Pietre e minerali : grezze o lavorate?

Pietre e minerali: grezze o lavorate?Ecco un articolo pubblicato da Marju sul suo sito in cui parla del suo amore per il mondo minerale e i cristalli in particolare,  questo articolo mi è piaciuto molto perchè dà una idea di cosa significa empatia, cioè essere in sintonia con tutto ciò che vive e cosi’ ho deciso di riproporlo qui:

Pietre e minerali: grezze o lavorate?

Un amico, che si è accostato da poco nel mondo dei cristalli, mi ha posto delle domande piuttosto interessanti. E ho pensato di approfondire l’argomento facendone un post.
In un mio articolo, pubblicato su
Ricchezzavera.com e precisamente questo: “Cristallo di Rocca scrivevo:
< Sono stata in un laboratorio dove vengono lavorate e levigate le pietre dove c’erano, oltre ad altri minerali, dei blocchi enormi di quarzo ialino. Impressionante!
Ti starai aspettando che io dica: “bello!!!”.
Purtroppo no.
Ho avuto l’impressione di essere in un “mattatoio” ed ho avvertito la violenza e la sofferenza che i minerali subivano sotto i colpi di mazza che ricevevano e al loro passaggio attraverso altri strumenti di tortura per la levigazione e per la loro trasformazione in oggettini di vario tipo. >
Ho ben chiara questa immagine. Mi ricordo benissimo questo posto, che in un primo momento ho trovato bellissimo, c’erano blocchi enormi di minerali di ogni tipo, poi, quando hanno cominciato la lavorazione delle pietre, ho avuto quella sensazione spiacevolissima.
In sostanza, Mauro mi chiede cosa sia meglio, se una pietra lavorata o una grezza.
Dubbio che gli nasce anche dal fatto che navigando sul mio
sito, ha visto che vendo molte pietre incastonate e pochi minerali grezzi e burattati.
I cristalli grezzi conservano al meglio la loro energia e bellezza naturale. Non è detto che quelli lavorati siano meno potenti. Anzi, a volte sono più indicati in quanto più maneggevoli, piacevoli al tatto e più comodi da portare in tasca.
Sempre in quell’
articolo, scrivo:
< Ti faccio una confessione: quando acquisto un monile o un gioiellino in pietra dura o gemma che sia, dopo un po’ sento il bisogno di liberarlo dalla “gabbietta” che lo contiene. E’ come se il cristallo stesso mi chiedesse di lasciarlo libero. >
Ma questa è un pò una mia mania… come quando, tempo fa, cancellavo il prezzo dai libri che compravo, perchè mi sembrava che il prezzo ne sminuisse il valore.
Ora non lo faccio più, il valore di un libro è il messaggio e l’emozione che il testo riesce a trasmettermi, indipendentemente dal numerino segnato sul retro.
Funziona allo stesso modo per i cristalli. E’ importante quello che il cristallo riesce a comunicarti, quello che trasmette a te, indipendentemente dal fatto che sia incastonato o burattato, o grezzo. Anche perchè, se vogliamo, uno dei modi più semplici per stare a contatto con le pietre è proprio quello di indossarle.
Nel mio
sito ci sono pochissimi cristalli grezzi, ma c’è un motivo ben preciso. Devo fare una seconda confessione…
Quando acquisto un minerale grezzo mi ci affeziono subito, troppo! e fatico a rivenderlo.
Quelli che ho messo in vendita, li presi in blocco ad una fiera e… non li ho mai guardati! Li ho presi e messi lì, da parte. Se solo ne avessi tenuto in mano uno per qualche minuto, sarebbe diventato parte della mia collezione privata. Ci puoi scommettere.
Quando ne devo vendere qualcuno, un pò soffro, ma mi consola il fatto che andrà a rendere felice un’altra persona.
Sì, lo so, devo lavorare ancora parecchio sull’attaccamento…
Per le pietre incastonate, il discorso è diverso. I gioiellini in vendita hanno una particolarità. Sono creazioni di un gentile signore torinese che ama i minerali e sa tirare fuori il meglio dalle pietre che rimodella con tanto amore, senza farle soffrire.
E’ come se fossero andate dal parrucchiere o dall’estetista…
O, immagine ancor più bella e appropriata, le pietre, prima di mettersi in mostra e rendersi disponibili, sono passate in sartoria per farsi cucire addosso un bell’abito su misura!
Insomma, le gemme e i cristalli che trovi sull’
Antro di Mariù, sono un tantino “civettuoli!
Sarai d’accordo con me, che possono permetterselo, sono straordinariamente bellissimi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.