Angelite Andrite

Angelite Andrite

Angelite Andrite 007 Chimica: Solfati

Cristallizzazione: Sistema Rombico

Durezza: 3,5 Mons

Colori: Incolore, Azzurro o violetto pallido quando trasparente o traslucida; bianco,malva,rosa,marroncino chiaro-grigio quando presenti impurità incluse.

Elemento: Terra

Segni Zodiacali: Sagittario

Chakra: 5° Centro Della Gola, ha buona risonanza anche sul 6 e 7 chakra

L’Angelite è una variante del minerale conosciuto con il nome di anidrite, è’ formato da solfato di calcio anidro con un sistema cristallino ortorombico. Ha origine evaporitica ed è prevalentemente derivato dalla trasformazione di depositi di Gesso per perdita delle molecole di acqua che gli sono associate.

Questi cristalli formano aggregazioni simili a grappoli i cui i singoli elementi hanno sezione quadrangolare: una sorta di “cavolfiore” cristallino. Particolare e tipico il colore bianco azzurrognolo con la parte centrale dei cristalli quasi grigia, sono osservabili sottili lamelle bianche di calcite estremamente fini e delicate, protette dai cristalli di Anidrite.

Le parti più azzurre dell’Andrite vengono denominate “Angelite” e provengono in massima parte dal Perù, la denominazione “Angelite” costituisce null’altro che un suggestivo nome commerciale atto a catturare l’attenzione e facilitare le vendite.

Si tratta di un minerale orientato alla calma e alla serenità il cui potere è maggiore quando l’utilizzatore ha un maggior livello di evoluzione spirituale.

L’anidrite aiuta a placare gli stati d’animo eccessivi, favorisce la comprensione reciproca e la compassione, è estremamente utile nei casi di attacchi di ansia, di panico, quando il “rosso” emozionale arriva come fuoco che brucia e distrugge, quando tornano in superficie ricordi collegati ad emozioni intense che il corpo fatica ad esprimere (tachicardia, respiro faticoso, ansia, paura).

Favorisce l’armonia e pace fra tutti gli esseri viventi (fratellanza) e la capacità di comunicarlo, migliora l’espressione verbale addolcendola ma anche a comunicare in un gruppo con autorità. La sua energia gentile stabilizza il corpo emotivo, calmando velocemente e apportando serenità e armonia interna ed esterna, disperde paure e irritazioni, favorisce la capacità di perdono, migliora i rapporti con gli altri, dona la capacità di visualizzare i modi per superare le sfide rendendo più facili i cambiamenti necessari.

Angelite Andrite 006Come molte pietre blu, è raffreddante, calmante, lenitiva, e si dice che porti le tonalità di un morbido blu alle estremità del campo elettromagnetico. L’Angelite è stimolante per il terzo occhio, per la gola, e per il chakra della corona, e funziona anche direttamente sul chakra della gola per evocare parole di compassione e di dolcezza.

L’Angelite viene spesso messa sotto un cuscino e utilizzata per aumentare e ricordare gli stati di sogno, in particolare quando è stata ricevuta una guida durante gli stati sogno. Ottima per entrare in contatto e comunicare coi regni angelici, le guide spirituali, lo spirito degli animali e i deva, viene usata nei viaggi astrali e in tal caso viene affiancata dall’ematite che è particolarmente indicata per mantenere il controllo con la realtà mentre si lascia viaggiare la propria coscienza spirituale.

In cristalloterapia L’Angelite come la Crisocolla è utile per lo sblocco emozionale di un femminile con cui ancora siamo in conflitto, in associazione alla Danburite migliora la comunicazione.

Dal punto di vista fisico l’Anidrite contrasta infezioni e infiammazioni della gola, ha un’azione calmante, è utile nell’ansia e per i bambini iperattivi, seda le infiammazioni conseguenti a emozioni rosse violente (collera, aggressività); rilassa la mente ed il fisico; stimola la funzionalità di reni e l’equilibrio dei liquidi.

L’Anidrite è una pietra estremamente delicata sia perché molto tenera e suscettibile di graffi e rotture, sia per la sua terribile sensibilità all’Acqua e all’umidità. Data la scarsissima durezza, l’anidrite non va mai portata a contatto (o in sfregamento) con altre pietre più dure, le persone soggette a sudare dovrebbero evitare di portare l’anidrite a contatto della pelle, dato che l’umidità del sudore la danneggerebbe in breve tempo. Il modo migliore per usare l’Anidrite è tenerla con sé in un sacchetto di lino o cotone posizionato in luogo non umido, altra possibilità è tenerla sotto il cuscino mentre si dorme.

Ovviamente è da escludersi in termini assoluti la pulizia con Acqua e la preparazione di elisir. In caso di necessità, l’anidrite andrà pulita soltanto con un pennellino o un panno morbido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.