Come Depurarsi Dai Metalli Pesanti

Come Depurarsi Dai Metalli Pesanti E Ridurre L’esposizione

Pubblicato il da beatrice

Come Depurarsi Dai Metalli Pesanti 2di Marta Albè e Carmela Giambron

I Metalli Pesanti Possono Causare Allergie, Intolleranze E Intossicazioni. Possono Avere Effetti Cancerogeni E Interferire Con I Nostri Geni.

Pensiamo, ad esempio, all’ampia diffusione dell’allergia al nichel, uno dei metalli pesanti più diffusi. Vi sono poi oltre al nichel, anche arsenico, cadmio, piombo, mercurio, cromo, alluminio e cobalto.

I metalli pesanti entrano a contatto con il nostro organismo soprattutto attraverso i cibi che ingeriamo e l’aria inquinata che respiriamo. Ecco, dunque, alcuni consigli per iniziare a depurare il proprio organismo dai metalli pesanti e ridurre l’esposizione alle tossine.

1) Zeolite. La Zeolite è un minerale di origine vulcanica. E’ considerata un vero e proprio spazzino dell’organismo. La sua struttura microporosa permette l’assorbimento dei metalli pesanti e delle sostanze dannose che circolano nel nostro corpo. Viene spesso utilizzata negli apparecchi ionizzatori e alcalinizzatori per purificare l’acqua di casa.

2) Clorella. L’alga clorella è una microalga unicellulare che vive nelle acqua dolci. La sua assunzione come rimedio naturale favorisce l’eliminazione dei metalli pesanti e l’espulsione delle scorie da parte dell’organismo. E’ in grado di ridurre le reazioni allergiche e gli stati infiammatori dovuti all’accumulo di metalli pesanti nel nostro corpo. Può essere acquistata in erboristeria sotto forma di integratore naturale alimentare in capsule.

3) Coriandolo. Il coriandolo, conosciuto anche come prezzemolo orientale o cinese, svolge un’interessante azione chelante nei confronti dei metalli pesanti. E’ particolarmente utile per la rimozione del mercurio, che può essere presente negli spazi tra le cellule e nel nucleo cellulare. L’accumulo di mercurio può causare danni al Dna. E’ efficace anche contro cadmio, piombo e alluminio presenti nelle ossa o nel sistema nervoso. Si consiglia di assumere il coriandolo accompagnato dalla clorella, in modo che le tossine non vengano riassorbite.

4) Curcuma. La curcuma è una spezia di origine orientale molto preziosa e ricca di proprietà benefiche. Tra di esse troviamo la capacità di purificare l’organismo dalle tossine, dai metalli pesanti e dagli agenti inquinanti. Purifica il sangue, facilita la digestione e la depurazione dell’organismo. Le proprietà della curcuma, come comprovato da recenti ricerche scientifiche, vengono attivate in abbinamento al pepe nero. Non dimenticate, dunque, di aggiungere ai vostri piatti un pizzico di entrambe le spezie. Per l’impiego della curcuma a scopo curativo, come integratore, è bene rivolgersi ad un erborista. Per potenziare gli effetti benefici della curcuma, si consiglia, infine, di abbinarla allo zenzero.

Come Depurarsi Dai Metalli Pesanti 15) Aglio. L’aglio non è un semplice alimento, ma un vero e proprio medicinale naturale. E’ conosciuto e utilizzato fin dall’antichità come rimedio naturale per purificare il sangue e migliorare la circolazione. E’ in grado di respingere le tossine dal corpo per via del suo contenuto di zolfo. L’abbondante presenza di selenio bioattivo nell’aglio lo rende efficace per proteggerci dalla tossicità del mercurio. Lo zolfo, invece, contribuisce ad ossidare metalli pesanti come cadmio e piombo, rendendoli solubili in acqua.

6) Acqua e limone. Per ottenere acqua pura, libera dai metalli pesanti e alcalina, è possibile rivolgersi ad alcuni strumenti adatti a renderla alcalina e a depurarla dalle sostanze indesiderate. Bere acqua e limone la mattina presto appena alzati permette di compiere una profonda pulizia del nostro organismo, favorendo l’eliminazione delle tossine e dei metalli pesanti. Questo rimedio naturale rafforza il sistema immunitario e regola il metabolismo.

7) Frutta e verdura bio. La frutta e la verdura coltivate industrialmente e con l’utilizzo di pesticidi e di fertilizzanti chimici, possono rappresentare una delle fonti di metalli pesanti provenienti dalla nostra alimentazione. Scegliere frutta e verdura biologica, o comunque coltivata in modo naturale, permette di limitare la nostra esposizione ai metalli pesanti contenuti nei fitofarmaci. Il consumo stesso di frutta e verdura cruda, ricca d’acqua, favorisce l’espulsione da parte dell’organismo dei metalli pesanti. I maggiori vantaggi, soprattutto dal punto di vista dell’eliminazione delle tossine da parte dell’intestino, si otterrebbero consumando frutta e verdura cruda e biologica.

8) Bentonite. La bentonite è una particolare forma di argilla conosciuta da secoli per le numerose proprietà curative. Viene impiegata da secoli sia come integratore alimentare che per il trattamento delle malattie. E’ ritenuta utile per assorbire virus e tossine. E’ considerata un vero e proprio chelante naturale, efficace nel rimuovere i metalli pesanti accumulati nell’organismo. La bentonite, che contiene ioni negativi, sarebbe in grado di attirare le tossine, cariche positivamente. Per una cura disintossicante e chelante a base di bentonite, è bene rivolgersi ad un esperto.

9) Psyllium. Lo psillio, conosciuto anche come Plantago ovata o Plantago psyllium, è uno dei rimedi naturali più noti contro la stitichezza. L’accumulo di tossine e di metalli pesanti può essere dovuto ad un cattivo funzionamento dell’intestino. Per favorire la rimozione e l’espulsione delle sostanze indesiderate, è possibile assumere lo psillio sotto forma di integratore naturale o di decotto. Per una cura a base di psillio, personalizzata in base alla propria condizione di salute, è bene rivolgersi ad un erborista.

10) Omega-3. L’assunzione di integratori e di alimenti ricchi di omega-3 è considerata utile per aiutare il nostro organismo a depurarsi dai metalli pesanti. E’ però necessario porre particolare attenzione alle fonti da cui gli omega-3 provengono. Infatti le tipologie di pesce più ricche di omega-3, possono presentare un elevato contenuto di metalli pesanti. Pensiamo, ad esempio, al salmone. E’ però possibile reperire in commercio integratori a base di acidi grassi essenziali di origine vegetale. Sostanze necessarie al nostro organismo per la formazione degli omega-3, sono inoltre presenti nei semi e nell’olio di lino e nelle noci.

Tratto da: “Come depurarsi dai metalli pesanti: 10 alimenti e rimedi naturali”, di Marta Albè

Fonte: http://www.greenme.it

Come Ridurre L’esposizione Ai Metalli Pesanti

Come Depurarsi Dai Metalli Pesanti 3I metalli pesanti, si sa, sono sostanze inquinanti per l’ambiente e di conseguenza anche per noi. Moltissime persone, tuttavia, ignorano completamente che questi metalli sono enormemente presenti nella nostra vita. Il piombo, ad esempio, è presente nelle nostre otturazioni dentali più vecchie, mentre l’alluminio è ampiamente impiegato in diversi campi: in cucina, in campo medico e anche nella cura della persona.

La cosa peggiore di questi inquinanti è che, penetrando nel sistema cardiocircolatorio e linfatico, raggiungono i nostri organi ed i nostri tessuti, depositandosi in essi e accumulandosi. Molti studi hanno purtroppo confermato una correlazione tra l’alluminio e l’incidenza di malattie neuro-degenerative, come l’Alzehimer ed il Parkinson.

A scopo precauzionale, quindi, può essere utile evitare l’uso di caffettiere e pentole in alluminio (optando per il più sicuro inox), di contenitori e fogli di alluminio soprattutto per alimenti caldi. Inoltre, è bene evitare l’uso di deodoranti, dentifrici e saponi che lo contengono (quasi tutti).

Questi possono essere alcuni modi ragionevoli per diminuire l’esposizione del nostro organismo a questo metallo pesante. Ma ce ne sono altri. Quando facciamo la spesa, ad esempio, preferiamo imballaggi in vetro o carta, cercando di evitare accoppiati come il tetrapak, i barattoli di latta o confezioni in carta plastificata ed alluminio. Faremo in questo modo un favore alla nostra salute e anche al pianeta, considerata anche l’impossibilità di riciclo di molti di questi materiali accoppiati.

Tutte queste sono naturalmente piccole cose, ma sappiamo bene che unendo tante piccole gocce si forma il mare. Un’altra scelta saggia è quella di evitare o ridurre al minimo i prodotti confezionati e conservati: preferire alimenti freschi è sempre la scelta migliore. Se scegliamo di cenare fuori, preferiamo piatti poco elaborati e magari, se per lavoro non possiamo tornare a casa per il pranzo, cominciamo a pensare di portare il cibo da casa: non solo questo ci permetterà di risparmiare, ma soprattutto sapremo cosa stiamo mangiando.

In generale, preferiamo il vetro, la carta e l’acciaio inox, cuciniamo noi il nostro cibo e magari se amiamo sperimentare, produciamoci in casa sapone, dentifricio e deodorante: è divertente, economico, ecologico e salutare! Infine, non meno importante, ricordiamoci che i farmaci vanno usati con cognizione di causa: un po’ di dolore non ci ucciderà di certo, anzi ci ricorderà quanto possiamo essere forti, ricorriamo, quindi, ad essi solo quando è strettamente necessario e se proprio non possiamo farne a meno. Troppe persone, purtroppo, prendono con leggerezza i farmaci da banco che, anche se non hanno necessità di ricetta medica, sono pur sempre dei farmaci. Quando possibile, inoltre, scegliamo la fitoterapia.

Link: Fisica Quantistica e Conoscenze al confine

Rivisto da www.fisicaquantistica.it

Tratto da: “Come ridurre nel nostro piccolo l’esposizione ai metalli pesanti”  di Kia-Carmela Giambrone

Fonte: http://www.greenme.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.