Fawn mucchina coraggiosa

Fawn Mucchina Coraggiosa

Fawn mucchina coraggiosa 003La Storia Di Fawn

In passato avevo già pubblicato la storia di Fawn mucchina coraggiosa (link: Fawn la mucca salvata dall’allevamento), ora ci sono degli aggiornamenti.

Fawn è nata in un allevamento intensivo dove la madre l’ha partorita chiusa in una stalla che non le permetteva nemmeno di sdraiarsi, così durante il parto Fawn è caduta nella fossa del letame retrostante battendo le ginocchia anteriori e restando tutto un giorno immersa nelle feci delle altre mucche, mal curata dal veterinario dell’allevamento la sua situazione si è aggravata tanto da dover essere soppressa.

Ma una donna del luogo l’ha salvata e gli ha prestato le prime cure, poi non potendo prendersene cura ulteriormente l’ha affidata al Woodstock Sanctuary, un santuario per il recupero di animali da fattoria maltrattati.

Fawn mucchina coraggiosa 005Qui Fawn è stata curata da un’equipe di veterinari (video:Fawn Amazing Recovery – YouTube) e grazie a dei tutori è stata rimessa in grado di camminare, Qui la sua pagina Web: Fawn – Woodstock Sanctuary ,La sua pagina Facebook con più di un milione di contatti: https://www.facebook.com/video.php?v=….

Fawn mucchina coraggiosa 004Ora Fawn non cammina molto bene, ma grazie alle cure e all’amore di Jenny cofondatrice del centro (anche lei disabile priva di un arto), è in grado di giocare a calcio e di muoversi in libertà all’interno della fattoria (video: Year in Review: Woodstock Farm Sanctuary – YouTube).

Fawn mucchina coraggiosa 06 Fawn mucchina coraggiosa 07Il Woodstock farm animals Sanctuary non si occupa solo di Fawn ma nel 2015 ha seguito più di 200 animali afflitti dai problemi più diversi occupandosi di loro con amore e ridandogli la dignità che meritano, Video: Lexi the Rescued Piglet Has a Lust For Life! – YouTube.

Fawn mucchina coraggiosa 1Certamente questo santuario non può risolvere il problema dello sfruttamento degli animali da fattoria ma almeno con il suo esempio crea una forma pensiero “Amore per gli animali” e grazie all’informazione della rete questa si propaga e amplifica nella coscienza collettiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.