PERCHÈ SMETTERE DI GUARDARE IL PORNO

PERCHÈ SMETTERE DI GUARDARE IL PORNO

PERCHÈ SMETTERE DI GUARDARE IL PORNORan Gavrieli vive in Israele e studia Gender all’università di Tel Aviv. Lavora con giovani e adulti di tutto il paese, studiando la sessualità ed il Gender, per costruire una immagine di Sé positiva, in mondo inondato da immagini con connotazioni sessuali negative. Ran scrive e tiene conferenza sul sesso sicuro, emotivamente e fisicamente sicuro; sulla pornografia e sui danni della cultura influenzata dal porno; su sessualità e intimità.

PERCHÈ SMETTERE DI GUARDARE IL PORNOVideo: Ran Gavrieli |TEDxJaffa – YouTube

In questo video Ran ci racconta come si arrivato a eliminare dalla sua vita la visione della Pornografia filmata online e di come questa pratica si trasformi rapidamente in una dipendenza psicologica che danneggia lo svolgimento della normale attività sessuale dell’individuo, ecco le sue parole:

Ho smesso di guardare porno per due ragioni, in sostanza. La prima è che i porno hanno portato una tale rabbia e violenza nelle mie fantasie private, ed erano una rabbia ed una violenza che in origine non c’erano, non c’erano prima che iniziassi. E non le volevo più nella mia vita.

Quello non ero io e ho deciso di porvi fine. Più facile a dirsi che a farsi.. Ma l’ho capito più tardi.

La seconda ragione è che ho iniziato ad accorgermi, mi sono accorto che, già solo guardando porno, contribuisco a creare la domanda di prostituzione filmata, perché il Porno è in realtà questo: Prostituzione Filmata.

“Pornē” significa prostituta,”Graphìa” documentazione e la prostituzione non è mai stato il sogno d’infanzia di nessuno, è sempre il risultato di difficoltà e sofferenze.

Io ne sono diventato consapevole gradualmente, facendo volontariato con uomini e donne nel giro della prostituzione, alcuni di loro, vittime del traffico di esseri umani, lavorano nei bordelli, sotto i ponti, agli angoli di strade, ma non è necessario addentrarci in questo per capire come funzioni il meccanismo del porno e della prostituzione.

Perché il porno è un genere, non c’entra con l’erotismo o con una sana sessualità. Gira tutto attorno al dominio dell’uomo sulla donna, alla sottomissione della donna. Non solo nell’attività sessuale, ma come modo di essere, come gerarchia dei sessi nel mondo“.

PERCHÈ SMETTERE DI GUARDARE IL PORNOLa Pornografia è un velenoso veicolo del concetto di “violenza sul partner” durante l’atto sessuale, concetto che viene facilmente recepito e adottato nei proprio comportamento sessuale specialmente dai più giovani, che per la loro limitata esperienza sono i più esposti a questo tipo di insidie. Inoltre dietro al mondo della pornografia si nasconde un enorme business multimiliardario che è spesso gestito dalle organizzazioni malavitose internazionali che sfruttano lo stato di necessità dei più bisognosi per utilizzarli nei loro lucrosi traffici.

Già soltanto guardando un video-porno si contribuisce alla creazione della domanda di pornografia filmata, che per la stragrande maggioranza delle attrici porno è l’anticamera della prostituzione vera e propria. Molte di queste porno attrici finiscono la loro esistenza uccise in maniera violenta da dei clienti o dai loro sfruttatori o per malattie sessualmente trasmissibili come l’AIDS, per suicidio o per l’abuso di Alcool, di Stupefacenti.

Link: Dead Pornstars Memorial Part 1 – YouTube

Link: Dead Pornstars Memorial Part 2 – YouTube

Chiunque guardi un filmato pornografico, anche gratuito su internet, è parzialmente corresponsabile di queste morti. Ognuno in virtù del libero arbitrio è libero di fare le scelte di vita che ritiene più adeguate alla propria esperienza ma bisogna anche ricordare il Dolore che infligge agli “Altri” in virtù di queste scelte. Quindi ora dopo aver letto questo articolo e visto questi Video, è necessario fare una Scelta Responsabile fra il guardare Video Porno e sostenere l’industria che vi sta dietro o astenersi dal farlo e toglierle il nostro sostegno.

Link: Ran Gavrieli | Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.