra deve aver avuto, diciamo, un programma di lezioni o un corso di addestramento per i ventidue archetipi da dare a quelli di terza densità di Ra o, più tardi, a quelli in Egitto. Descriveresti questo scenario per il corso di formazione?

Ra: Io sono Ra. Questa sarà l’ultima domanda completa di questo lavoro.

Troviamo più che appropriato discutere i nostri piani per far conoscere agli iniziati sul vostro pianeta questa particolare versione degli archetipi della mente archetipica. La nostra prima fase è stata la presentazione delle immagini, una dopo l’altra, nel seguente ordine: uno, otto, quindici; due, nove, sedici; tre, dieci, diciassette; quattro, undici, diciotto; cinque, dodici, diciannove; sei, tredici, venti; sette, quattordici, ventuno; ventidue. (LINK) In questo modo si potrebbero iniziare a scoprire le relazioni fondamentali tra mente, corpo e spirito, poiché per come uno vede, ad esempio, la Matrice della Mente in confronto alle Matrici del Corpo e dello Spirito può trarre alcune conclusioni provvisorie.

Quando, alla fine, lo studente ha padroneggiato queste visualizzazioni e ha considerato ciascuna delle sette classificazioni di archetipo, Guardando alle relazioni tra mente, corpo e spirito, abbiamo quindi suggerito di considerare gli archetipi in coppia: uno e due; tre e quattro; cinque; sei e sette. Puoi continuare in questo formato per gli archetipi del corpo e dello spirito. Noterai che il corrispettivo del Significatore è stata lasciato non accoppiato, poiché il Significatore sarà abbinato all’archetipo Ventidue.

Alla fine di questa linea di indagine lo studente iniziava a cogliere sempre più profondamente le qualità e le risonanze di ogni archetipo. A questo punto, utilizzando vari altri aiuti per l’evoluzione spirituale, abbiamo incoraggiato l’iniziato a imparare a diventare ogni archetipo e, cosa più importante, a sapere nel miglior modo possibile all’interno della vostra illusione quando l’adozione della personaggio dell’archetipo sarebbe stata spiritualmente o metafisicamente utile.

Come puoi vedere, molto lavoro è stato svolto in modo creativo da ogni iniziato. Non abbiamo dogmi da offrire. Ciascuno percepisce ciò che è necessario e utile al Sé.

Possiamo chiederti se ci sono brevi domande prima di lasciare questo lavoro?

88.25 Intervistatore: C’è qualcosa che possiamo fare per migliorare il contatto o rendere lo strumento più confortevole?

Ra: Io sono Ra. Ti raccomandiamo ancora per quanto riguarda le distorsioni delle mani dello strumento. L’influenza di quarta densità su di loro potrebbe essere scomoda in quanto, se consentita di progredire senza riduzione, quello che chiamate il vostro “intervento chirurgico” sarà quasi immediatamente necessario.

Gli allineamenti sono buoni. Sei stato meticoloso. Vi lasciamo, amici miei, nell’amore e nella luce dell’Uno Infinito Creatore. Andate avanti, quindi, festeggiando allegramente nel potere e nella gloriosa pace dell’Uno Infinito Creatore. Adonai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.