RA SESSIONE 44 45

RA SESSIONE 44 45

SESSIONE 44 45RA SESSIONE 44

44.0 Ra: sono Ra. Ti saluto nell’amore e nella luce dell’Uno Infinito Creatore. Comunichiamo ora.

44.1 Interrogatore: Lo strumento aveva delle domande sulla sua vitalità. Stavamo facendo fatica a valutarlo. È possibile per te commentare su questo?

Ra: Sono Ra. Effettuiamo la scansione di questo strumento e scopriamo che potremmo essere al servizio senza violazione a causa della decisione di questo strumento di attenersi alla valutazione più accurata possibile piuttosto che alla più desiderata.

Siamo rimasti sorpresi di essere stati in grado di mantenere il contatto su base regolare durante questo intenso periodo di interferenza influenzata negativamente. In alcuni casi i trasferimenti di energia sessuale hanno dato a questo strumento ulteriori risorse vitali da cui attingere. Tuttavia, non è così in questo lavoro e, quindi, la volontà dello strumento guida il suo complesso corporeo. Questo strumento non ha alcun giudizio su questo servizio. La facoltà di volontà, sebbene riconosciuta come la più centrale e preziosa, potrebbe in questa applicazione causare gravi distorsioni nel complesso corporeo dello strumento. Possiamo notare che il martirio non è necessariamente utile. Chiediamo a questo strumento di esaminare questi pensieri, giudicare e discriminare la possibile verità in essi, e se ritenuti veri, suggeriamo che lo strumento rilasci il potere di giudizio al gruppo di supporto i cui interessi sono bilanciati molto più di quelli di questo strumento. Consentire alle decisioni di essere prese senza aspettative o attaccamento al risultato. Le nostre speranze, possiamo dire, per un contatto a lungo termine attraverso questo strumento dipendono dalla sua capacità di maturare nel suo essere al servizio degli altri-sé accettando il loro aiuto e rimanendo così uno strumento praticabile.

Ringraziamo l’interrogante per averci permesso di parlare a questo punto, poiché eravamo consapevoli delle distorsioni che incombono su una persona la cui volontà di servire non è regolata dalla conoscenza dei limiti della distorsione del complesso corporeo.

44.2 Interrogatore: Potrebbe per favore terminare questo contatto non appena necessario poiché al momento non siamo a conoscenza della vitalità dello strumento?

Ra: Sono Ra. Utilizzando un “modo di dire”, le nostre mani sono, in una certa misura, legate. Questo strumento ha fatto ricorso a riserve interne che sono state acquistate a caro prezzo. Pertanto, abbiamo l’onore/dovere di utilizzare questa energia al meglio delle nostre capacità. Quando si abbasserà sicuramente, come sempre, esprimeremo la necessità di porre fine al lavoro. L’unico modo per evitare questa condivisione del servizio a qualunque costo, è di astenersi dal lavoro. È un dilemma.

44.3 Interrogante: Puoi dirmi qual è stato il tono che ho sentito nell’orecchio sinistro quando hai iniziato la tua comunicazione?

Ra: Sono Ra. Questo era un segnale orientato negativamente.

44.4 Interrogatore: puoi dirmi come ascolterei un segnale orientato positivamente?

Ra: Sono Ra. Ci sono due tipi di segnale positivo. Innanzitutto, nella posizione dell’orecchio destro, il segnale indica che ti viene dato un messaggio senza parole che dice: “Ascolta. Fai attenzione.”

L’altro segno positivo è il tono sopra la testa che è una conferma equilibrata di un pensiero.

44.5 Interrogatore: Ci sono altri segnali orientati negativamente che ottengo?

Ra: Sono Ra. Questo è corretto. Sei in grado di ricevere forme-pensiero, forme-parole e visioni. Tuttavia, sembri in grado di discriminare.

44.6 Interrogatore: c’è una ragione per cui sono aperto a questi segnali di natura negativa?

Ra: Sono Ra. Non sei Tutto?

44.7 Interrogatore: Penso che potrebbe essere una buona idea se terminassimo il contatto in questo momento per consentire allo strumento di ottenere più energia necessaria prima di continuare. Questa è la mia decisione in questo momento. Mi piacerebbe molto continuare il contatto, ma mi sembra, anche se non posso dichiarare il livello dello strumento, che lo strumento non dovrebbe consumare più energia.

Ra: Sono Ra. Stiamo rispondendo a una domanda non richiesta. Tuttavia, è molto saliente e pertanto chiediamo perdono per questa violazione. L’energia è stata persa per lo strumento, dedita solo a questo scopo. Puoi fare quello che vuoi, ma questa è la natura della preparazione dello strumento per il contatto ed è l’unica ragione per cui possiamo usarlo.

44.8 Interrogante: Non sono sicuro di averti capito appieno. Potresti dirlo in un modo un po ‘diverso? Potresti spiegare più completamente?

Ra: Sono Ra. Ognuno di voi in questo lavoro ha consciamente dedicato l’esistenza che ora sperimenta al servizio degli altri. Questo strumento ha affinato questa dedizione attraverso una lunga esperienza nella canalizzazione, come la definite, della filosofia della Confederazione, come si può dire. Pertanto, quando abbiamo contattato per la prima volta questo strumento, esso aveva offerto la sua esistenza (beingness), non solo per servire gli altri-sé, ma anche per servizi di comunicazione di questa natura. Con lo sviluppo di questo contatto, questa dedica dell’esistenza è diventata abbastanza specifica. Quindi, una volta che l’energia vitale è dedicata dallo strumento alle nostre comunicazioni, anche se il lavoro non si è verificato, questa energia vitale andrebbe persa nell’esperienza quotidiana dello strumento. Pertanto abbiamo indicato l’importanza del rilascio della volontà dello strumento dal processo di determinazione dei tempi dei lavori, poiché se lo strumento desidera un contatto, l’energia viene raccolta e quindi persa per scopi ordinari o banali.

44.9 Interrogatore: In tal caso, poiché l’energia è già persa, potremmo anche continuare con questa sessione e dovremmo monitorare attentamente lo strumento ed essere il solo giudice di quando le sessioni dovrebbero avvenire. Ho ragione?

Ra: Sono Ra. Questo è profondamente corretto. La determinazione di questo strumento di continuare i contatti durante questo periodo ha già prolungato il periodo di bassa energia.

44.10 Interrogatore: Questo ci rivela molto. Grazie. Ognuno di noi riceve segnali e sogni. Sono stato consapevole della comunicazione chiaroveggente almeno una volta al risveglio. Puoi suggerire un metodo in base al quale potremmo, devo dire, annullare l’effetto dell’influenza che non desideriamo da una fonte negativa?

Ra: Sono Ra. Esistono vari metodi. Offriremo il più disponibile o semplice. Condividere il difficile contatto con gli altri sé associati a questo lavoro e meditare nell’amore per questi mittenti di immagini, e luce per se stessi e gli altri sé, è il mezzo più disponibile per annullare gli effetti di tali eventi. Declassare queste esperienze con l’uso dell’intelletto o delle discipline della volontà significa invitare il prolungamento degli effetti. Molto meglio quindi condividere con fiducia tali esperienze e unire i cuori e le anime nell’amore e nella luce con compassione per il mittente, e la corazzatura per il sé.

44.11 Domanda: Puoi dirmi la fonte del sogno dello strumento di questa mattina che mi ha detto non appena si è svegliata?

Ra: Sono Ra. La percezione del sogno, diciamo, è stata influenzata da Orione. L’abbigliamento del sogno rivela più modelli associativi inconsci di simbolismo dello strumento.

44.12 Interrogatore: In meditazione alcuni anni fa il mio braccio ha iniziato a brillare, muovendosi rapidamente involontariamente. Che cos’era questo?

Ra: Sono Ra. Il fenomeno era un’analogia resa disponibile a te dal tuo sé superiore. L’analogia era che che stavi vivendo in un modo non compreso da, diciamo, fisici, scienziati o medici.

44.13 Interrogatore: Quello che sto cercando di ottenere in questa sessione sono le pratiche che potremmo essere in grado di fare per rivitalizzare al meglio lo strumento, poiché sarà necessario fare tutto il possibile per farlo al fine di mantenere i nostri contatti . Puoi dirci cosa potremmo fare meglio per aumentare la vitalità dello strumento per questi contatti?

Ra: Sono Ra. La vostra esperienza è stata una funzione della vostra capacità di contattare l’infinito intelligente. Pertanto, non ha un rapporto diretto con l’energia vitale di questo strumento.

Abbiamo già parlato di quelle cose che aiutano questo strumento nell’energia vitale: la sensibilità alla bellezza, al canto della musica sacra, alla meditazione e all’adorazione, alla condivisione di sé con il sé nell’amore liberamente dato, nel rapporto sia sociale che sessuale. Queste cose funzionano direttamente sulla vitalità. Questo strumento ha una distorsione verso l’apprezzamento della varietà di esperienze. Questo, in modo meno diretto, aiuta la vitalità.

44.14 Interrogatore: Stavo guardando il diagramma dell’avanzamento delle pratiche magiche a partire da Malkuth e finendo a Kether. Mi chiedevo se questi corrispondessero ai colori o alle densità, con Malkuth come uno, Yesod come due, Hod e Netzach come tre, Tiphareth quattro e così via. È corretto?

Ra: Sono Ra. Questo è fondamentalmente errato, anche se sei sulla buona strada, pensandolo. Ognuna di queste stazioni ha un complesso numero e ombreggiatura di centri energetici, nonché una parte in vari equilibri; l’equilibrio inferiore, medio, alto e totale. Pertanto ci sono colori o raggi complessi e cariche complesse, se vuoi, in ogni stazione.

44.15 Interrogatore: Bene, il percorso di sinistra di questo (diagramma) rappresenta di più il percorso del servizio-al-sé e il percorso di destra il servizio-gli-altri?

Ra: Sono Ra. Questa sarà l’ultima domanda completa di questo lavoro.

Questo non è corretto Queste stazioni sono relazioni. Ogni percorso ha queste relazioni offerte. L’intento del praticante nel lavorare con questi potenti concetti determina la polarità del lavoro. Gli strumenti sono gli strumenti.

44.16 Interrogatore: Come domanda finale che farò, è possibile, quindi, per I. (nome proprio) avere una polarità positiva o negativa, o nessuna delle due?

Ra: Sono Ra. Risponderemo al significato di questo termine in senso specifico. I. (nome proprio) è uno che ha dominato l’Albero della Vita e ha usato questa maestria per la polarizzazione negativa.

C’è una breve domanda a cui possiamo rispondere come prendiamo congedo da questo strumento?

44.17 Domanda: Mi dispiace che siamo scesi un po’ fuori pista oggi. Penso che la cosa più importante che abbiamo realizzato sia sapere come regolare meglio le sessioni dello strumento, e spero che tu abbia pazienza con me per la mia incapacità di selezionare correttamente le domande a volte, dal momento che a volte capita di sondare aree per vedere se c’è una possibile direzione in cui possiamo andare e, una volta entrati, io …

A parte questo, vorrei solo sapere se c’è qualcosa in questa sessione che potremmo fare per rendere lo strumento più confortevole o per migliorare il contatto?

Ra: Sono Ra. Non ci sono errori, Stai tranquillo amico mio. Ognuno di voi è molto coscienzioso. Tutto bene.

Vi lascio nell’amore e nella luce dell’Uno Infinito Creatore. Vai avanti, quindi, rallegrandoti del potere e della pace dell’Uno Infinito Creatore. Sono Ra. Adonai.

SESSIONE 45

6 aprile 1981

45.0 Ra: Sono Ra. Ti saluto nell’amore e nella luce dell’Uno Infinito Creatore. Comunichiamo ora.

45.1 Interrogante: Potresti fornirci una stima delle condizioni fisiche dello strumento per le comunicazioni, ora che è riposato?

Ra: Sono Ra. Le condizioni di questo strumento per quanto riguarda il complesso corporeo sono estremamente povere. Questo strumento non è riposato. Tuttavia, questo strumento era desideroso del nostro contatto.

45.2 Interrogatore: Il periodo di astinenza dal contatto ha aiutato le condizioni fisiche dello strumento?

Ra: Sono Ra. Questo è corretto. La probabilità dello sviluppo di questo strumento di ciò che chiamereste malattia di natura polmonare o renale era abbastanza significativa al nostro precedente contatto. Hai evitato un possibile grave malfunzionamento fisico del complesso corporeo di questo strumento. È da notare che il vostro sostegno nella preghiera è stato utile così come la determinazione incrollabile di questo strumento di accettare ciò che era meglio a lungo termine e quindi mantenere gli esercizi raccomandati senza indebita impazienza. Va inoltre notato che le cose che aiutano questo strumento sono in qualche modo contraddittorie e richiedono un equilibrio. Quindi questo strumento è aiutato dal riposo ma anche da diversioni di natura attiva. Ciò rende più difficile aiutare questo strumento. Tuttavia, una volta che questo è noto, il bilanciamento può essere realizzato più facilmente.

45.3 Interrogatore: Puoi dirmi se una grande percentuale degli Erranti qui ora sono quelli di Ra?

Ra: Sono Ra. Io posso.

45.4 Interrogatore: lo sono?

Ra: Sono Ra. Una porzione significativa degli Erranti di sesta densità sono quelli del nostro complesso di memoria sociale. Un’altra grande porzione è costituita da coloro che hanno aiutato quelli del Sud America; un’altra porzione, quelli che aiutano Atlantide. Tutta la sesta densità e tutti i gruppi di fratelli e sorelle a causa della sensazione unificata che, come noi eravamo stati aiutati da forme come la piramide, così potevamo aiutare i vostri popoli.

45.5 Interrogatore: Puoi dire se uno di noi tre appartiene a Ra o ad uno degli altri gruppi?

Ra: Sono Ra. Sì.

45.6 Interrogatore: Puoi dire chi di noi è di quale gruppo?

Ra: Sono Ra. No.

45.7 Interrogatore: Siamo tutti di uno dei gruppi che hai citato?

Ra: Sono Ra. Andremo ai limiti dei nostri tentativi di astenerci dalla violazione. Due sono di origine di sesta densità, [rumore del motore di un camion d’acqua in sottofondo] uno di quinta densità che può essere raccolto in sesta, ma ha scelto di [suonare il clacson] tornare come Errante a causa di un’associazione amorevole tra insegnante e studente. Così voi tre [clacson] formate un gruppo molto coeso.

45.8 Interrogatore: Puoi spiegare il tono (Che sento) nell’orecchio destro e sinistro e quello che chiamo “tocco gentile” che ricevo continuamente?

Ra: Sono Ra. [Campanello in background.] Questo è stato trattato in precedenza. Si prega di chiedere ulteriori dettagli specifici. [Motore del camion spento.]

45.9 Interrogante: Ricevo quello che considero un solletico all’orecchio destro e al sinistro in momenti diversi. Questo è diverso da quanto concerne il significato del tono che ricevo nell’orecchio destro e sinistro?

Ra: Sono Ra. No.

45.10 Interrogatore: Perché l’orecchio sinistro è del contatto da servizio-al-sé e il destro del servizio-agli-altri?

Ra: Sono Ra. La natura del tuo veicolo fisico è che c’è un campo magnetico positivo e negativo in schemi complessi attorno ai gusci del tuo veicolo. La parte sinistra della regione della testa della maggior parte delle entità è, al livello di continuum tempo/spazio, di una polarità negativa.

45.11 Interrogatore: Puoi dirmi lo scopo o la filosofia dietro i complessi di memoria sociale positiva [bang outside] e negativa di quarta, quinta e sesta densità? [colpi rumorosi alla porta.]

Ra: Sono Ra. [Bang outside.] Lo scopo di base [bussare forte] di un complesso di memoria sociale è quello dell’evoluzione. Al di là di un certo punto, l’evoluzione dello spirito dipende in larga misura dalla comprensione del sé e dell’altro-sé come Creatore. Ciò costituisce la base per i complessi sociali. Quando vengono portati a maturità, diventano complessi di memoria sociale. La quarta densità e la sesta densità trovano questo del tutto necessario. Il quinto positivo usa la memoria sociale [più rapping] per raggiungere la saggezza, sebbene ciò sia fatto individualmente. Nel quinto negativo si fa molto senza l’aiuto degli altri. Questa è [campanello in background] l’ultima domanda in quanto questo strumento deve essere [campanello in background] protetto dall’esaurimento. Ci sono brevi domande prima che [il campanello in background] chiudiamo?

45.12 Interrogatore: Ho solo bisogno di sapere se c’è qualcosa che possiamo fare per rendere lo strumento più confortevole o migliorare il contatto?

Ra: Sono Ra. [Vivi rap.] Va tutto bene, fratelli miei. [Voce dall’esterno: “Water man.”]

45.13 Interrogatore: Che cosa hai detto? Non riuscivo a sentirti.

Ra: Sono Ra. [Campanello sullo sfondo.] Va tutto bene, fratelli miei. Vi lascio ora nell’amore e nella luce dell’Uno Infinito Creatore. Vai avanti, quindi, rallegrandoti [motore del camion riavviato] nel potere e nella pace dell’Unico Creatore Infinito. [Honking.] Adonai.SESSIONE 44 45

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.